Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Maggio 2017 »
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
Bastian Contrario - rubrica curata da Asterio Tubaldi
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
29
04
2017
Da 50 anni…Grazie Totò

Da 50 anni…Grazie Totò

La S.O.M.S. organizza una serata speciale dedicata al Principe della risata 

25
04
2017
VIDEONEWS
Maurizio Galimberti: uno scatto storico

Maurizio Galimberti: uno scatto storico

Una polaroid gigante per raccontare un grande dolore

24
04
2017
VIDEONEWS
Loretta Marcon un gradevole ritorno al Caffè

Loretta Marcon un gradevole ritorno al Caffè

A Recanati con amore

Mercoledì, 30 Novembre 2016  Nikla Cingolani  Stampa  542 

Tomba Gigli: le statue vanno liberate dal cellophane!

Tomba Gigli: le statue vanno liberate dal cellophane!

Oggi 30 novembre anniversario della scomparsa del nostro tenore 

Il richiamo è della dott.ssa Maria Fortuna della ditta Alchemy, responsabile della pulitura esterna del monumento funebre, convinta che gli ultimi a lasciare il cantiere avessero avuto l’accortezza di togliere l’imballo messo a protezione intorno alle statue durante i lavori. Anche le sculture saranno soggette a restauro, che sarà eseguito insieme a quello degli affreschi, probabilmente nella primavera dell’anno prossimo, ma nell'attesa, per una fruizione più idonea ed esaustiva, possono essere liberate dalla protezione. “A settembre stavano lavorando sul sistema di canalizzazione delle acque; davo per scontato che, una volta finito il lavoro, avessero tolto anche l’involucro dalle statue. E’ stata una dimenticanza ma la pellicola deve essere eliminata, e se non viene nessuno verremo noi a toglierla!” ha esclamato Maria Fortuna. Pronta la risposta di Pierluca Trucchia presidente dell’associazione B. Gigli: “Ci vado io a togliere il cellophane!”. La dottoressa, memore dei moltissimi turisti, soprattutto stranieri, arrivati ad omaggiare il tenore durante il periodo del restauro, auspica che gli involucri siano tolti almeno per Natale. Trucchia ricorda che alla riqualificazione dell’intero monumento si può contribuire grazie all’Art Bonus, sollecitando coloro che hanno promesso un aiuto concreto affinché il pubblico possa rendere omaggio  al grande tenore e una cittadinanza ritrovi finalmente la fierezza di aver rimesso a nuovo un bene comune. L’associazione B. Gigli, che si è resa disponibile alla manutenzione del monumento, si sta preparando per l’anno prossimo con numerose iniziative in vista del sessantesimo anno della morte di Gigli.

 

Intanto questo pomeriggio Trucchia partirà per Roma con Luigi Vincenzoni per partecipare alla Messa organizzata da Dott. Beniamino Gigli Junior, vicepresidente dell’associazione, nella splendida Chiesa Nazionale Argentina in Piazza Buenos Aires, la stessa dove furono state celebrate le funzioni funebri il 30 novembre 1957. Ci saranno inoltre i contributi di chi quanti parteciparono al funerale, come Vincenzoni, invitati a portare la propria testimonianza. 

All'epoca, invitato da Rina Gigli, prese parte alle esequie anche il Tenore Giacomo Lauri-Volpi, alla cui voce fu affidato il saluto estremo di Beniamino con le note di "Pietà Signore" di Stradella,"Panis angelicus" di Franck, l' "Ave Maria" di Mercadante.

Dopo la messa seguirà il concerto "DALLA SCHOLA CANTORUM AL BELCANTO ITALIANO"

A rappresentare lo squisito fraseggio della tecnica belcantistica italiana, il Soprano Astrea Amaduzzi; la giovanissima Marta Pacifici darà voce a tutti i "Pueri Cantores" d'Italia, (non dimentichiamo che Gigli prima di iniziare a studiare come tenore, cantò per ben 10 anni come voce bianca sotto la guida del Maestro della Cappella Musicale della Santa Casa di Loreto); spetterà invece alla splendida voce di Giuseppe Morrone rappresentare quell'ideale della voce di tutti i Tenori che anelano alla perfezione che fu incarnata dal grande Gigli.

Maestro all'organo e concertatore, il Direttore d'orchestra Mattia Peli, presidente del Centro Internazionale di Studi per il Belcanto Italiano ® "Beniamino e Rina Gigli".

Sarà anche presente Massimo Cortopassi, discendente del Compositore Domenico Cortopassi (1875 - 1961), che come Direttore d'orchestra conobbe e diresse Gigli; in programma infatti anche una pregevole "Ave Maria" di Cortopassi.

 

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
29
04
2017
una passeggiata tra il silenzio e la memoria

una passeggiata tra il silenzio e la memoria

Martedì 2 maggio 2017 - Ore 16,30 - Partenza da Santa Maria in Varano, Recanati

28
04
2017
Cyberbulismo e reati commessi attraverso la rete

Cyberbulismo e reati commessi attraverso la rete

l’U.S. Recanatese ha organizzato un interessante incontro informativo