Segnala il commento come inappropriato

Per il cantiere del mio fabbricato di Montevolpino lesionato dal terremoto ho avuto la necessità di occupazione di suolo pubblico in Via 1° luglio. La ditta è stata costretta a smontare le transenne della piazzola tutti i venerdì pomeriggio e a rimontare le stesse il lunedì mattina, spesso con ampi ritardi perché il suolo pubblico, (per la cui occupazione sono si è pagato profumatamente) risultava occupato da auto. Non è stato concesso di far slittare di due posti le bancarelle per evitare questo aggravio di lavoro adducendo a motivo il fatto che il mercato non poteva essere minimamente disturbato.