Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Domenica, 25 Novembre 2018 16:57  Asterio Tubaldi  Stampa  804 

Debito fuori bilancio per una storia di 20 anni fa

Debito fuori bilancio per una storia di 20 anni fa

Una storia vecchia di un debito che il Comune si trascina dal 1998 e che ora deve pagare attingendo dal fondo di riserva per un importo di circa 230.000 euro. Era l’epoca della giunta di centrosinistra guidata dal sindaco Roberto Ottaviani e in corso c’è il recupero dell’area artigianale ex Eko. Si demolisce e si ricostruisce e il materiale di risulta l’amministrazione pensa bene allora di smaltirlo in un’area di proprietà dell’impresa edile recanatese di Armando Lorenzini anche se non aveva né chiesto né ottenuto alcun permesso. Questo comporta per il Comune una citazione in Tribunale da parte appunto del proprietario dell’area che chiede un risarcimento danni di 328 milioni di lire. E l’amministrazione che fa? Scarica la richiesta alla sua assicurazione, la Assitalia, appunto e visto che questa non ne voleva sapere di assumersi quell’onere il Comune ottiene dal Tribunale un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. L’Assitalia, quindi, paga ma immediatamente fa causa al Comune, che in questa occasione si fece difendere dall’avv. Andrea Calzolaio, e aspetta pazientemente i tre gradi di giudizio per chiedere indietro quanto era stata costretta a pagare indebitamente. Nel 2009 il tribunale si pronuncia finalmente con una sentenza sfavorevole però, per il Comune che decide di opporsi sino al terzo grado di giudizio quando la Cassazione giudica addirittura inammissibile il suo ricorso. E siamo al 2018. Per fortuna che la prudenza dell’assessore al bilancio Antonio Bravi ha fatto sì, in base alla normativa attuale, che in bilancio ci sia un fondo abbastanza cospicuo proprio per far fronte a situazioni di questo genere. Così, almeno, ci sono i soldi e non si intacca pesantemente il bilancio 2019 che in quella stessa seduta di Consiglio sarà approvato. Magra consolazione è il fatto che nel frattempo gli interessi maturati sono in percentuale minima e il fatto che in tutti questi anni quella somma sia stata nelle disponibilità dell’Ente fa sì che almeno, oltre alla beffa, non ci sia un danno economico per l’Ente. Certo sarebbe interessante capire chi allora, fra tecnici e politici, autorizzò quella discarica abusiva e magari chiedere loro di rifondere il danno. 

 

opinioni a confronto

15 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  27/11/2018 12:42  Anonimo267

    Fortuna Bravi, grazie Antonio per la tua competenza.
    Auguro a Recanti che diventi il prossimo sindaco!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  3   Rimuovi


  • 1  27/11/2018 08:29  Anonimo503

    Di solito queste cose vanno denunciate sul Washington Post, come hanno fatto in passato anni fa

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  0   Rimuovi


  • 2  26/11/2018 18:34  Anonimo278

    Ma chi nomina gli avvocati e i tecnici per l’ Amministrazione comunale? Sindaco, in primis, Giunta e Presidente del Consiglio comunale (di allora). Fanno due conti e si invia ai responsabili la parcella.
    Come cittadino recanatese non ho nessuna voglia di aggiungere alle tasse comunali che già pago un euro, o molti € di più per conto loro: oneri e danari vanno pagati di persona.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  0   Rimuovi


  • 3  26/11/2018 14:26  Anonimo319

    Se questi abusi li compie un privato c'è il penale e paga di tasca sua. Se li compie un ente pubblico pagano i cittadini e non c'è nessun amministratore o tecnico dipendente pubblico chiamato in causa in prima persona. Questi rifiuti ce li avrà pur fatti portare qualcuno in quel posto inadatto! Non si potrebbe sapere il nome?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  0   Rimuovi


  • 4  26/11/2018 11:00  Anonimo472

    COSA C'ENTRA CHE IL PRIVATO ERA D'ACCORDO
    LA LEGGE DEVE ESSERE RISPETTATA ANCHE E SOPRATTUTTO DALLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, ALTRIMENTI TUTTI POSSONO FARE CIO' CHE VOGLIONO.
    IL FATTO E' CHE L'IMPRESA CHE RISTRUTTURAVA L'EX EKO HA RISPARMIATO DEI SOLDI PER PORTARE I RIFIUTI SPECIALI IN DISCARICA E NOI PAGHIAMO ANCHE PER LEI

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  0   Rimuovi


  • 5  26/11/2018 08:39  Anonimo248

    18:20
    Si ma c'era anche un assessore che oggi è un Pentastellino boys!
    Chissà come legge la vicenda dopo vent'anni?
    Dopo tutto sono soldi pubblici gettati nel water!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    8  2   Rimuovi


  • 6  26/11/2018 08:28  Anonimo670

    Tutti i "compagnucci" sanno benissimo chi sono i diretti responsabili, se qualcuno poi avesse la memoria corta........allora gli ricordiamo :
    UNO - un allora assessore architetto il quale gestiva l'assessorato con le conseguenze attuali, che a tutt'oggi gode di grande visibilità ed è inserito all'nterno di consigli di amministrazione e di commissioni varie ;
    DUE - un consigliere comunale di maggioranza il quale aveva ed ha delle proprietà all'interno della zona dove vennero eseguite all'epoca delle opere di demolizione di strutture edilizie ed i rifiuti vennero collocati su proprietà del privato .
    NON DIMENTICATE POI CHE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELL'EPOCA ERA UN CERTO FRANCESCO FIORDOMO.
    La somma iniziale di 230 mila euro è oggi arrivata a ben 320 mila euro,cioè un aumento pari 90mila euro, qualcosa come 180 milioni delle vecchie lire, giudicate voi se questo è il ben governare , come sono in parte convinto del fatto che se il sindaco di qualche comune posto all'interno del cratere in futuro dovesse richiedere il rimborso delle somme oggi ottenute per la realizzazione della Gigli vadano rimborsate non essendone giustificata l'elargizione.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  7   Rimuovi


  • 7  26/11/2018 00:33  Ex eko

    Sulla ex eko abbiamo un super esperto che adesso sta con le 5 stelle prima con Marangoni

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    11  1   Rimuovi


  • 8  25/11/2018 23:57  Anonimo648

    La soluzione ce l'ho io: vendiamo lo sgambatoio e ci paghiamo il debito, tanto come valore siamo lì... ahahahahh

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    10  0   Rimuovi


  • 9  25/11/2018 22:49  Anonimo406

    Bè quando si parla di ex Eko non possiamo che ricordare anche abusi edilizi!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  1   Rimuovi


  • 10  25/11/2018 21:59  gracias al

    C'è da dire che chi aveva pensato di portare i rifiuti in quell'area privata, sicuramente non è stato molto accorto.
    Oppure in un primo momento c'era la disponibilità del privato in cambio di qualcosa, che poi non è andato in porto e da li la denuncia.

    Un film da me visto molte volte.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  0   Rimuovi


  • 11  25/11/2018 21:00  Anonimo330

    Ma si , scarica barile all' italiana, parcelle per periti e avvocati che pagano i soliti gli ignari cittadini contribuenti...ma una domanda , non è che per caso la impresa edile proprietaria dei terreni aveva il suo tornaconto? Poi qualcosa non è andato per il verso giusto...così a pensar male...

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    8  1   Rimuovi


  • 12  25/11/2018 19:06  Anonimo531

    Ma che bravi questi Komunisti!!!
    Un sindaco venuto da molto lontano come la canzone di Minghi che crea una coalizione molto ROSSA dal che si dovrebbe evincere rispetto per l'ambiente la natura ecc invece cosa fa?
    Recuperano l'area artigianale ex Eko in un momento dove la città si espande creando li una sorta di enclave produttivo scomodo logisticamente perché tutti quei tir che si bloccano nella via giuoco del pallone sono diretti lì così come molti tir si bloccano nei pressi di Mosca perché è difficile poi entrare in quell'area disgraziata.
    C'è da smaltire il materiale e la giunta ROSSA come la Ferrari pensa bene di buttarlo in una proprietà di un costruttore senza alcun rispetto per la proprietà altrui tanto che il proprietario poteva anche passarci dei guai in quanto il materiale edile di scarto è un rifiuto speciale!!!
    Al che mi domando se non dovrebbe valere anche per i politici la responsabilità civile,avete sbagliato voi perché dovremmo pagare tutti noi cittadini?
    Quella giunta di decisioni irresponsabili ne ha prese molte come quella della vendita dei terreni dell'ospedale e da lì è iniziata l'agonia del Santa Lucia!!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    21  8   Rimuovi


  • 13  25/11/2018 18:20  RECANATESE indignato

    il danno economico per l' Ente c'è!!! come si fa a scrivere che non c'è, i soldi debbono essere rimborsati più le spese ed interessi per un totale di 230.000,00 che il Comune deve sborsare. IL Fatto la cifra da pagare sia stata accantonata serve solo a rimborsare subito ma sono soldi che il Comune paga inutilmente per una stupida scelta dell'allora amministrazione che guarda caso aveva il più giovane presidente del consiglio d'Italia, l'attuale Sindaco Fiordomo!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    11  7   Rimuovi


  • 14  25/11/2018 17:22  Anonimo584

    Sembra che non sia successo nulla ed invece i RECANATESI tirano fuori 230.000 euro per un errore di qualcuno. Spero che il Consiglio Comunale che ha l'OBBLIGO di fare gli interessi dei recanatesi, prenda posizione.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    10  4   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
16
08
2019
Parla mister Giampaolo della Recanatese, domenica il test con la Fermana

Parla mister Giampaolo della Recanatese, domenica il test con la Fermana

Un girone F dove si gioca a calcio e dove si potranno vedere delle belle partite

Da pochi giorni sono stati diramati i gironi ed i calendari della Serie D, la Recanatese è inserita nel Girone F insieme alle altre marchigiane Jesina,
Matelica, Sangiustese, Montegiorgio, Tolentino e Porto Sant’Elpidio.

Il 25 agosto i leopardiani affronteranno il primo impegno ufficiale della stagione contro il Montegiorgio in Coppa Italia. Dopo un mese di lavoro ed i
primi test abbiamo intervistato mister Giampaolo.

Dopo quasi un mese di preparazione la situazione del gruppo è quella che si aspettava?

“Abbiamo iniziato questo ritiro con un’idea di gioco completamente nuova, c’è bisogno di tempo per assimilare quello che stiamo proponendo, le gambe ancora
non girano ma per il momento è giusto che sia così. Le priorità della preparazione erano quelle di non avere infortuni e di mettere benzina sulle gambe,
priorità che sono state rispettate. Ora bisogna cercare di mettere in campo quello abbiamo proposto durante queste prime settimane di allenamento”. 

Cosa ne pensa della composizione del girone F? 

“Sulla composizione del giorone F posso dire che è sicuramente un bel girone, dove si gioca a calcio e dove si potranno vedere delle belle partite. Il
fatto che non sia stato inserito il Foggia ha soddisfatto un po tutti”.

Quali sono, secondo lei, le squadre potenziali protagoniste?

“Le squadre che si sono rinforzare di più, che saranno protagoniste e lotteranno per vincere il campionato penso possano essere il Matelica, il Pineto,
il Cambobasso, la Vastese”.

La Recanatese potrà ambire alla lotta al vertice?

“La Recanatese è stata costruita per raggiungere i play-off. La stagione scorsa è stata molto postiva, cerchiamo di proseguire il percorso cercando di
alzare l’asticella, bisogna vedere tutto poi quando inizieranno le partite che contano”.

Ricordiamo l’appuntamento per domenica 18 agosto alle ore 18,00 per l’allenamento congiunto Recanatese-Fermana.

 

14
08
2019
Cade nel quinto test la Recanatese, il Bitonto vince 3 a 0

Cade nel quinto test la Recanatese, il Bitonto vince 3 a 0

Domenica amichevole contro la Fermana al Tubaldi, il 25 agosto il debutto in Coppa contro il Montegiorgio

14
08
2019
Varato il calendario della D, per la Recanatese c'è ancora la Jesina alla prima giornata

Varato il calendario della D, per la Recanatese c'è ancora la Jesina alla prima giornata

Al Carotti di Jesi il 1 settembre, prima trasferta ad Agnone

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür