Segnala il commento come inappropriato

Un professore che per far valere le sue idee politiche (inutile nascondersi dietro il dito dell’educazione alla libertà di pensiero) provoca deliberatamente scompiglio in un’assemblea per la sensibilizzazione alla Memoria (ormai anche ricordare sembra diventato un insegnamento da dare), forse dovrebbe capire che non è adatto al ruolo che svolge: la storia sarà pur fatta di revisioni, ma 6000000 di morti non sono, ahivoi, trasformabili in vittime della Resistenza.
Mi spiace per chi lo ha come professore.
Simpatica la solita “liberale” posizione di Radio Erre........