Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre

ARCHIVIO NOTIZIE

« Novembre 2018 »
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
video e interviste di RadioErre su notiziemultimediali.it
per la pubblicità su radioerre.net contatta lo 0717574429
15
11
2018
AUDIONEWS
Ah Ritrovarla nella sua capanna

Ah Ritrovarla nella sua capanna

Gigli e la "Lodoletta" di Mascagni

15
11
2018
AUDIONEWS
Pillole Persiane

Pillole Persiane

a cura di Sergio Beccacece

Martedì, 11 Settembre 2018  Asterio Tubaldi  Stampa  217 

25 anni di gemellaggio fra la città di Porto Recanati e quella di Kromberg im Taunus

25 anni di gemellaggio fra la città di Porto Recanati e quella di Kromberg im Taunus

Correva l’anno 1993 quando l’allora sindaco di Porto Recanati, Giuseppe Giampaoli e il borgomastro di Kromberg im Taunus, Wilhelm Kreb sottoscrissero un documento che conteneva il comune sentire da cui nacque un gemellaggio.  Da allora sono passati molti anni, 25 per l’esattezza e i motivi che ispirarono quell’atto nato dalla volontà di scambiare momenti sportivi, ludici e culturali tra le due comunità, sono più vivi che mai. Venerdì 14 settembre arriveranno infatti a Porto Recanati il borgomastro della città Klaus Temmen insieme ad una delegazione di 140 persona e inizieranno i festeggiamenti per questo importantissimo anniversario. Si comincerà venerdì sera all’Arena “Beniamino Gigli” con un concerto intitolato “Febbre a 45 Giri” organizzato dall’Associazione Commercianti di Porto Recanati. La giornata clou sarà sabato 15 settembre, presso la Sala Consiliare del Comune di Porto Recanati, che prevede alle 18 la cerimonia di riconferma del Patto di Gemellaggio con cui si rinnoveranno i sentimenti di amicizia e fratellanza che in questo lungo periodo sono stati alla base dello stretto legame tra le due città. “Il rapporto tra le due comunità – ha dichiarato il sindaco di Porto Recanati Roberto Mozzicafreddo – deve continuare a produrre amicizia e occasioni di incontro, ma anche scambi culturali, sociali e lavorativi soprattutto tra i nostri giovani, per generare l’obbiettivo di non avere frontiere perché l’incontro, lo scambio e la conoscenza tra popoli diversi può solo produrre la crescita e lo sviluppo di entrambi.”

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
rinnovar2-sponsor silver