Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Luglio 2017 »
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
18
07
2017
AUDIONEWS
Intervista a Mattia Peli

Intervista a Mattia Peli

Appuntamento con l'Arte 17 luglio 2017

18
07
2017
AUDIONEWS
Pillole Gigliane

Pillole Gigliane

Martha - M'appari tutt'amor

Martedì, 14 Marzo 2017  Nikla Cingolani  Stampa  526 

Peter Greenaway a CINEMATICA

Peter Greenaway a CINEMATICA

Intervista alla direttrice artistica Simona Lisi

Arrivato alla sua IV edizione CINEMATICA il festival di Ancona dedicato alle immagini in movimento dimostra sempre più di essere una rassegna che ogni anno si rinnova, muovendosi, come d’abitudine, tra tradizione e innovazione, tra storia e sperimentazione creativa, coinvolgendo il pubblico in un vortice di stimoli e attività. Iniziato il 10 marzo con un convegno nazionale "Corporeità e nuovi media" presso l' Università Politecnica delle Marche sul tema dell'Alter Ego, argomento di quest'anno, continua il suo percorso con appuntamenti imperdidibili, come quello dedicato a Peter Greenaway, l'ospite d'onore di quest'anno. Il regista sarà alla Mole il 18 marzo con una lecture sul tema Alter Ego e rappresentazione. Dopo l’incontro verrà proiettato il suo film “Nightwatching”, mentre nel corso del festival saranno proiettate altre opere tratte dalla sua eccezionale filmografia: “Il mistero del giardino di Compton House” (lunedì 13 marzo) e “Goltzius and the Pelican” Company (giovedì 16 marzo). "Dall'alfa all'omega: abbiamo scelto di iniziare con il film che l'ha reso famoso fino ad arrivare ad uno dei suoi ultimi film" spiega Simona Lisi.

Peter Greenaway, uno dei più interessanti e controversi cineasti britannici contemporanei, non ha certo bisogno di presentazioni ma è giusto ricordare che  prima di tutto è un artista. lo scorso anno ha esposto Genova, alla Galleria d’Arte Moderna di Nervi, con la mostra “Universo Greenaway” per celebrare i 20 anni di carriera come pittore. Il suo è un cinema di arte e colore. Greenaway subisce il fascino per l'architettura che utilizza come dispositivo di strutturazione, così come una metafora e veicolo per l'esplorazione della pratica artistica in generale. In film come Lo zoo di Venere, Il ventre dell'architetto, Giochi nell'acqua, Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante, si percepisce il dibattito in corso tra il film, l'architettura, la storia dell'arte e la teoria culturale. La sua dichiarazione più famosa e provocatoria è che c'è un fortissimo analfabetismo visivo e che il cinema è morto, ma se ancora produce film forse resta ancora qualcosa da dire.

Il suo nome è legato a Recanati per il progetto museale sul Lotto e sul paesaggio marchigiano. Ricordiamo la sua visita in città per un sopralluogo  il 18 gennaio, precisamente due mesi fa quando fu accolto da una città innevata e vissuto "live" la scossa di terremoto. 

Nell'intervista si discute delle ricorrenti tematiche affrontate dal regista e dei vari appuntamenti fino al 19 marzo, giorno di chiusura. (Il programma sul sito www.cinematicafestival.com)

Buon ascolto! 

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
21
07
2017
L’Admo Macerata partecipa al TorMeo dei fratelli Meoni

L’Admo Macerata partecipa al TorMeo dei fratelli Meoni

Domani e domenica i giovani dell’associazione gareggeranno nel torneo organizzato dall’ex giocatore della Lube e dal suo staff