Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Luglio 2019 »
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

ARCHIVIO NOTIZIE

Martedì, 26 Febbraio 2019  Nikla Cingolani  Stampa  252 

Intervista ad Alessandro Moscè

Intervista ad Alessandro Moscè

"Gli ultimi giorni di Anita Ekberg"

Appuntamento con l'arte 25 febbraio 2019 - Presentazione dell'ultimo romanzo del poeta, saggista, giornalista, Alessandro Moscè dal titolo "Gli ultimi giorni di Anita Ekberg" dedicato all'attrice entrata nell’immaginario collettivo associato al film La dolce vita. Indimenticabile la scena in cui, nei panni di Sylvia, la provocante diva svedese, fa il bagno nella Fontana di Trevi sussurrando invitante “Marcello, come here, Hurry up!”, scena che rimane tra le più leggendarie della storia del cinema.

Una foto iconica (forse di Otello Martelli?) la ritrae biondissima, sensuale, con i lunghi capelli sciolti sulle spalle e un abito da sera nero con scollatura a cuore mentre con la mano cerca di raggiungere il getto della fontana lasciandosi bagnare. Questa immagine, copertina del libro, sintetizza la storia di Anita e la sua bellezza come trasmissione di un valore: quello della vita. Anita è nel pieno fulgore della sua esistenza. Come una Venere, immersa nelle gelide acque della fontana, sembra cercare ad occhi chiusi con un braccio alzato "il principio di tutte le cose" e, con l'altro braccio puntato verso il basso il "termine ultimo della realtà". Ungaretti direbbe "La morte si sconta vivendo" per raggiungere quella pace che viene pagata a caro prezzo con le sofferenze della vita, soprattutto quando viene meno lo splendore della giovinezza e la salute fisica come nel caso di Anita. Tuttavia, per quello che lei è stata e ha rappresentato, vivrà in eterno nel nome della bellezza grazie all'arte. 

Nel libro "torna il tempo trascorso con Fellini, Mastroianni, Risi, Agnelli, l’incontro con Salvatore Quasimodo, e si riaffacciano gli uomini che l’hanno amata passionalmente come coloro che l’hanno tradita nella fiducia. Fellini le appare in sogno ad indicarle una via d’uscita dalla paura della morte. Stringe amicizia con alcune inservienti dell’istituto. Un anacoreta d’altri tempi, un prete dedito all’alcool, una signora minuta e garbata, un giornalista impiccione aleggiano in una quotidianità surreale e liberano i fantasmi, tra cose mai dette che emergono nelle zone d’ombra che ognuno di noi si porta dentro. La metafora dell’esistenza è racchiusa in un quadernone dove appunta, tramite lettere che non spedirà mai, impressioni e stati d’animo, racconti visionari e preveggenze, sedute spiritiche e nostalgici flash back"

Clicca e ascolta

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
rinnovar2-sponsor silver

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür