Segnala il commento come inappropriato

Se non c'è stata una aggressione o un atto di violenza non vedo nulla di strano, tanto meno di "provocatorio" nella iniziativa di alcuni giovani di manifestare semplicemente il proprio pensiero, su un fatto tragico del nostro tempo, la morte in mare o la collocazione in campi di concentramento e di tortura in Libia di persone che hanno la sola colpa di migrare sfuggendo alle guerre, alla povertà ed alla fame, mentre c'è chi costruisce su questo le sue fortune politiche, andando contro la legge e contro ogni valore umano. Ce ne vorrebbero tante di tali manifestazioni del pensiero democratico, antirazzista, antifascista, per impedire la barbarie verso la quale stiamo precipitando, correndo dietro ai seminatori di odio, che mettono i penultimi nella società contro gli ultimi, mentre non si mettono in discussione le cause reali delle disuguaglianze, delle povertà e della emarginazione sociale di tanti.