Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Mercoledì, 17 Ottobre 2018 19:18  Asterio Tubaldi  Stampa  333 

Coldiretti Marche, l'embargo russo presenta il conto

Coldiretti Marche, l'embargo russo presenta il conto

- 2 milioni di esportazioni rispetto a prima della crisi. E c'è anche l'effetto Brexit: export -28,5%

Le tensioni internazionali tra Brexit ed embargo russo sono costate care alle esportazioni agroalimentari marchigiane. A fare questa analisi è Coldiretti Marche in vista della visita del vicepremier Matteo Salvini in Russia. Rispetto al 2013, anno prima dell’embargo, le esportazioni di prodotti dell’agricoltura, della pesca, della silvicoltura ma anche di tutto il manifatturiero alimentare (latticini, insaccati, bevande, eccetera) sono scese di quasi il 56% passando da oltre 3,3 milioni di euro a poco meno di 1,5 milioni l'anno. E anche per il 2018 si non prevede nulla di buono. Nei primi sei mesi dell’anno in corso il valore dei prodotti regionali arrivati sulle tavole di russi ammonta a circa 692mila euro: circa il 58% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno ma il trend appare fin da ora ben lontano dai valori pre crisi. Perdite a cui si somma anche un danno all’immagine del Made in Italy con l’invasione nei mercati russi di tutti quei prodotti stranieri spacciati per italiani e marchigiani. "Danni diretti e indiretti derivanti dell'embargo continuano a colpire l'agroalimentare marchigiano - commenta la presidente di Coldiretti Marche, Maria Letizia Gardoni - Ci auguriamo una ripresa di dialogo con un risvolto positivo per le nostre aziende che, fino al 2013, hanno avuto proficui rapporti commerciali con il mercato russo. Non possiamo continuare ad accettare né un arresto reiterato degli scambi economici né la sostituzione dei nostri prodotti autentici con quelli similari che richiamano impropriamente la nostra identità". Critica anche la situazione a ovest. Con la Gran Bretagna non ci sono embarghi ma è chiaro che la Brexit e le tensioni tra il governo May e l’Unione Europea giocano a sfavore del nostro agroalimentare. L’export verso il paese di Sua Maestà ha subito un nuovo contraccolpo, stando ai dati Istat, rielaborati da Coldiretti Marche, del primo semestre 2018 a confronto con lo stesso periodo dell'anno precedente: - 28,5%, poco più 5,5 milioni di euro rispetto ai 7,8 del 2017. 

opinioni a confronto

2 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  18/10/2018 08:36  Anonimo597

    La Coldiretti si è subito "buttata", come si dice in gergo, dalla parte giusta perchè in ballo ci sono i denari e le agevolazioni della Legge finanziaria.. Quelli che quando parlano delle loro produzioni fanno anche discorsi etici, culturali, di identità, mettono da parte qualsiasi principio pur di compiacere chi comanda e affiancarlo nella sua campagna. Le sanzioni sono state poste per ragioni serie, molto serie, che riguardano l'autonomia dei popoli e la loro volontà di non essere "sudditi" del nuovo zar Putin. Non c'è solo il portafoglio nella vita. A proposito: l'export dell'Italia verso la Russia non è diminuito di un euro con le sanzioni.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  0   Rimuovi


  • 1  17/10/2018 21:44  Anonimo661

    E basta piagnucolare sempre basta!
    Chiedetevi come mai la Baviera produce latte a minor costo al litro e l'europa onde evitare troppa concorrenza mise le quote latte che non avete rispettato ricordatevelo quanto c'è stato lucrato sopra.
    Adesso che le quote latte sono state tolte dando vantaggio al mercato non vi sta bene perché l'Italia è penalizzata e chiudono 1500 stalle!
    Cosa volete,cosa chiedete?
    Non vi bastano i 5 miliardi che lo stato Italiano ha pagato per voi?
    Sarà arrivato il momento di decidere cosa fare,dove andare e soprattutto come fare,perché i Tedeschi investendo in attrezzature,stalle,caseifici producono il latte a minor costo?
    Non mi parlate di qualità perché quando voi Coldiretti avevate bloccato il Brennero avevate fermato un tir con su 24000 kg di latte proveniente dalla Germania con destinazione Molise per poi essere trasformato in latticini e formaggio con denominazione d'origine...magari.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    10  0   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
24
02
2020
Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Nutrita partecipazione per il secondo appuntamento della rassegna

02
03
2020
Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Si riprende dalla giornata sospesa nell'ultimo week end dall'Eccellenza in giu'

01
03
2020
Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Non basta il gol di Pezzotti ai giallo rossi che scivolano a meno 7 dalla vetta

28
02
2020
Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

In serie D girone F nessuna gara rinviata, giallo rossi di scena al Della Vittoria alle 14,30

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür