Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Maggio 2018 »
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Bastian Contrario - rubrica curata da Asterio Tubaldi
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
19
05
2018
Raccontar...scrivendo giunge all'8° edizione

Raccontar...scrivendo giunge all'8° edizione

cerimonia di premiazione sabato mattina al teatro Persiani

18
05
2018
AUDIONEWS
Intervista a Marco Cingolani

Intervista a Marco Cingolani

L'artista recanatese ha eseguito la copia del "Padre Benedicente" del Portale Sant'Agostino

Domenica, 04 Dicembre 2016  Asterio Tubaldi  Stampa  1232 

i rapporti epistolari e letterali fra il conte Monaldo Leopardi e gli intellettuali dell’800

i rapporti epistolari e letterali fra il conte Monaldo Leopardi e gli intellettuali dell’800

Una mostra a Modena svela i rapporti epistolari e letterali fra il conte Monaldo Leopardi e gli intellettuali dell’800. L’iniziativa nasce dalla curiosità dell'avvocato Gibertini il cui bisnonno Giuseppe Cavazzuti, docente di lettere, aveva pubblicato nel 1938 per l'Accademia di Scienze, Lettere e Arti un libro su Monaldo e alcuni eclettici modenesi.

Il nutrito carteggio depositato all'Archivio di Stato e all'Archivio Storico Comunale alla fine ha portato alla realizzazione di questa mostra dal titolo: "Il magnanimo vecchio e il giovane favoloso", cui ha collaborato anche la Biblioteca Estense e il Centro Nazionale di Studi Leopardiani. In quel periodo, nella prima metà dell'800, a Modena nasceva il giornale "La Voce della verità", voluto dal Duca Francesco IV e diretto da Marcantonio Parenti. Fra i collaboratori c’era anche il padre di Giacomo Leopardi, il conte Monaldo, che poi venne stimolato a fondare a Recanati una sua pubblicazione, "La Voce della ragione" che portò avanti anche con l'aiuto della figlia Paolina.

Fino a febbraio l’evento resterà aperto alle scuole con tantissime visite guidate già prenotate. Alla presentazione della mostra ha partecipato anche il Conte Vanni Leopardi in rappresentanza di Casa Leopardi, Laura Melosi in rappresentanza della Cattedra Leopardiana all’Università di Macerata e del CNSL di Recanati e gli studiosi Pantaleo Palmieri e Andrea Campana.

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo