Segnala il commento come inappropriato

Legga bene, quasi sindaco Bravi..

Appalto pulizie e personale acquisito, il COSMARI: "nessun deluso e accordi stretti con dipendenti e sindacati nella piena soddisfazione di tutti. Lavoriamo insieme per avere una città sempre più pulita e vivibile"

 



Nota congiunta del COSMARI e del sindaco di Recanati Antonio Bravi

RECANATI - A seguito delle dichiarazioni a mezzo stampa inerenti la gestione del servizio di igiene urbana che il Comune di Recanati ha affidato, come stabilito dall’ATA 3, al Cosmari srl e al monte ore previsto nei nuovi contratti dei dipendenti assorbiti da Cosmari, il Direttore Giuseppe Giampaoli, in accordo con il Sindaco di Recanati Antonio Bravi, ritiene necessario precisare alcuni fondamentali aspetti per meglio chiarire tutta la vicenda.

Innanzitutto è bene premettere che nell’assumere il servizio di igiene urbana di Recanati, come negli altri comuni dove operavano le cooperative, il COSMARI ha garantito il mantenimento dei posti di lavoro con la conservazione delle stesse ore precedentemente determinate.

Da sottolineare che sono 7 le unità lavorative a cui è assicurato un futuro certo e un inquadramento contrattuale adeguato.

Sono 7 unità lavorative (non 6 come indicato), che equivalgono a 5 lavoratori a tempo pieno. Prevedendo il contratto che applica Cosmari retribuzioni orarie maggiori di quello delle cooperative tutti percepiscono salari già più alti a parità di ore.

A questi lavoratori sono stati subito aggiunti n. 1 unità lavorativa ex Comune e un dipendente Cosmari in possesso di patente C (si ricorda che il progetto prevede un impiego di n. 7 unità lavorative totali).

A quanto risulta alla Direzione aziendale non risultano esserci lavoratori delusi. Almeno non si sono appalesati tali in nessuna occasione: abbiamo con loro attivato un percorso e sottoscritto accordi in piena collaborazione e direi soddisfazione reciproca.

I dipendenti hanno ben compreso che Cosmari è una società seria che deve in primo luogo assicurare i servizi al meglio, ma che garantirà a loro una stabilità di lavoro sicuramente diversa dal passato.