Stampa questa pagina

Sabato, 12 Gennaio 2019 16:57  Asterio Tubaldi  383 

Processo per Reccia il 27 febbraio prossimo

Processo per Reccia il 27 febbraio prossimo

Dorel Klosi, 25 anni albanese difeso dai legali Christian Schicchi e Paolo Cognini, è stato condannato dai giudici del Tribunale di Ascoli Piceno, al termine del processo con il rito abbreviato, a 4 anni di reclusione e al pagamento di un’ammenda di 40 mila euro. Andrea Reccia, invece, 64enne napoletano, all’epoca dei fatti residente a Recanati, il giudice dell’udienza preliminare Barbara Caponnetti, ha stabilito il rinvio a giudizio con il rito ordinario fissando la prima uidienza del processo per il prossimo 27 febbraio. I due, come si ricorderà, erano stati coinvolti il 2 settembre del 2017 nella maxi operazione con cui la Guardia di Finanzia riuscì a sequestrare alla foce del fiume Tronto circa 2,3 tonnellate di marijuana appena sbarcata da due grossi gommoni provenienti dall’Albania. Massimo di Bonaventura, legale di Reccia non è rimasto meravigliato della decisione del giudice, ottenendo in fondo di andare al dibattimento che, afferma, "mi consentirà di dimostrare in quella sede la completa estraneità del mio assistito". L’accusa, da cui dovrà difendersi, è quella di detenzione di droga, aggravata dall’elevata quantità, con evidente finalità di spaccio. Reccia ha sempre dichiarato, però, di trovarsi lì quella sera, alla guida del furgone pieno di taniche di carburante, solo per fare un piacere allo zio albanese dello stesso Klosi senza sapere nulla di quello che sarebbe accaduto.