Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Giugno 2019 »
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

ARCHIVIO NOTIZIE

15
06
2019
Montecassiano, la sezione dell’Avis compie 55 anni

Montecassiano, la sezione dell’Avis compie 55 anni

Domenica il festeggiamento dell’anniversario con corteo, celebrazione liturgica e ufficiale

14
06
2019
Il Cambiamento a Recanati

Il Cambiamento a Recanati

riflessione ironica ma seria del Professor Cuomo, architetto, da anni a Recanati e innamorato della nostra città

13
06
2019
AUDIONEWS
Intervista a Jonathan Arpetti

Intervista a Jonathan Arpetti

autore del libro "Leopardi si tinge di nero" insieme a Christina B. Assouad

Venerdì, 16 Febbraio 2018 09:16  Asterio Tubaldi  Stampa  635 

Arrestati quattro albanesi per quella tonnellata circa di marijuana abbandonato sulla spiaggia di Porto Recanati nel giugno scorso

Arrestati quattro albanesi per quella tonnellata circa di marijuana abbandonato sulla spiaggia di Porto Recanati nel giugno scorso

Era la mattina del 29 giugno e nella notte c’era stato mare burrascoso. Arenati sulla spiaggia di Porto Recanati, all’inizio della pineta, i carabinieri hanno trovato 915 chili di marijuana in una trentina di imballi, che avrebbe fruttato ai suoi proprietari ben cinque milioni di euro, un motoscafo da altura, bianco, con due motori da 200 cavalli del costo di circa 50mila euro, 28 taniche piene di benzina (da 20 a 30 litri), quattro bottiglie d’acqua, un giaccone, un paio di scarpe, un paio di sandali, una maglia e altri quattro imballi di marijuana a circa 50 metri dal motoscafo, nascosti in pineta. La banda stava aspettando i complici con la scorta di benzina per riattraversare l’Adriatico ma il motoscafo si è arenato e non c’era stato modo di farlo ripartire.

Ieri all’alba per quel fatto quattro albanesi, tutti regolari in Italia, K. R., 34enne, F. P., 49enne, G. E., 30enne e H. K., 26enne (uno di loro è tra i soci di una nota discoteca sulla costa pesarese mentre gli altri sono residenti ad Ancona, Roma e Lodi), sono finiti in manette. Per tre di loro si sono aperte le porte del carcere mentre il quarto è ai domiciliari con braccialetto elettronico.

Ieri il maggiore Enzo Marinelli di Civitanova ha spiegato che sono risaliti alla loro identità partendo proprio da quelle taniche di benzina individuando la ditta produttrice e, dai codici, i due negozi a Senigallia che le avevano vendute. Dalle riprese del sistema di videosorveglianza, interno ed esterno, del negozio, poi sono riusciti a risalire al voto degli indiziati. Importante è stato anche il lavoro effettuato sui tabulati telefonici per ricostruire i movimenti della banda.

opinioni a confronto

3 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  16/02/2018 13:35  Anonimo826

    Le ricchezze.....provenienti da fuori

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  1   Rimuovi


  • 1  16/02/2018 11:35  Anonimo539

    Forza e coraggio rimbocchiamoci le mani e facciamo piazza pulita da questi ed dagli altri delinquenti che ormai agiscono senza timore.
    Giudici fate la vostra parte.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  1   Rimuovi


  • 2  16/02/2018 11:15  Anonimo788W l Italia

    Andassero a vendere la " Roba " a casa loro maledetti ,via fuori dai coglioni altro che braccialetto o dar loro da mangiare in galera che sono già strapiene .E mi auguro che chi di dovere sia deciso e non morbido come succede in Italia .

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  1   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
rinnovar2-sponsor silver

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür