Stampa questa pagina

Lunedì, 19 Febbraio 2018 21:21  Asterio Tubaldi  359 

L’Istituto Comprensivo “Gigli” di Recanati in Portogallo per un progetto Erasmus

L’Istituto Comprensivo “Gigli” di Recanati in Portogallo per un progetto Erasmus

Si è svolto dal 3 al 9 febbraio a Mogadouro, Portogallo, il secondo incontro del progetto Erasmus plus “Historical borders in Europe…”, sovvenzionato dalla Comunità Europea e al quale hanno partecipato docenti e alunni provenienti da Spagna, Polonia, Slovenia, Repubblica Ceca e Italia. Il team italiano è stato rappresentato da tre insegnanti (Modafferi Rosalba, Fortuna Massimo e Sorgentoni Marina) e da quattro alunni (Debellis Gabriele, Boasa Federica, Marcolini Bianca e Cingolani Benedetta) dell’I.C. “Gigli” di Recanati, che ha riscontrato in Mogadouro cornice ideale per toccare con mano quanto studiato e quanto teorizzato in  fase preparatoria all’incontro nella sede scolastica recanatese. Le scuole partecipanti  hanno studiato dal punto di vista storico l’impatto socio-culturale che il confine, geografico e/o politico, ha avuto sulla popolazione ad esso prospiciente. Il confine infatti nella città portoghese è rappresentato dal corso naturale del fiume Douro che divide la Spagna dal Portogallo. Le sue acque se pur non turbolente hanno nel tempo scavato un profondo canyon che non ha tuttavia impedito alle popolazioni di intrecciare relazioni commerciali, sociali e culturali che sopravvivono ancor oggi come i ragazzi, ospiti delle famiglie, hanno potuto appurare. La cordialità e la spontaneità che ha accompagnato il soggiorno sono sensazioni per noi d’altri tempi, difficili da raccontare ma che insegnanti ed alunni terranno come cari ricordi per molto tempo. Ancora una volta, un particolare ringraziamento va al Dirigente Scolastico dell’Istituto Gigli, professor Giovanni Giri il quale,  fermamente convinto della ricaduta positiva che queste attività hanno su docenti e alunni, a livello di  competenze e  prospettive professionali, ne permette la realizzazione

 

Massimo Fortuna

Rosalba Modafferi