Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
archivio storico delle notizie di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Agosto 2017 »
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Bastian Contrario - rubrica curata da Asterio Tubaldi
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
Radio Erre STORY: le notizie storiche del portale di informazione locale radioerre.net
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
19
08
2017
Luca Arcangeletti passa all'Ascoli Picchio, soddisfazione in casa Villa Musone

Luca Arcangeletti passa all'Ascoli Picchio, soddisfazione in casa Villa Musone

Dopo il prestito dello scorso anno ora è arrivato il riscatto, classe 2002 è cresciuto nel vivaio dei villans

19
08
2017
Altri arrivi alla Recanatese, Guillò torna in Spagna

Altri arrivi alla Recanatese, Guillò torna in Spagna

In giallo rosso anche il portiere under Piangerelli, Fraternali, Di Maio e Parisi

18
08
2017
Pronta la Cosmetal Si Superstore Recanati 2017 2018, il 23 agosto via alla preparazione

Pronta la Cosmetal Si Superstore Recanati 2017 2018, il 23 agosto via alla preparazione

Tante conferme e tre volti nuovi, le giallo blu proiettate verso la prossima serie C

Venerdì, 21 Aprile 2017 10:27  Asterio Tubaldi  Stampa  1261 

Morì assiderata al Santo Stefano. Condannata l'infermiera di turno

Morì assiderata al Santo Stefano. Condannata l'infermiera di turno

Il fatto è successo il 20 dicembre 2011. Ieri la sentenza al Tribunale di Macerata

E’ stata condannata a sei mesi l’infermiera (assistita dall’avvocato Nicola De Cesare) Inna Parkhomenko, 53enne russa, residente a Montelupone, che la notte del 20 dicembre 2011 era in servizio al padiglione C dell’istituto di riabilitazione santo Stefano di Porto Potenza Picena. Quella drammatica notte, una paziente di 54 anni, Giuseppina Luzzi, disabile, ricoverata nell’istituto da oltre 40 anni, sparì dal padiglione e il suo corpo venne ritrovato all’alba del giorno dopo ormai senza vita in quanto la donna era morta assiderata per il gran freddo della notte. Per l'accusa c'erano state omissioni nelle sorveglianza e nelle ricerche. Infatti, secondo quanto ricostruito dalle indagini della procura di Macerata, la donna era scomparsa dal padiglione, dove era ospite, intorno alle 22 della sera precedente ma le ricerche sarebbero iniziate solo dopo la mezzanotte. Un ritardo che ha portato sotto l’accusa di omicidio colposo al tribunale di Macerata il medico di guardia, Antonio Grandinetti, 60 anni, di Potenza Picena, e l’infermiera. Secondo l’accusa vi sarebbero state delle omissioni nel controllo della paziente e nell’attivazione delle ricerche della donna. Per il medico, però, è stata accertata la sua non responsabilità dell’accaduto in quanto era stato avvertito solo verso le 23,30 di quanto accaduto e aveva dato ordine immediatamente di attivare le ricerche e di allertare i Carabinieri.  A rispondere di quanto accaduto, quindi, sarà solo l’infermiera.

opinioni a confronto

1 commento

  • 0  21/04/2017 14:17  Anonimo193

    come si può controllare una disabile mentale ogni momento. In una Italia dove crollano ponti e ammazzano persone innocenti, dove furfanti assaltano le case impuniti, dove ci sono problemi esistenziali ed economicia non finire

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  0   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo