Stampa questa pagina

Giovedì, 01 Febbraio 2018 09:22  Asterio Tubaldi  4556 

Per lei non c'è un posto letto libero. Rispedita a Recanati dove muore.

Per lei non c'è un posto letto libero. Rispedita a Recanati dove muore.

Il Santa Lucia è un ospedale di Comunità, come indica la scritta che campeggia all’ingresso del nosocomio leopardiano, o ha mantenuto dei posti letto di  lungodegenza che sono propri di un ospedale con l’H? Ciò che ci racconta un medico di famiglia di Recanati  denuncia come ci sia ancora tanta confusione nel nostro sistema sanitario. A.B. un’anziana di 78 anni, ospite della casa di riposo degli Ircer, ha accusato alcuni giorni fa, un malore, dovuto molto probabilmente ad una lesione celebrale, tale da farla sprofondare in uno stato di incoscienza. Dall’ambulanza del 118 viene quindi trasportata di urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova dove i sanitari la sottopongono subito ad una Tac. “Dall’esame non appare un quadro clinico chiaro, ci dice il suo medico di famiglia, tanto che è necessario una seconda valutazione più approfondita”. La donna nel frattempo rimane due giorni in astanteria perché per lei non si trova un posto letto libero a disposizione per cui i medici del pronto soccorso dispongono alla fine il suo momentaneo trasporto all’ospedale di Recanati che, però, non ha posti letto di lungodegenza perché è un ospedale di Comunità ed è predisposto solo per le cure intermedie, cioè per pazienti già stabilizzati, anche se nel reparto ci sono in servizio ancora due medici ospedalieri. Anche in questo caso l’ospedale di Recanati all’occorrenza funge da vecchia struttura con l’H, anche se sulla carta, cioè la delibera regionale del febbraio 2016, gliel'ha tolta da circa due anni. La donna purtroppo dalla grave patologia non si riavrà più spirando poco dopo.

foto repertorio

 

opinioni a confronto

12 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!