Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Dicembre 2017 »
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
15
12
2017
“NATALE NEL CUORE”: UN IMPORTANTE EVENTO DI CARATTERE FILANTROPICO

“NATALE NEL CUORE”: UN IMPORTANTE EVENTO DI CARATTERE FILANTROPICO

Sabato 23 dicembre ore 21.30 al Teatro “G.Persiani” organizzato dal Rotary Club “G.Leopardi”

14
12
2017
AUDIONEWS
Cittòttò...camilla o soldino?

Cittòttò...camilla o soldino?

Puntata di mercoledì13 Dicembre.

Martedì, 10 Ottobre 2017 22:05  Asterio Tubaldi  Stampa  958 

SI CELEBRA  CHE GUEVARA !!

SI CELEBRA CHE GUEVARA !!

nota di Galliano Nabissi

Vorrei sottolineare che questo mio scritto non è una valutazione politica. Ernesto Guevara fu l’uomo dei 10-100-1000 V,che al grido “Hasta la victoria  siempre” sperava dell’appoggio militare e logistico dei contadini boliviani. Questo non avvenne e fu ucciso dai ranger nell’autunno del 1967.

Molti giovani e meno giovani credono ancora che la popolarità di Guevara  è dovuta al fatto di essere stato un eroe romantico,un difensore dei poveri,degli oppressi e amante della pace. Si sono viste spesso manifestazioni organizzate da movimenti e da alcuni partiti con bandiere rosse con l’effigie di Guevara insieme spesso alla bandiera della pace. Cosa c’entra Guevara con la pace?

Il suo”romanticismo” lo portava a dichiarare che portare la giustizia in ogni luogo era negata- per imporre però una ideologia atea e una dittatura maxista.

Ricorreva spesso  a restrizioni per i dissidenti,aveva fatto costruire un lager dove venivano”EDUCATI” i  dissidenti ai principi della libertà,della pace,della fratellanza e del rispetto della dignità umana : principi che “ESISTEVANO” nel regime sanguinario di Fidel Castro,nel quale il Che ne era stato il fondatore. Il meraviglioso pueblo cubano certamente aveva bisogno di maggiore speranza di libertà e di giustizia e non di parole! Il Lider Maximo  non avrebbe mai avuto il coraggio di aprire Cuba alla democrazia!

Questa è una mia constatazione, di un Popolo che si trova sempre a confrontarsi sui diritti umani,sulla libertà. Un Popolo che ha l’antica abitudine alla sopportazione e a subire in silenzio.

10-100-1000 Vietnam

Cordialmente Galliano Nabissi

opinioni a confronto

8 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  12/10/2017 16:13  Anonimo662

    Il dato preoccupante è rappresentato dall'astio,a livelli di guardia davvero preoccupanti.
    A sostegno della verità e dell'obiettività mi piacerebbe aprire una sottoscrizione per offrire al preg.mo Nabissi un viaggio conoscitivo nei territori ( Gaza e dintorni ),magari sotto mentite spoglie,per dar a lui modo di sorprendersi ancora un pò.
    Anche nel 2017,cinquant'anni dopo Guevara.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  11   Rimuovi


  • 1  12/10/2017 14:31  Anonimo461

    Finalmente il grande CHE l unico degno di essere commemorato...

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  8   Rimuovi


  • 2  11/10/2017 20:43  Anonimo738

    Viva Fidel : Se uno nasce Povero ha Speranza e Possibilità di Arricchire. Se invece nasci Stupido non hai Speranza ...
    Sei solo un Miserabile Slogan , e chiami gli altri " Guerrafondai" ?
    Sarei onorato di essere Sionista , purtroppo non sono Ebreo .

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    17  4   Rimuovi


  • 3  11/10/2017 17:26  Anonimo478

    Per le anime pie de sinistra (quelle "pur di non vedere").
    1964 ONU " Fucilazioni? Certo le abbiamo fatte e continueremo a farle"
    15000 dissidenti e omosessuali uccisi nei noti 4 campi di rieducazione.
    800 ex militari e commercianti pre rivoluzione fucilati anche personalmente
    (era il presidente della corte d'appello... Che ma le prove? "sono secondarie").Ministro dell'economia. Applicando la regola sovietica nelle gestione della banca di Cuba la stava portando al collasso, era un ignorante di economia e fu cacciato (questa è la verità signori). Poi certo la scuola pubblica senza penne, l'ospedale pubblico senza aspirina, gli eroi son tutti giovani e belli.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    20  2   Rimuovi


  • 4  11/10/2017 14:29  Anonimo825

    l'ignoranza regna sovrana in questo scritto, come nel commento di Carlo.
    Il sig Nabissi parla di lager, dimenticando l'immenso lager da loro creato e tutt'oggi portato avanti in Palestina contro un popolo che chiede solo di poter vivere in quella che da sempre è stata la PROPRIA terra e che invece, voi, con la patetica scusa che un essere inventato ve l' avrebbe promessa, costringete i palestinesi a sopravvivere vessati quotidianamente da coloni arroganti.
    Il sig. nabissi ignora o finge di ignorare che il valore del Che è dovuto soprattutto alla sua coerenza, e al coraggio di portare fino al limite più estremo le sue idee, dando la propria vita per una guerra non sua.
    Dimentica o finge di dimenticare che il mito del Che non tramonterà mai perchè alimentato da gesta ed idee intramontabili che nulla hanno a che fare con i soprusi di un "popolo" su un'altro popolo.
    Sig Nabissi, impari a guardarsi bene in casa prima di azzardarsi a parlare di veri Uomini

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  22   Rimuovi


  • 5  11/10/2017 10:33  Viva Fidel

    parola del guerrafondaio Nabissi. e commento di individui ignoranti sionisti.
    hasta la victoria siempre COMANDANTE !

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  28   Rimuovi


  • 6  11/10/2017 07:13  Anonimo662

    A furia di disquisire su tutto,tranne affrontare i temi davvero importanti ( uno a scelta fra i tantissimi di cui ognuno di noi è a conoscenza) si fanno questi inutili e velleitari esercizi stilistici.
    Lasciamo a chi ha voglia di ricordare il mito della propria giovanile ribellione
    la voglia ( o la scelta ) di ricordarsene.
    Chi non ha questo piacere si volti da un'altra parte,inforchi gli occhiali e scriva di un argomento a piacere al fine di superare una notte insonne.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  16   Rimuovi


  • 7  11/10/2017 00:23  Anonimo242 Carlo

    A Cuba , prima di Castro , (che "Fregò" il Potere a Guevara ), c' erano Ricchi , media Borghesia e Poveri . Con il Regime Comunista diventarono TUTTI POVERI perché i Dirigenti Comunisti si Fregarono tutto , con il Terrore , i Campi di Concentrameno e le Fucilazioni ! Fidel , suo Fratello e i pochi Delinquenti di Partito. Abolirono la Proprietà Privata per fare tutto "Cosa Nostra". I Contadini Boliviani , che erano Proprietari dei loro campi , non credettero alle Menzogne del " Sol dell' Avvenire" proposto dal Sadico Guevara e glielo misero in quel Posto . Come meritava !

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    31  5   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
14
12
2017
"Veni Domine" la rassegna corale organizzata dal Vox Phoenicis

"Veni Domine" la rassegna corale organizzata dal Vox Phoenicis

Domenica 17 dicembre alle ore 19 a Loreto presso la Sala "Pasquale Macchi" in Piazza della Madonna

14
12
2017
Gli Anni della Dolce Vita attraverso le immagini di una mostra fotografica

Gli Anni della Dolce Vita attraverso le immagini di una mostra fotografica

Nota del Comune