Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Domenica, 12 Marzo 2017 22:46  Asterio Tubaldi  Stampa  1491 

Sono trenta le donne che si sono rivolte allo sportello antiviolenza

Sono trenta le donne che si sono rivolte allo sportello antiviolenza

Inaugurata questa mattina  l’insegna, dedicata allo Sportello antiviolenza di Recanati, posta al primo piano del mega parcheggio del Centro Città 2.0, accanto alla biglietteria. Il cartello è stato realizzato grazie ai fondi raccolti durante la prima edizione di Incantevole, Espressioni d’Oriente dello scorso anno, evento patrocinato dal Comune di Recanati, sostenuto e organizzato dall’Associazione culturale Infinito Spazio-ISgalleryo. Presente oltre agli amministratori la criminologa Margherita Carlini, responsabile dello sportello, che ha colto l’occasione per annunciare il potenziamento dell’attività con apertura non più quindicinali ma settimanali. La sede non è più posta all’interno del Palazzo Municipale che d’altra parte è inagibile in seguito al terremoto, ma al primo piano dell’ospedale, tutti i martedì dalle ore 17 alle 19. L’idea di porre l’insegna è nata da Martina Cingolani, allieva della WùXing Traditional Kung Fu school di Recanati diretta dal Maestro Francesco Marinelli, e dal suo desiderio di promuovere la comprensione del kung fu per dimostrare come questa disciplina abbia come obiettivo un’etica della convivenza e della nonviolenza. L’iniziativa è stata un’occasione per riflettere sul tema universale e complesso del rapporto con l’Altro dove è compreso, in modo particolare, il confronto con la donna. Per questo fu avviata una raccolta fondi a favore dello Sportello durante la mostra Visioni ZENitali dei fotografi del C.C.S.R. Le Grazie e Fotocineclub di Recanati, svoltasi dal 6 al 13 marzo 2016, presso l’Atrio Comunale. Lo sportello antiviolenza  ha assistito nell’ultimo anno una trentina di donna che per diversi motivi hanno vinto il timore di riferire ciò accade in famiglia, rivolgendosi alla Carlini per avere assistenza ed affrontare questa loro brutta esperienza. Sono donne per lo appartenenti al ceto medio-basso, di età compresa fra i 25 e i 65 anni, provenienti in modo particolare dai comuni di Recanati, Porto Recanati, Potenza Picena, Montelupone, Osimo e Loreto. Le denunce più comuni sono la violenza fisica ma anche psicologica e lo stalking. 

 

 

 

opinioni a confronto

1 commento

  • 0  13/03/2017 20:39  Goffredo

    Avete voluto la parità e adesso fate le vittime? Donne siete ridicole, imparate piuttosto a fare i lavori di casa che non sapete più fare, ecco perché ci sono così tante separazioni! La colpa è solo vostra.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  7   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
17
08
2019
Composti i gironi del calcio marchigiano, il Loreto nel girone B della Promozione assieme al Porto Recanati

Composti i gironi del calcio marchigiano, il Loreto nel girone B della Promozione assieme al Porto Recanati

Villa Musone con le anconetane della Prima categoria, Csi confermato nel girone E della Seconda Categoria

17
08
2019
Il Villa Musone si apre al calcio femminile

Il Villa Musone si apre al calcio femminile

L'invito della società giallo blu a bambine e ragazze

16
08
2019
Parla mister Giampaolo della Recanatese, domenica il test con la Fermana

Parla mister Giampaolo della Recanatese, domenica il test con la Fermana

Un girone F dove si gioca a calcio e dove si potranno vedere delle belle partite

Da pochi giorni sono stati diramati i gironi ed i calendari della Serie D, la Recanatese è inserita nel Girone F insieme alle altre marchigiane Jesina,
Matelica, Sangiustese, Montegiorgio, Tolentino e Porto Sant’Elpidio.

Il 25 agosto i leopardiani affronteranno il primo impegno ufficiale della stagione contro il Montegiorgio in Coppa Italia. Dopo un mese di lavoro ed i
primi test abbiamo intervistato mister Giampaolo.

Dopo quasi un mese di preparazione la situazione del gruppo è quella che si aspettava?

“Abbiamo iniziato questo ritiro con un’idea di gioco completamente nuova, c’è bisogno di tempo per assimilare quello che stiamo proponendo, le gambe ancora
non girano ma per il momento è giusto che sia così. Le priorità della preparazione erano quelle di non avere infortuni e di mettere benzina sulle gambe,
priorità che sono state rispettate. Ora bisogna cercare di mettere in campo quello abbiamo proposto durante queste prime settimane di allenamento”. 

Cosa ne pensa della composizione del girone F? 

“Sulla composizione del giorone F posso dire che è sicuramente un bel girone, dove si gioca a calcio e dove si potranno vedere delle belle partite. Il
fatto che non sia stato inserito il Foggia ha soddisfatto un po tutti”.

Quali sono, secondo lei, le squadre potenziali protagoniste?

“Le squadre che si sono rinforzare di più, che saranno protagoniste e lotteranno per vincere il campionato penso possano essere il Matelica, il Pineto,
il Cambobasso, la Vastese”.

La Recanatese potrà ambire alla lotta al vertice?

“La Recanatese è stata costruita per raggiungere i play-off. La stagione scorsa è stata molto postiva, cerchiamo di proseguire il percorso cercando di
alzare l’asticella, bisogna vedere tutto poi quando inizieranno le partite che contano”.

Ricordiamo l’appuntamento per domenica 18 agosto alle ore 18,00 per l’allenamento congiunto Recanatese-Fermana.

 

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür