Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Maggio 2019 »
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

ARCHIVIO NOTIZIE

21
05
2019
AUDIONEWS
Minestrofferta di lavoro

Minestrofferta di lavoro

In attesa di trovare un lavoro, il programma apolitico ed apartitico Minestrò augura a tutti buone elezioni!

21
05
2019
VIDEONEWS
AQUA la visione di Leonardo

AQUA la visione di Leonardo

A cura di Matteo Guidolin

21
05
2019
VIDEONEWS
Note di Umberto Piersanti

Note di Umberto Piersanti

La certezza della Pena

Sabato, 11 Marzo 2017 19:50  Asterio Tubaldi  Stampa  1842 

Teuco: in più di 30 hanno scelto di licenziarsi accettando la proposta di buona uscita dell'azienda

Teuco: in più di 30 hanno scelto di licenziarsi accettando la proposta di buona uscita dell'azienda

il commento di Vincenzo D’Alessandro della Filctem-Cgil che si occupa di importanti comparti dell'industria e dell'artigianato

Ha perso anche lui un po’ di fiducia nel futuro, Vincenzo D’Alessandro della Filctem-Cgil che si occupa di importanti comparti dell'industria, e dell'artigianato. Lui in tutti questi mesi ha seguito con particolare attenzione la vicenda della Teuco e sin dall’inizio aveva manifestato perplessità sull’accordo sottoscritto perché, dice, “presenta solo uno sguardo al presente e non una prospettiva futura.”

A dargli ragione su questo già da oggi si sono i numeri: circa 30 dipendenti dell’azienda monteluponese, oggi gestita per l’80% dalla Certina Holding e per la parte residua dai suoi ex proprietari, la Fimag del gruppo Guzzini, hanno scelto di chiudere il rapporto con l’azienda, chi andandosene via  licenziandosi chi accettando di farlo alla scadenza del periodo di cassa integrazione previsto al 31 dicembre prossimo. Per entrambi scatta l’accordo sottoscritto nel mese di dicembre, che prevede una buona uscita di 7 mila euro. Per chi si è licenziato questa somma la percepisce subito per gli altri sarà rateizzata sino alla fine dell’anno.

Chi si è licenziato non è perché va in pensione o ha già trovato un nuovo lavoro, precisa D’Alessandro, ma perché sicuramente ha molte perplessità sugli sbocchi occupazionali futuri alla Teuco e per questo ha deciso di andarsene approfittando della buona uscita, che non è enorme ma che può aiutare, insieme all’eventuale anticipo dell’indennità di disoccupazione, ad avviare una nuova attività in proprio.”

L’accordo sottoscritto a dicembre, e approvato dai due terzi dei lavoratori presenti all’assemblea, individuava un’eccedenza di personale di 55 unità, rispetto alle 108 precedentemente indicate, su un totale 182 maestranze. Quelli che non hanno deciso di andarsene subito o al 31 dicembre di quest’anno sono quindi una ventina. Costoro forse sperano di poter avere delle buone ragioni per opporsi al licenziamento o di strappare un accordo migliore rispetto a quello firmato a fine anno.  

“Il numero esatto, precisa D’Alessandro, di chi ha scelto di andarsene ancora non è preciso e lo sapremo fra qualche giorno. Ricordiamoci che parliamo di un’azienda che ha difficoltà anche di liquidità e che, per esempio, la 13° mensilità sarà pagata solo a fine mese. Marzo dovrebbe essere il mese in cui si parte dal punto di vista produttivo ma ad oggi non ci sono segnali distensivi e c’è sempre una procedura di ammortizzatore aperta. A fine anno si valuterà, anche in base allo stato di salute dell’aziendale, gli eventuali licenziamenti: se ci fosse una ripresa sarebbe assurdo procedere ai licenziamenti, bisognerà capire il numero degli esuberi in ragione della produzione: vedremo mese per mese la situazione ma ho poche speranze per il mantenimento dell’occupazione.”

D’Alessandro segue anche altre aziende del territorio dove la situazione sembra volgersi più in senso positivo. “Ci sono aziende che affrontano momenti complessi ma che, con una programmazione, riescono poi a costruire un percorso virtuoso.”

 

 

 

opinioni a confronto

2 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  13/03/2017 17:52  vincenzo foti

    Non si dimentichi, tuttavia, che il cosiddetto accordo è stato sottoscritto con la maggioranza dei voti dei lavoratori in apposita assemblea.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  0   Rimuovi


  • 1  12/03/2017 18:58  Anonimo233

    I sindacati....altro problema grosso dell'Italia!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  4   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
23
05
2019
“Me lo leggi?” A Porto Recanati letture animate per i più piccoli

“Me lo leggi?” A Porto Recanati letture animate per i più piccoli

Appuntamento per domenica 26 maggio a partire dalle 17.00.

20
05
2019
IL MAR DA LUNGI: SECONDO EVENTO DI CLIMBING URBANO AL PARCO DEI TORRIONI DI RECANATI E RACCOLTA FONDI

IL MAR DA LUNGI: SECONDO EVENTO DI CLIMBING URBANO AL PARCO DEI TORRIONI DI RECANATI E RACCOLTA FONDI

 

Sabato 1 giugno, torna l’assalto ai Torrioni con la seconda “arrampicata” organizzata dall’Associazione Whats Art in zona San Francesco

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür