Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Ottobre 2019 »
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

ARCHIVIO NOTIZIE

13
10
2019
LA SCENA DEL CRIMINE E SOPRALLUOGO DI POLIZIA GIUDIZIARIA

LA SCENA DEL CRIMINE E SOPRALLUOGO DI POLIZIA GIUDIZIARIA

Rilievi dattiloscopici e impronte

12
10
2019
A IDILL'IO la personale di CLAUD HESSE "The Sound of Life"

A IDILL'IO la personale di CLAUD HESSE "The Sound of Life"

Inaugurazione sabato 12 ottobre dalle 18

Mercoledì, 03 Ottobre 2018 14:20  Asterio Tubaldi  Stampa  892 

MARCHE, IN 134 MILA VIVONO CON MENO DI 651 EURO AL MESE

MARCHE, IN 134 MILA VIVONO CON MENO DI 651 EURO AL MESE

L’indagine del Centro Studi Cna.

Vivere con meno di 651 euro al mese. E’ questa la soglia di reddito sotto la quale si viene considerati poveri.  Reddito che sale a 1.085 euro per una famiglia di due persone,  a 1.443 euro per una famiglia con tre componenti e a 1.768 euro con quattro componenti. Nelle Marche sono 56.920 le famiglie e 134.794 le persone che sbarcano il lunario in queste condizioni di difficoltà economica. Disagio sociale che coinvolge l’8,8 per cento dei nuclei familiari marchigiani, in leggero calo rispetto all’8,9 del 2016. In Italia i poveri alla fine del  2017 erano il 12,3 per cento della popolazione, in crescita rispetto al 10,6 per cento dell’anno precedente. Ad affermarlo un’indagine del Centro Studi Cna Marche, che ha elaborato i dati Istat. Il record delle famiglie povere si ha in Calabria con il 35,3 per cento seguita dalla Sicilia con il 29 per cento e da tutte le regioni del Sud in doppia cifra. La statistica sulla povertà è la fotografia di un Paese diviso in due con la Valle D’Aosta che ha il minor numero di famiglie in povertà (4,4 per cento), seguita dal Trentino Alto Adige (4,9),  dalla Lombardia (5,5) e da tutte le regioni del Centronord sotto il 10 per cento. Unica eccezione l’Umbria con il 12,6 per cento di famiglie povere mentre le Marche si fermano all’8,8 per cento.

“Sono questi 134.794 i marchigiani che sperano nel reddito di cittadinanza per migliorare la loro condizione economica ed arrivare a fine mese. Si tratta” afferma il direttore del Centro Studi Cna Marche Giovanni Dini “di persone che non riescono a risparmiare né tanto meno a sostenere spese impreviste, spesso sono costrette a non saldare o a posticipare il pagamento di mutui, affitti e bollette, risparmiano sulle spese di riscaldamento e rinunciano agli interventi di manutenzione della propria abitazione. Infine risparmiano anche sulle spese mediche e su quelle alimentari.

A stare peggio, tra le famiglie povere, sono quelle con figli minori e quelle più numerose. Inoltre la povertà aumenta se il capofamiglia non ha un titolo di studio o si ferma alla licenza elementare. Le famiglie povere in questa situazione sono il triplo di quelle con il capofamiglia diplomato o laureato. Infine, ed è una triste conferma, la diffusione dell’indigenza e della povertà è decisamente più elevata tra le famiglie con stranieri e soprattutto tra quelle formate da soli stranieri.

“Registriamo con soddisfazione” sostiene Dini “il fatto che sembra essersi fermata la corsa all’impoverimento delle famiglie marchigiane. Ma la crisi morde ancora troppe persone, soprattutto quelle con figli piccoli. Per aiutare le famiglie ad uscire dalle difficoltà  economiche non bastano reddito di cittadinanza e politiche assistenziali.  E’ fondamentale mettere in campo un grande piano di investimenti in lavori pubblici e infrastrutture e aiutare le piccole e medie imprese a creare nuovi posti di lavoro, riducendo loro le tasse e i contributi previdenziali per dare non solo un reddito ma anche un lavoro ai troppi  che ancora ne sono sprovvisti”.

 

LE FAMIGLIE POVERE NELLE REGIONI ITALIANE

Regione

2012

2013

2014

2015

2016

2017

Piemonte

7

5,1

6

6,6

6,0

6,8

Valle d'Aosta

6,3

5,3

6,4

7,2

4,8

4,4

Lombardia

3,9

3,8

4

4,6

5,0

5,5

Trentino Alto Adige

5,5

3,7

3,8

-

-

4,9

Veneto

4,6

4,4

4,5

4,9

5,5

6,1

Friuli-Venezia Giulia

8,2

8,1

7,9

8,7

10,4

6,9

Liguria

11,2

7,8

7,8

8,5

11,1

8,5

Emilia-Romagna

4,1

3,8

4,2

4,8

4,5

4,6

Toscana

9,1

6,5

5,1

5

3,6

5,9

Umbria

7,5

7,1

8

-

11,8

12,6

Marche

13,3

10

9,9

7,6

8,9

8,8

Lazio

4,1

5,8

5,8

6,9

9,7

8,2

Abruzzo

15,7

15,5

12,7

11,2

9,9

15,6

Molise

17,2

17,6

19,3

21,5

18,2

21,0

Campania

23,8

21,4

19,4

17,6

19,5

24,4

Puglia

23

20,3

20,5

18,7

14,5

21,6

Basilicata

24

24,3

25,5

25

21,2

21,8

Calabria

22,8

26,6

26,9

28,2

34,9

35,3

Sicilia

21,9

24,1

25,2

25,3

22,8

29,0

Sardegna

12,3

15,1

15,1

14,9

14,0

17,3

Italia

10,8,

10,4

10,3

10,4

10,6

12,3

dati indisponibili

 

 

LE FAMIGLIE POVERE NELLE MARCHE

Anno

2012

2013

2014

2015

2016

2017

Famiglie povere

85.661

64.476

63.800

49.044

57.477

56.920

Persone povere

205.506

155.314

153.529

117.325

136.887

134.794

% famiglie povere

13,3

10

9,9

7,6

8,9

8,8

 

FAMIGLIE, QUANDO SI E' POVERI

 

euro mese

famiglie con 1 componente

651,13

con 2 componenti

1.085,22

con  3 componenti

1.443,34

con 4 componenti

1.768,91

con 5 componenti

2.061,92

con 6 componenti

2.334,08

con 7 e più componenti

2.604,53

Fonte: elaborazioni Centro Studi Cna Marche su dati Istat

 

 


 
opinioni a confronto

15 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  08/10/2018 15:53  Anonimo808

    09:22 - 16:48
    Mi scusi sa Dott. Bonfili ma la GUARDIA DI FINANZA che ci sta a fare? C'è sempre stata, ed ha sempre multato i piccoli commercianti per cose assai ben più banali che si potevano forse anche evitare, questo lei lo saprà meglio di me.
    Da anni che esiste l'euro, da l'inizio fino ad oggi sento sempre dire non solo da lei, ma da tutte le persone di sinistra questa storia:
    ""Nell'applicazione del cambio,quando il prezzo di un prodotto di 1000£ è diventato 1€,che doveva valere 1936,27£, determinando,perciò,il raddoppio di quel prezzo""
    Bene, allora perchè le fiamme gialle che vanno sempre in giro a
    vessare i piccoli commercianti, magari per uno scontrino non rilasciato, facendo esemplari multe salatissime, non hanno mai fatto una multa a quei commercianti furbetti che non hanno applicato quella regola da lei su indicata?
    Penso che si potevano benissimo sguinzagliare, se si aveva un po' di buona volontà, o forse perchè le cose non sono esattamente come lei afferma?
    Ricordando anche che dopo Berlusconi c'è stato Prodi:
    Governo Berlusconi dal 10 giugno 2001 al 17 maggio 2006.
    Governo Prodi dal 17 maggio 2006 all'8 maggio 2008.
    In quest'ultimo periodo che va "dal 17 maggio 2006 all'8 maggio 2008" si poteva rimettere a posto l'euro secondo quelle regole da lei su indicate, ma non è stato fatto perchè?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  0   Rimuovi


  • 1  06/10/2018 22:35  Jean-Paul Marat

    23:10
    Vale a dire che se c'era un debito publico prima dell'euro, quel signore che tutto gli si può fare meno che ringraziare, egli lo ha elevato alla potenza di 100 il debito pubblico con questa straordinaria meravigliosa operazione:
    https://www.youtube.com/watch?v=lh6A8svCnD4
    https://www.youtube.com/watch?v=y8Mv8bYV3BA
    Adesso impossibile risanarlo, se prima c'era una possibilità, per colpa sua ora siamo tutti schiavi per secoli avvenire degli eurousurai dei mercati e dell'UE, neanche ci possiamo permettere più di fare elezioni democratiche a suffragio universale senza subire l'approvazione dell'Unione Europea di Bruxelles

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  0   Rimuovi


  • 2  06/10/2018 11:07  Jean-Paul Marat

    23:10 (anche a quest'ora tarda la camomilla ti fa bene)
    Allora se non hanno debito pubblico ciò significa ed avvalora la tesi che quel non oso dire signore sapeva dell'andazzo del sistema Italia, sapeva che era in forte debito pubblico, doveva attendere tempi migliori per far entrare l'Italia nell'euro,
    non solo, ma si è anche permesso l'incosciente folle:
    https://www.youtube.com/watch?v=lh6A8svCnD4
    https://www.youtube.com/watch?v=y8Mv8bYV3BA
    https://www.youtube.com/watch?v=rQxQROAyEgo
    Ci vuole ben altro che ringraziarlo.
    Cosa mi vieni a dire, cose che mi fanno convincere sempre di più quello che già penso?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  1   Rimuovi


  • 3  05/10/2018 23:10  Anonimo816

    20:42
    Vanno bene perché hanno bassissimo debito pubblico!!
    La Romania aveva tanto per fare un esempio debito pubblico zero!!
    Mica sono fessi nel entrare in una moneta dove ci sono stati indebitati come l'Italia!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  5   Rimuovi


  • 4  05/10/2018 20:42  Jean-Paul Marat

    00:33 (una bella tazza di Montania la sera ti fa bene)
    Quel signore Ci vuole altro che ringraziarlo!
    Perchè era consapevole di come andava l'allora sistema Italia, firmando certi accordi come i trattati di Maastricht, ha
    regalato la Nazione agli usurai europei, come se avesse firmato le cambiali in protesto.
    Quali tassi d'interesse se oggi con l'euro non c'è possibilità di comprare case ed immobili, cosa ci fai con gli interessi bassi?
    Come dice un noto grande Nobel per l'economia:
    https://www.youtube.com/watch?v=nilNrPpY1eI
    Quello che poi fa ancor più rabbia è come vanno quei paesi europei che non hanno voluto adottare l'euro:
    https://www.bulgaria-italia.com/bg/news/news/05148.asp
    http://www.ilnord.it
    https://www.ilpost.it/2017/10/29/romania-crescita-economia/
    https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-01-31/nazionalismo-e-crescita-boom-due-facce-polonia-200013.shtml?uuid=AE3M3MsD&refresh_ce=1
    https://www.tempi.it/qual-e-il-paese-europeo-che-cresce-di-piu-ebbene-si-limpresentabile-ungheria-di-orban/

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  3   Rimuovi


  • 5  05/10/2018 00:33  Vercingetorige

    07:59
    Ringrazia quel signore se oggi l'Italia può utilizzare una moneta solida il problema non è come ci siamo entrati ma come abbiamo continuato ad amministrare questo paese senza coscienza.
    Una delle tante cose che ti indottrina non ti dice è che grazie al'euro l'Italia ha potuto usufruire di una diminuzione dei tassi d'interesse facendogli risparmiare 600 miliardi di interessi.
    Se eravamo gente intelligente quei 600 miliardi di risparmio con tagli mirati potevano diventare 1200,invece no abbiamo continuato a fare spesa pubblica improduttiva e anzi abbiamo aumentato la spesa e oggi raccogliamo i frutti.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  5   Rimuovi


  • 6  04/10/2018 20:42  Anonimo726

    Il problema di chi è?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  2   Rimuovi


  • 7  04/10/2018 15:36  Anonimix

    Non criticate soltanto, date una soluzione l'alternativa!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  2   Rimuovi


  • 8  04/10/2018 09:22  gianni bonfili

    Vercingetorige,guardi che prende un grosso abbaglio : io non hom affatto scaricato tutto sull'euro,ma sulle vergognose porcate fatte nell'applicazione del cambio,quando il prezzo di un prodotto di 1000 £ è diventato 1 €,che doveva valere 1936,27 £,determinando,perciò,il raddoppio di quel prezzo.Ma non è avvenuto altrettanto per le paghe e le pensioni.Mi pare facile comprendere che tutto ciò ha significato un repentino e grosso impoverimento della maggioranza della popolazione con tutte le conseguenze di crisi devastante che ci ha colpito,aggravate,peraltro,dall'enorme debito pubblico che oggi rende quasi proibitivo ogni intervento pubblico di rilancio dell'economia.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  4   Rimuovi


  • 9  04/10/2018 07:59  Anonimo611

    Anni fa cosa aveva in testa questo non oso dire signore, era cosciente o incosciente, sapeva a che cosa andava incontro, in quale situazione e catastrofe avrebbe portato I'Italia, ed in quale situazione era tutta la popolazone italiana, se era preparata all'evento?????

    https://www.youtube.com/watch?v=lh6A8svCnD4
    https://www.youtube.com/watch?v=y8Mv8bYV3BA
    https://www.youtube.com/watch?v=rQxQROAyEgo

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  4   Rimuovi


  • 10  03/10/2018 19:24  Vercingetorige

    16:48
    La cosa liquidata come ha fatto lei è troppo semplicistica!
    Ricordiamoci per un attimino La Malfa,se lo ricorda La Malfa?
    La Malfa era un'economista che già ai suoi tempi aveva intenzione di inserire il pareggio di bilancio in costituzione!!!
    Sa cosa sarebbe successo se gli fosse stato consentito di fare ciò?
    Lo sa?
    Ora glielo dico io,oggi eravamo i primi in europa come industria,innovazione e tenuta in ordine dei conti!!
    Invece no,pensioni baby a gente che ha lavorato 14 anni,pensioni di invalidità che non c'erano,furbetti del retributivo e esuberi nella pubblica amministrazione!!
    Ed oggi lei se la prende con l'euro?
    Ma chi ha fatto tutta questa spesa pubblica?
    Oggi è arrivato il conto di tutto quel bengodi da cicale!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    10  3   Rimuovi


  • 11  03/10/2018 17:53  Anonimo948

    però continuamo a dà 45 euro al giorno agli extra-comunitari

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  3   Rimuovi


  • 12  03/10/2018 16:48  gianni bonfili

    Fondamentale tener conto del costo della vita.Con il passaggio dalla lira all'euro,anche per la trascuratezza dei controlli previsti sulla carta,nonchè per la scarsa considerazione sulle spezzature decimali da parte dei consumatori,i prezzi sono sostanzialmente raddoppiati,mentre le entrate fisse sono state conteggiate al centesimo.Facile capire l'improvviso impoverimento della grande maggioranza della popolazione a reddito fisso.L'ulteriore implicazione negativa a questo collegabile è stata la crisi della produzione , dell'occupazione e dell'abbattimento dei trattamenti retributivi.Molto impegnativa la risalita,anche per le guerre economiche a livello mondiale che disinvoltamente sottovalutiamo,che richiede anche una capacità di adattamento psicologico non tranquillamente praticabile da parte dei più.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  4   Rimuovi


  • 13  03/10/2018 15:28  Giulio

    Il ritratto delle famiglie povere (e che otterranno il reddito di cittadinanza) coincide con quello delle famiglie immigrate dall'Africa e dal Medio Oriente (più figli, minore scolarità).

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  3   Rimuovi


  • 14  03/10/2018 14:42  Vercingetorige

    Tranquilli c'è Di Maio che pensa a tutto!!
    Con soli 10 miliardi darà Reddito di cittadinanza e perequazione delle minime a 780 euro al mese a 5 milioni di persone!
    Peccato che con 10 miliardi 780 euro al mese li dai a 1 milione di persone!
    Comunque la speranza è sempre l'ultima a morire tant'è che Gesù ha moltiplicato i pesci!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    12  5   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
13
10
2019
"NOTE SACRE MARCHIGIANE"

"NOTE SACRE MARCHIGIANE"

Sala della Musica dell'Ass. Controvento A.P.S., in via Ceccaroni 1

12
10
2019
Storia, arte e natura. Una domenica alla scoperta di Montecassiano

Storia, arte e natura. Una domenica alla scoperta di Montecassiano

Domani doppio appuntamento con “La domenica nel Borgo” e il “Trekking urbano-rurale a Sant’Egidio"

12
10
2019
IL BANDO NAZIONALE "PER CHI CREA" PREMIA IL PROGETTO IN DOMUM DELL’ARTISTA ADINDA PUTRI-PALMA

IL BANDO NAZIONALE "PER CHI CREA" PREMIA IL PROGETTO IN DOMUM DELL’ARTISTA ADINDA PUTRI-PALMA

Recanati avrà un ruolo centrale, sarà la prima sede espositiva a marzo del prossimo anno

 

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür