Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Ottobre 2018 »
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
video e interviste di RadioErre su notiziemultimediali.it
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
21
10
2018
VIDEONEWS
Intervista a Elena Rosciani e Roberta Romano

Intervista a Elena Rosciani e Roberta Romano

Scuola e progetti didattici

19
10
2018
RECANATI, TEATRO PERSIANI DA MARTEDÌ 23 OTTOBRE IN VENDITA GLI ABBONAMENTI PER LA NUOVA STAGIONE

RECANATI, TEATRO PERSIANI DA MARTEDÌ 23 OTTOBRE IN VENDITA GLI ABBONAMENTI PER LA NUOVA STAGIONE

Gli abbonamenti – da euro 65 a euro 160 – sono in vendita presso la biglietteria del teatro (071 7579445) fino al 31 ottobre dalle ore 17 alle ore 20.

 

Lunedì, 16 Aprile 2018 14:10  Asterio Tubaldi  Stampa  613 

La Guardia di Finanza ha rinvenuto in mare un’anfora di particolare pregio e interesse archeologico.

La Guardia di Finanza ha rinvenuto in mare un’anfora di particolare pregio e interesse archeologico.

rinvenimento avvenuto nelle acque di Senigallia

L’ordinarietà del servizio si è tramutata in una navigazione nella storia per l’equipaggio della motovedetta “V.5018” della stazione navale della guardia di finanza di Ancona, facente parte del dispositivo permanente di controllo del mare territoriale antistante la regione marche.

nel corso di una crociera d’istituto per fini di polizia economico-finanziaria, nelle acque al largo di Senigallia, durante il controllo espletato a bordo di un peschereccio, è stato infatti recuperato un pregevole reperto archeologico. Si tratta di un’anfora, consegnata ai finanzieri dal capobarca di un motopesca della locale marineria che, in un area antistante il porto di Senigallia, su un fondale di 7 metri, l’aveva rinvenuta nelle reti nel corso di una battuta di pesca, eseguita prima di essere sottoposto al controllo di polizia da parte delle fiamme gialle di mare. Il reperto è risultato essere in ottimo stato di conservazione, benché leggermente scheggiato nella parte superiore del collo e con concrezioni marine diffuse su tutto il manufatto. Secondo gli esperti della locale soprintendenza per i beni archeologici, che hanno analizzato il reperto per procedere alla sua datazione, si tratta di un’anfora fabbricata sul versante adriatico della penisola italiana, in un arco cronologico compreso tra la fine del 2° secolo avanti cristo e la fine del 1° secolo dopo cristo, adibita al trasporto di vino, olio ed altre sostanze alimentari a bordo di navi provenienti dall’area del bacino del mediterraneo orientale. La guardia di finanza, nell’ambito dei propri compiti istituzionali, concorre all’attività di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio archeologico ed alla attività di preservazione e vigilanza sullo stesso, sia a terra che in mare, ambiente quest’ultimo dove a seguito della riforma del 2016, che ha sancito la razionalizzazione e suddivisione dei compiti e campi di intervento dei diversi corpi di polizia dello stato, opera come unica forza di polizia in mare.

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo