Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Giugno 2019 »
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

ARCHIVIO NOTIZIE

villa teresa cena verticale
15
06
2019
Montecassiano, la sezione dell’Avis compie 55 anni

Montecassiano, la sezione dell’Avis compie 55 anni

Domenica il festeggiamento dell’anniversario con corteo, celebrazione liturgica e ufficiale

14
06
2019
Il Cambiamento a Recanati

Il Cambiamento a Recanati

riflessione ironica ma seria del Professor Cuomo, architetto, da anni a Recanati e innamorato della nostra città

13
06
2019
AUDIONEWS
Intervista a Jonathan Arpetti

Intervista a Jonathan Arpetti

autore del libro "Leopardi si tinge di nero" insieme a Christina B. Assouad

Venerdì, 08 Marzo 2019 22:05  Asterio Tubaldi  Stampa  493 

Io nel pensier mi fingo

Io nel pensier mi fingo

Sarà aperto al pubblico dal prossimo 15 aprile il viaggio virtuale “Io nel pensier mi fingo” che l’arch. Giancarlo Muselli, scenografo del film “Il giovane Favoloso” di Mario Martone, ha ideato: “L’installazione, dice, è stata pensata per rendere la visita più completa e stimolante possibile, consentendo un viaggio virtuale negli spazi fisici e mentali abitati da Giacomo all’epoca della sua infanzia. Lo scopo era duplice: rendere possibile un’esperienza, seppure virtuale, degli ambienti privati del palazzo e partire da questo spunto per raccontare una piccola biografia che, muovendo dai luoghi concreti, ricordasse le fasi e i passaggi della vita quotidiana, della formazione e della produzione intellettuale di Giacomo”. Fabiana Cacciapuoti, leopardista, responsabile delle Carte Leopardiane della Biblioteca Nazionale di Napoli, aggiunge che   "Il nodo centrale che ha guidato la sceneggiatura del multimediale che si presenta, al di là della visita virtuale alle stanze private di Palazzo Leopardi, è l’immagine che di quelle stanze ha lo stesso Giacomo”.  

Da oggi è aperto, invece, il museo permanente degli oggetti che hanno fatto parte della vita del poeta Giacomo Leopardi. La mostra è stata allestita nei locali al piano terra del palazzo nobiliare. Un percorso che si articola in dieci sezioni storico-tematiche che consentono di “passeggiare” insieme a Giacomo nella sua storia, attraverso un corposo patrimonio di oggetti, documenti e scritti tra cui la culla e l’abito di battesimo di Giacomo, i giochi d’infanzia, gli autografi puerili, l’abito da cerimonia di Monaldo gonfaloniere, il preziosissimo orologino da cintura con châtelaine appartenuto alla madre del poeta, Adelaide Antici, il calamaio in ceramica col quale è stato scritto L’Infinito e, esposti per la prima volta solo nel 2019, i frammenti dell’abito e del legno della cassa recuperati dalla tomba del Poeta nella chiesa di San Vitale in Fuorigrotta. “Per quanto il virtuale ci avvolga e ci coinvolga, l’emozione che si prova di fronte ad un oggetto reale è secondo me fortissima” commenta la contessa Olimpia Leopardi che non vuol prendersi tutto il merito dell’innovazione additando nel recanatese Francesco Fabretti, da tempo importante collaboratore di casa Leopardi, colui che ne ha avuto la geniale intuizione.

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür