Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Febbraio 2018 »
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
Bastian Contrario - rubrica curata da Asterio Tubaldi
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
20
02
2018
AUDIONEWS
Cittottò Walkman

Cittottò Walkman

Puntata di martedì 20 febbraio.

20
02
2018
VIDEONEWS
Intervista alla cantautrice Leda Battisti

Intervista alla cantautrice Leda Battisti

Il nuovo singolo “Parla più piano (Brucia la Terra)"

14
02
2018
Un successo la festa di carnevale al palazzetto dello sport

Un successo la festa di carnevale al palazzetto dello sport

Nota del Comune

Venerdì, 12 Gennaio 2018  Nikla Cingolani  Stampa  278 

Pillole Gigliane, la morte di Don Josè

Pillole Gigliane, la morte di Don Josè

Appuntamento con l'Arte 8 gennaio 2018

In questa puntata l’ascolto è dedicato alla romanza “Il fior che a me tu dato” dalla Carmen di Bizet, con la quale Beniamino Gigli debutta nel 1941 a Roma. La cronaca dell’epoca riporta che durante le prove generali talmente era grande l’emozione che svenne. Nel 1949 registrò l’opera alla Scala con Rina Gigli e Ebe Stignani, Gino Bechi, direttore Vincenzo Bellezza, per un film della Scalera Film che non fu mai realizzato. Sarebbe interessante ritrovare la registrazione.

Infine una feroce critica alla recente scelta del regista, appoggiata dall’amministrazione fiorentina, di cambiare il finale dell’opera andata in scena il 7 gennaio al Teatro dell’Opera di Firenze, dove a morire è Don Josè per mano della gitana Carmen anziché il contrario come vuole l’originale.

Secondo il regista per combattere il femminicidio bisogna uccidere di nuovo.  Un messaggio fuorviante con cui non siamo assolutamente d’accordo perché non è con la violenza che si combatte il femminicidio ma nel cambiamento della cultura attraverso un’educazione al rispetto delle persone. Rispetto rivolto anche all’opera che, trattandosi di arte, va accettata così com’è.

C’è il forte sospetto che il regista non sia in buona fede e abbia usato la lotta contro il femminicidio più per scopo pubblicitario che educativo. Della serie "Tutto, purchè se ne parli!"

 

Clicca sulla barra per ascoltare

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo