Segnala il commento come inappropriato

Arrivano i soliti ignoranti che speculano sulla poca informazione dei cittadini per scopi bassamente elettorali.
E' già successo a Recanati con la disinformazione messa in piedi da Corvatta che gli fece vincere le elezioni. Ora Recanati non può temere nulla per l'impatto ambientale dell'elettrodotto, i tralicci già ci sono.
Per i presunti pericoli dei campi elettromagnetici, dal 1999 in poi, un'enorme quantità di studi internazionali hanno dimostrato che non ci sono. Basta far pagare ai cittadini i costi e i disservizi di pochi cialtroni che agitano le acque per scopi elettorali.