Segnala il commento come inappropriato

"Semaforo ingiustamente contestato...qualcuno vorrebbe..una rotatoria"??? Forse l'Assessore non ricorda che la rotatoria sulla S.S. 16 non è una fantasia di qualche residente, ma un'opera di urbanizzazione prevista nelle convenzioni di alcune lottizzazioni in zona ( Via delle Ville, Del Frantoio, Dei Pini) introdotte e firmate da Giunte di cui faceva parte.
Alcune delle Ditte che erano obbligate ad eseguire l'opera hanno sospeso i lavori sui loro lotti, altre non li hanno mai iniziati. (escutere le fidejussioni, no?)
Forse non ricorda l'Assessore che l'ANAS non ha dato il nulla osta alla rotatoria non certo perché era pericolosa, piuttosto perché il progetto di massima proposto dalla Pubblica Amministrazione non aveva i requisiti dimensionali previsti dal Codice della Strada!!
Infine, se servono almeno dieci strutture ricettive a Porto Recanati per quale motivo le Amministrazioni di cui ha fatto parte hanno nell'ordine:
- consentito lo stralcio dell'Hotel che doveva essere realizzato nella lottizzazione del Borgo Marinaro (l'Hotel avrebbe sicuramente dato vita alla piazza ed alle attività commerciali della zona).
- consentito la riduzione di circa 2/3 della capacità dimensionale e ricettiva del LIFE Hotel?
- consentito la riconversione in appartamenti dell'Hotel Bianchi?
- consentito la riconversione in appartamenti dell'Hotel Lido delle Nazioni?
e ancora...
- perché l'hotel Royal è chiuso ed è diventato un ricovero per disperati?
- perché l'Hotel Regina non trova acquirenti pur essendo in vendita da alcuni anni?
-perché le aree destinate a strutture ricettive sullo Stradone dei Sorbelli sono lì da anni e nessuno le acquisita?
- idem per l'area cosiddetta "Pierantoni" o Villaggio Montarice"?
e infine
- perché la settimana scorsa ha retrocesso l'area "De Marco" da ricettiva ad agricola? Solo perché De Marco lo ha chiesto?
- perché in aperta contraddizione con le esigenze di pianificazione urbanistica (avere più strutture) l'Assessore Toschi la scorsa settimana ha dichiarato in Consiglio Comunale che (oltre a De Marco) sono state inviate lettere a diversi proprietari di aree, per chiedere se anche loro vogliono retrocedere i terreni da edificabili ad agricoli? Il vicesindaco brama per avere più strutture e l'assessore invita a retrocedere ad agricole le aree su cui potrebbero essere edificate. Fantastico esempio di identità di vedute!
Sia in un verso che nell'altro, la politica a Porto Recanati sembra seguire da troppo tempo le istanze dei privati e le logiche del momento piuttosto che un'idea organica e coerente di sviluppo turistico.
Qui qualcosa non torna Vicesindaco, anzi qui non torna più nulla.
Non si può cercare di convincere le persone di una cosa e, la settimana successiva, dell'esatto contrario!