Stampa questa pagina

Sabato, 17 Novembre 2018 08:28  Asterio Tubaldi  593 

SI È INSEDIATO OGGI POMERIGGIO IL NUOVO CONSIGLIO PROVINCIALE

SI È INSEDIATO OGGI POMERIGGIO IL NUOVO CONSIGLIO PROVINCIALE

All’ordine del giorno la discussione sul mantenimento della rete scolastica dell’entroterra

Si è insediato oggi il nuovo Consiglio provinciale che rimarrà in carica per un biennio.

Dopo l’elezione del 31 ottobre, insieme al presidente della Provincia Antonio Pettinari, ci sono i consiglieri eletti: Francesco Acquaroli, Tarcisio Antognozzi, Debora Brugnola, Fabrizio Ciarapica, Enrico Marcolini, Paolo Micozzi, Deborah Pantana, Paolo Renna, Rosella Ruani, Filippo Saltamartini, Stefania Settimi e Rosalba Ubaldi.

All’ordine del giorno, l’esame delle condizioni degli eletti, la relativa convalida della carica, una variazione al bilancio di previsione dell’ente relativa ad una rotatoria che dal Demanio Pubblico passa in carico alla Provincia e la programmazione della rete scolastica della provincia di Macerata per il  2019/2020.

“Questo terzo punto è di particolare importanza - afferma Pettinari - perché si pone l’obiettivo di mantenere la situazione allo stato attuale, difendendo e tutelando soprattutto i Comuni terremotati, con particolare attenzione all’entroterra caratterizzato da piccoli centri, i più colpiti dal sisma e già in difficoltà prima di questi eventi. A questo proposito, dopo aver consultato i sindacati, i presidi, martedì 13 novembre si è svolto il CAL e in quella sede i sindaci, al

l’unanimità, hanno approvato un ordine del giorno che oggi viene riproposto al Consiglio Provinciale, a difesa di questi territori”.

Un impegno proteso al ripristino e al mantenimento del sistema d’istruzione negli stessi termini dello stato antecedente al terremoto. Per il raggiungimento di questo obiettivo è fondamentale mantenere i servizi scolastici e contare su una rete adeguata ai fabbisogni delle comunità e alle concrete potenzialità di sviluppo socio economico. Un passaggio che costituisce la primaria condizione di ricostruzione delle comunità locali.

opinioni a confronto

5 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!