Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
video e interviste di RadioErre su notiziemultimediali.it

ARCHIVIO NOTIZIE

« Dicembre 2018 »
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429

Mercoledì, 18 Febbraio 2015  Asterio Tubaldi  Stampa  2596 

Pierfrancesco Leopardi: sono disponibile alla prova del DNA,  ma i recanatesi sono d’accordo?

Pierfrancesco Leopardi: sono disponibile alla prova del DNA, ma i recanatesi sono d’accordo?

Pierfrancesco Leopardi: sono disponibile alla prova del DNA

ma i recanatesi sono d’accordo?

 

Questa è la domanda che il pronipote del nostro Poeta ha rivolto ai presenti durante l’incontro  di martedì 10 febbraio al teatrino dell’Assunta dell’IRCER, presentato dal dott. Sergio Beccacece, dopo le proiezioni dei film storici recuperati da Roberto Tanoni. Da una parte ci sono coloro interessati esclusivamente alla poesia leopardiana, totalmente indifferenti a sapere se i resti sono del Poeta. Poco importa. “Facciamolo riposare in pace” esclama la professoressa Aurora Mogetta, intervenuta come Rettore dell’Università di Istruzione Permanente. Dall’altra c’è invece l’esigenza di appellarsi alla scienza per arrivare alla verità e far luce sul questo mistero che da anni appassiona o disturba, secondo i punti di vista. C’è da dire che a Napoli  diverse salme “eccellenti” sono scomparse misteriosamente e quella di Leopardi è tra queste. Secondo Ranieri Giacomo muore per un attacco d’asma in un momento in cui  Napoli è colpita dal colera e i cadaveri si seppelliscono nelle fosse comuni. Nella Parrocchia di Fonseca viene iscritta la morte con questa dicitura “Giacomo Leopardi morto il 14 giugno 1837. Sepolto nel cimitero dei colerosi. Ha ricevuto i sacramenti”. Per dimostrare che Leopardi non è morto di colera viene praticata da un chirurgo, un’incisione sul torace, altrimenti la chiesa di S. Vitale non lo avrebbe accolto. Sette anni dopo, nel 1844, la bara viene spostata nel vestibolo. Ranieri la apre e ne verifica il contenuto, dopo aver espresso il desiderio di rimanere solo. 1897 la tomba di Giacomo Leopardi viene dichiarata monumento nazionale. 1900 la riesumazione. Il contenuto della cassa non è quello che si attendeva. I resti sono confusi, il cranio è sparito. Per molti studiosi il corpo si trova nel cimitero dei colerosi al Monumentale di Napoli. Per altri esiste una spiegazione. Nel 1898 viene restaurato il pronao della chiesa di S. Vitale. Un maldestro muratore durante i lavori rompe la cassa dove è deposto il corpo del poeta. Le ossa si frantumano e si mescolano ai calcinacci. “i muratori in fretta e furia raccolsero le ossa, ch'erano uscite fuori della cassa. Però, per timore che il Parroco fosse ritornato presto, non poterono avere quella cura, che la circostanza richiedeva. Si aggiunga che proprio li vicino si trovarono radunate parecchie altre ossa umane, che si dovevano trasportare al cimitero, per deporle nell'ossuario comune (tratto della lettera del 10 dicembre 1938 al Vescovo di Pozzuoli Alfonso Castaldo del sacerdote Salvatore Triunfio). Il manovale cerca di riparare il danno coprendo la parte rotta della cassa con un pezzo di legno di fortuna. Nel 1934 viene traslato nel mausoleo del parco di Virgilio a Piedigrotta per volere del Duce, di cui il breve filmato a testimonianza. Ancora oggi quel 21 luglio 1900 divide il mondo letterario. Riaprire la tombe getterebbe luce a tutta la faccenda ma la maggior parte della famiglia Leopardi non è assolutamente d’accordo a sottomettersi alla prova. Quella di Pierfrancesco sembra più una provocazione. Leopardi appartiene a tutti, ha detto, ed è come se tutti, soprattutto i recanatesi fossero legati al Genio, come se il gesto di sottomettersi alla prova del DNA fosse un’azione collettiva dove tutti, ma proprio tutti, si sottomettessero alla prova.

Siamo davvero pronti a sapere la verità?

 

NiklaCingolani

4 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  21/02/2015 15:17  Sisto V

    Beccacece non sa una cosa: leopardi ha avuto l'estrema unzione da Papa Bergoglio!!!!!!
    non è sensazionale questo?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 1  20/02/2015 23:16  Marco Belelli

    ....e' giusto scavare... Per conoscere la verita''...Capisc.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 2  20/02/2015 08:47  anna

    Ma perchè non lasciate in pace questo uomo, che viene prima del poeta. Qualcuno per fare sensazionalismo si venderebbe la propria madre. E lasciate in pace anche il leopardi vivente per piacere!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  0   Rimuovi


  • 3  19/02/2015 01:20  Loretta Marcon

    Questo articolo parla di varie "opinioni" e/o notizie di seconda mano (incisione sul torace, ossa frantumate, manovale che ripara al danno ecc...) non suffragate da prove sufficienti. A queste se ne potrebbero aggiungere molte altre... Qui si dimenticano fatti storici importanti e provati da documenti che sollevano dubbi fondati. Dubbi che diventano certezze che non sto a ripetere qui. Non sono fatti così semplici da poter essere sviscerati in poche righe, perché si rischia di banalizzare qualcosa di molto delicato e complesso. Credo sia doveroso cercare la verità storica di ogni fatto (almeno per quanto sia possibile). Ciò vale, dunque, anche per i "misteri" che circondano gli ultimi istanti di vita e il riposo di Giacomo Leopardi al fine di correggere le tante notizie errate, qualcuna delle quali al limite della leggenda, che circolano sulla sua morte e soprattutto sulla sua sepoltura. Una seria ricerca sarebbe auspicabile, a patto che venga compiuta non certo per amore di "sensazionalismo" (come già ho scritto e detto più volte) ma solo per la "Verità" e forse anche, per certi versi, per un "risarcimento" (postumo) a Giacomo Leopardi.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  0   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
13
12
2018
SERATA DI GALA PER RAFFAELE CURI A POTENZA PICENA

SERATA DI GALA PER RAFFAELE CURI A POTENZA PICENA

Venerdì 28 dicembre 2018 - Cappella della Congrega dei Contadini, p.zza S Stefano