Stampa questa pagina

Giovedì, 07 Giugno 2018 18:30  Asterio Tubaldi  808 

Israele ha il diritto di difendersi e di tutelare la propria gente

Israele ha il diritto di difendersi e di tutelare la propria gente

di Galliano Nabissi

A causa dell’incessante terrorismo,Israele cosa deve fare per difendere i suoi cittadini ? Il diritto all’autodifesa è stabilito dal diritto internazionale.

 

Tempo fa ha eretto una barriera fisica ed elettronica che non rendono semplici le infiltrazioni ai terroristi. Questa barriera non annette alcun territorio, non cambia le condizioni giuridiche e non impedirà di continuare la propria vita quotidiana a nessuno.

 I Palestinesi devono smantellare le organizzazioni terroristiche, arrestare i mandanti , NON  onorare gli esecutori come eroi e pagare lo stipendio ogni qualvolta si fanno saltare uccidendo persone. Questi non compiono alcuna azione eroica,né tutela un onore che così anzi viene offeso e calpestato.

Si deve fermare l’incitamento alla violenza, manifestazioni con scontri sanguinosi che tutt’oggi continuano e ripristinare la cooperazione alla sicurezza con Israele.

Israele crede nella pace e porta avanti con determinazione,con concessioni il suo impegno per raggiungerla,ma ai ”duri e puri”  non basta,vogliono che Israele non compaia più sulla carta geografica.

L’impegno per la pace non diminuirà,ma è chiaro che questo impegno non può essere soltanto israeliano.

Israele non può essere lasciato solo,né tanto meno condannato per le sue reazioni di autodifesa. Tutti le Nazioni democratiche devono far fronte comune contro il male, finchè esso non  sia estirpato completamente alle radici.

Lo Stato ebraico si trova di fronte ad un momento fatidico,la cui importanza per il suo futuro in questa regione è pari al dolore che si trova.

 

Da anni continuo a scrivere,parlare e sperare in una eventuale pace,ma come disse nel 1972 GOLDA MEIR Premier israeliano,donna laburista.” Io credo che la guerra nel Medio Oriente durerà ancora molto,molti anni. E lo dico perché,per l’indifferenza con cui i capi arabi mandano a morire la propria gente,per il poco conto in cui tengono la vita umana,per l’incapacità dei popoli arabi a ribellarsi e dire basta”.

Cordialmente

Galliano Nabissi.

 

 

 

opinioni a confronto

6 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!