Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Venerdì, 15 Giugno 2018 08:42  Asterio Tubaldi  Stampa  1510 

Recanati. Nuovi servizi al Santa Lucia ma il vero problema è l'organizzazione del Punto di Primo Intervento

Recanati. Nuovi servizi al Santa Lucia ma il vero problema è l'organizzazione del Punto di Primo Intervento

l'intervento del medico di famiglia Daniele Massaccesi

Il medico recanatese Daniele Massaccesi, coordinatore dell’Equipe 3 dei medici di Recanati, Porto Recanati e Montefano, che nei giorni scorsi hanno sottoscritto il documento con cui si chiede il potenziamento del Punto di Primo Intervento del Santa Lucia di Recanati, non demorde affatto su questo tema.

Ecco il suo intervento

Credo che sia molto importante che i medici esprimano il loro punto di vista in merito alla gestione dei servizi sanitari del territorio e la loro gestione perché sanno bene le difficoltà che le famiglie affrontano nel momento in cui si rivolgono ai servizi ospedalieri che oggi sono sovraccarichi di lavoro. Credo che mantenere dei presidi, che possano affrontare le vere emergenze, sia di grande aiuto per il territorio, specie in tema di sicurezza dei cittadini in quanto garantiscono la tempestività dell’intervento. E’ per questo che chiediamo una maggiore funzionalità dei Pronti soccorsi e anche dei PPI.

La nostra è una zona turistica che raccoglie una popolazione che d’estate aumenta notevolmente. Oltre a questo nel territorio ci sono molte strutture che ospitano persone, ci sono tante situazioni con persone con fragilità importanti che potrebbero aver bisogno di servizi sanitari in emergenza anche più di altri. Per cui cercare di ridurre i servizi di assistenza primaria non è un’opera che dà sicurezza al territorio.

Potenziare i Pronto Soccorso significa avere personale adeguato, non dico che quello che sta facendo il servizio non è adeguato ma è insufficiente e lo testimonino le file troppo lunghe e i posti letto molto spesso affollatissimi. I medici che lavorano al PS sono insufficienti per la mole di prestazioni a loro richieste e i servizi che li devono affiancare, specie quello della radiologia, devono essere in numero sufficiente e h24. Che significa averli solo di mattina? Le strutture ospedaliere nostre hanno le attrezzature che sono sottoutilizzate. Noi a Recanati abbiamo un mammografo nuovo che lavora poche ore nell’arco della settimana. Se il problema è il personale, adeguiamolo perché alla fine la persona che ha bisogno si rivolge al strapagandolo.

La vera prevenzione parte dal medico di medicina generale perché si inizia a fare prevenzione contro le malattie cardio-vascolari. In Italia ogni anno ci sono 200 mila casi di ictus e sono queste le vere emergenze sanitarie che creano per chi è colpito una modifica sostanziale della propria condizione di vita con la necessità di un livello di assistenza molto più elevata del normale. Una persona con un ictus cerebrale deve arrivare in tempi rapidissimi nel punto dove è possibile fare la diagnosi e prescrivere la terapia giusta o fare l’intervento chirurgico se è il caso. Questo per la persona significa un’aspettativa di vita completamente diversa. Quindi i medici di medicina generale debbono continuare a fare, e fare bene, il loro lavoro, e cioè la prevenzione. Per me il vero punto di primo intervento è il medico di medicina generale ma io oggi non posso autonomamente ricoverare nessuna persona se non attraverso il passaggio al Pronto Soccorso e quindi non mi fanno fare il medico. Una richiesta fatta da me in ambulatorio significa avere come minimo un tempo di attesa di 30 giorni mentre quella fatta dal punto di primo intervento viene evasa immediatamente. In più il paziente la mia la paga mentre quella del PPI no. Quindi è ovvio che certe cose vanno riviste in termini organizzativi e cioè per alcune cose non è un problema di spesa ma di razionalizzare l’organizzazione del lavoro e i servizi che già esistono dando maggiore sicurezza al territorio. Importante è anche evitare di spostare una persona fragile per curarla ma è necessario la presenza di un medico reperibile che sia disponibile sul territorio per l’emergenza. Alcuni servizi che già esistono, come la piccola chirurgia oltre al gesso, possono essere fatti sul territorio. Non ci dimentichiamo che la nostra Area vasta 3 ha un’ortopedia a Civitanova, un’altra a Macerata e un’altra ancora a Camerino e un’altra, quando si tratta di protesi e di interventi programmatici, è a Villa dei Pini, ed è quella che lavora più di tutti. Quindi abbiamo 4 reparti di ortopedia. A noi ci hanno fatto chiudere ginecologia perché era un doppione sul territorio. Perché un ortopedico a turno, preso dai vari reparti, non può venire da noi a fare i piccoli interventi di ortopedia? Oppure è da rivedere la dislocazione di questi servizi e quanto di fatto pesa in termini economici sul sistema sanitario nazionale. Quindi abbiamo doppioni su doppioni poi magari tutto quello che è programmato va a finire nella casa di cura privata. Com’è possibile questo in presenza di altre tre strutture ortopediche pubbliche di qualità presenti sul territorio? E abbiamo sale operatorie sotto utilizzate.

opinioni a confronto

4 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  15/06/2018 19:17  Anonimo889 vecchietto

    La travolgente frase dell' anonimo 664 si commenta da sola....!!!
    ma, scusi sig. 664 non crede che la sanità sia una cosa seria?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  1   Rimuovi


  • 1  15/06/2018 16:41  Piss Piss

    Daniele ti sei svegliato troppo tardi. Qui la Regione Marche con la complicità della Giunta Fiordomo ha smantellato il servizio sanitario !!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    8  4   Rimuovi


  • 2  15/06/2018 13:46  Spartacus

    Più dura di un sasso. il S. Lucia è Ospedale di Comunità (c'è scritto grande e grosso all'entrata sopra la porta) e questa categoria NON PUO' AVERE NE IL PS NE IL PPI. E' legge! Se non si cambia la legge, NISBA! E la sanità è delegata alla Regione. I medici di famiglia hanno accettato (e firmato) questa ri-strutturazione ospedaliera ed a noi spetta (per legge)solo il PAT (Punto di Assistenza Territoriale.
    Questo che segue spiega di cosa parliamo:
    ---------------------------------------------------------------------------
    Qual è la differenza tra primo soccorso (PPI) e pronto soccorso (PS)?
    Nella medicina di emergenza, primo soccorso e pronto soccorso rappresentano due concetti ben distinti:
    1) (PS) Pronto soccorso è l’intervento di emergenza operato da personale medico che utilizza tutte le tecniche medico–chirurgiche disponibili, compreso l’utilizzo di farmaci e interventi chirurgici veri e propri.
    2) (PPI) Primo soccorso è invece l’intervento operato da personale anche non medico opportunamente addestrato. Ovviamente tale intervento non può utilizzare farmaci e procedure chirurgiche: concettualmente il primo soccorso può essere pertanto interpretato come «l’insieme degli atti che personale non medico può mettere in atto in attesa dell’arrivo di personale più qualificato».
    --------------------------------------------------------------------------
    Dott. Massaccesi, va bene chiarire le problematiche che ne derivano, le fa onore, ma come dimostrato fino ad ora, si fanno (elettoralmente) delle aggiunte e/o miglioramenti, insomma delle toppe, ma non certo verso IL PPI ne tantomeno al PS. Voi dovete stare nel vostro ambulatorio, non in "intramenia" (all'interno) dell'Ospedale-Ricovero! Siete o non siete i
    nostri MEDICI DI FAMIGLIA?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  2   Rimuovi


  • 3  15/06/2018 09:46  Anonimo664

    O Massaccé adesso con la flat tax arriveranno tanti di quei soldi che la sanità passerà anche le aspirine!!
    Ahahahahahahahahah!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  10   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
24
02
2020
Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Nutrita partecipazione per il secondo appuntamento della rassegna

02
03
2020
Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Si riprende dalla giornata sospesa nell'ultimo week end dall'Eccellenza in giu'

01
03
2020
Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Non basta il gol di Pezzotti ai giallo rossi che scivolano a meno 7 dalla vetta

28
02
2020
Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

In serie D girone F nessuna gara rinviata, giallo rossi di scena al Della Vittoria alle 14,30

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür