Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Domenica, 10 Giugno 2018 22:26  Asterio Tubaldi  Stampa  3867 

Non lasciateci soli a combattere l'autismo

Non lasciateci soli a combattere l'autismo

la storia di Matteo e della battaglia della sua famiglia

E’ difficile per chi non ha la sfortuna di vivere certe esperienze, capire che cosa significa avere un figlio autistico. Eppure Fabrizio Principi, nato e cresciuto a Recanati, 42 anni fa, “sposato con una splendida donna e padre di due anni di 10 e 6 anni” come lui stesso si descrive riesce ad avere il sorriso in bocca e una forza di volontà spaventosa. Al suo bambino più piccolo, Matteo, all’età di 2 anni e mezzo è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico.

“Sino a 14 mesi era un bambino del tutto normale, vivace e affettuoso ma poi abbiamo iniziato a notare un certo cambiamento in lui: lo chiamavi e non ti rispondeva, aveva lo sguardo assente e perso nel vuoto, non riuscivi ad agganciare il suo sguardo, mostrava atteggiamenti stereotipati come lo sfarfallio delle mani o il girare su se stesso”. E’ da lì che inizia il calvario della famiglia di Matteo: prima tappa Fano dove c’è il centro regionale unico per le Marche per l’autismo. E’ il gennaio del 2015 e “la direttrice del centro, racconta Fabrizio, ha fatto la diagnosi di autismo: anche se ce lo aspettavamo, leggerla nero su bianco fa molto male. Ci ha detto subito di non ascoltare i tanti maghi che ci sono in giro perché l’autismo non è una malattia ma una condizione dalla quale non si guarisce. Però oggi ci sono gli strumenti adatti per migliorare la sua condizione e permettergli un’autonomia importante”.

Matteo e tutta la sua famiglia ma non solo, tutti quelli che a qualsiasi titolo ruotano intorno a lui vanno a scuola per imparare il cosiddetto “Metodo ABA”, un sistema complesso e ormai sperimentato per gestire lo sviluppo di chi ha problemi come quello di Matteo. “A monte c’è un supervisore, spiega Fabrizio,  che coordina il lavoro di tutte le figure presenti intorno a Matteo. Io e tutta la mia famiglia abbiamo imparato a fare gli educatori, è un lavoro grande e  bellissimo anche se faticoso perché fai 1 passo avanti e 3 indietro”.

Tutto perfettamente funzionante? Certamente ma … il neo c’è e si chiama “lista d’attesa”. “Noi siamo entrati in lista d’attesa subito dopo la diagnosi per essere presi in carico dalla sanità pubblica ma già allora si parlava di un anno e mezzo di attesa. Eppure una condizione per vedere qualche risultato è proprio la diagnosi precoce, l’intervento intensivo sin dalla tenera età”. La loro a quel punto è stata una scelta obbligata e si sono rivolti al centro specializzato più vicino casa anche se privato e quindi a pagamento, il centro Orizzonte di Macerata gestito dalla cooperativa sociale “Il Faro”. “Per fortuna sono eccezionali. Tre anni fa eravamo una decina di famiglie e ora siamo più di 40. Matteo dopo 3 anni è un bambino che comunica, fa richieste con gli occhi, con i segni inserendo anche tante parole, ha il contatto oculare, ti cerca, per strada ti da una mano, prima non eravamo in grado di fare nulla, né di andare al ristorante né di andare a fare spesa o una passeggiata”.

L’appello di Fabrizio è tutto qui, quello di non lasciare sole queste famiglie perché c’è anche chi non ha proprio la possibilità economica di provvedere in proprio: “se ne parla troppo poco e invece ci sono tanti bambini che hanno bisogno. Facciamo ognuno la nostra parte magari partecipando alle iniziative che vengono organizzate o devolvendo il 5permille a queste associazioni”.

opinioni a confronto

2 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  04/07/2018 00:22  Anonimo323

    La prego di fare altri interventi in questo mezzo di stampa e anche in altri e di dirci come dare il nostro piccolo aiuto

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 1  11/06/2018 08:27  Anonimo316

    GRAZIE!!!E' IMPORTANTE AVERE QUESTE TESTIMONIANZE, LA PREGO DI COMUNICARCI IL CODICE FISCALE PER IL 5 PER MILLE!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  0   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
24
02
2020
Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Nutrita partecipazione per il secondo appuntamento della rassegna

02
03
2020
Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Si riprende dalla giornata sospesa nell'ultimo week end dall'Eccellenza in giu'

01
03
2020
Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Non basta il gol di Pezzotti ai giallo rossi che scivolano a meno 7 dalla vetta

28
02
2020
Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

In serie D girone F nessuna gara rinviata, giallo rossi di scena al Della Vittoria alle 14,30

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür