Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Febbraio 2019 »
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

ARCHIVIO NOTIZIE

concerto auditorium 2
20
02
2019
VIDEONEWS
Nuova sede per l'AIDO Recanati

Nuova sede per l'AIDO Recanati

Intervista alla presidente Piera Marconi

20
02
2019
AUDIONEWS
Nuove sedi per il Belcanto Italiano ® Duo

Nuove sedi per il Belcanto Italiano ® Duo

Pillole Gigliane

19
02
2019
AUDIONEWS
Minestrò al Bacio...Kinder & Ferrero

Minestrò al Bacio...Kinder & Ferrero

Arrivederci e grazie!

Giovedì, 03 Maggio 2018 13:26  Asterio Tubaldi  Stampa  937 

Sandro Zaffiri, sul suicidio di Alba Adriatica: “Il vuoto normativo non va riempito con le chiacchiere”.

Sandro Zaffiri, sul suicidio di Alba Adriatica: “Il vuoto normativo non va riempito con le chiacchiere”.

consigliere regionale della Lega nord

Sul tragico fatto di Alba Adriatica che ha visto, purtroppo, protagonista un concittadino marchigiano, fiaccato dalle lungaggini e dalle tante complicazioni burocratiche post-terremoto interviene, in una nota, il consigliere regionale della Lega nord, Sandro Zaffiri.

“Pur nel rispetto del momento di dolore e profonda commozione a cui episodi come questo devono essere accompagnati, non è possibile evitare di indicare alcune precise responsabilità rispetto al caos normativo e burocratico che si è venuto a creare in seguito agli eventi sismici che hanno interessato la nostra regione”

Eventi sismici che – è bene ricordare – risalgono oramai a quasi due anni fa.

“Ebbene – scrive Zaffiri – nonostante il lungo tempo trascorso spiace constatare il fatto che permanga uno stato di piena emergenza, che le popolazioni di quei luoghi dell’entroterra marchigiano siano completamente abbandonate ai loro problemi, che – cosa forse ancora più grave – la macchina della burocrazia regionale sia andata totalmente in panne non essendo stata in grado di gestire né l’emergenza, né tantomeno una ipotetica quanto distante e difficile ripresa”.

“Problemi non esclusivamente di ordine abitativo – aggiunge Zaffiri - Mi riferisco alla normale esigenza di avviare o ri-avviare una qualsiasi attività di natura imprenditoriale, di ristabilire connessioni sociali, di ascoltare ed essere ascoltati. Necessità alle quali la Giunta regionale non ha saputo corrispondere con la dovuta e necessaria cura e tempestività, se è vero come è vero, che il signor Dell’Orso si è fondamentalmente sentito solo, abbandonato ed inascoltato da quelle istituzioni (Regione e Commissari della ricostruzione) che, invece, perseverano nell’atteggiamento di chi cerca di riempire il vuoto normativo e le umane distanze con le chiacchiere”

opinioni a confronto

1 commento

  • 0  03/05/2018 13:58  Anonimo796

    O Zaffiri con cosa lo riempiamo con i soldi della Lega investiti in Tanzania?
    Ma mi faccia il piacere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    18  8   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo