Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

Lunedì, 02 Gennaio 2017  Nikla Cingolani  Stampa  581 

Ricordi di Beniamino Gigli: La VALIGIA DEL TENORE esibita per la prima volta dopo anni di oblio.

Ricordi di Beniamino Gigli: La VALIGIA DEL TENORE esibita per la prima volta dopo anni di oblio.

di Nikla Cingolani

Porto Recanati. Giovedì 5 gennaio 2017 alle ore 17.30 nell'ambito della rassegna "Altrastagione" presso la Pinacoteca comunale "A. Moroni" si terrà un incontro dal titolo “La valigia del Tenore” in onore di Beniamino Gigli. L’evento prevede un concerto con la partecipazione del tenore Augusto Celsi, accompagnato al pianoforte dal M° David Crescenzi. Cancellata invece la presenza del tenore Fabio Armiliato. 

Durante l’evento sarà esibita una valigia e il suo contenuto, un cimelio appartenuto a Gigli e ritrovato circa una ventina di anni fa dopo la ristrutturazione dei magazzini del Castello Svevo, ignorato e dimenticato fino ad oggi presso l’ufficio tecnico del Comune. Al suo interno si trovano un frack, due cartoline datate 1952, scritte dal tenore e indirizzate al suo maggiordomo di Villa Gigli, e una copia della Domenica del Corriere del 1962. Il frak potrebbe risalire al 1938 quando Beniamino Gigli lo indossò per cantare Fedora alla presenza di Umberto Giordano, autore dell’opera e amico del tenore, ma la copia del Corriere, sapendo che la morte di Gigli è avvenuta nel 1957, a chi è appartenuta? A quando risale la valigia? Come mai un cimelio così prezioso è stato dimenticato fino ad oggi? Domande la cui risposta sarà svelata durante l’incontro dove parteciperanno Alberto Nones, direttore artistico di Altrastagione, l’assessore alla Cultura di Porto Recanati Angelica Sabbatini, il Maestro Luigi Vincenzoni e Pierluca Trucchia, Presidente dell’associazione B. Gigli.

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo