Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Maggio 2019 »
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

ARCHIVIO NOTIZIE

21
05
2019
AUDIONEWS
Minestrofferta di lavoro

Minestrofferta di lavoro

In attesa di trovare un lavoro, il programma apolitico ed apartitico Minestrò augura a tutti buone elezioni!

21
05
2019
VIDEONEWS
AQUA la visione di Leonardo

AQUA la visione di Leonardo

A cura di Matteo Guidolin

21
05
2019
VIDEONEWS
Note di Umberto Piersanti

Note di Umberto Piersanti

La certezza della Pena

Banner Elettorale - spazio libero 1Banner Elettorale - spazio libero 4Banner Elettorale - spazio libero 2Banner Elettorale - spazio libero 3

Martedì, 04 Dicembre 2018 21:31  Anna Rita Marconi  Stampa  679 

Bimbo non vede la mamma a causa delle istituzioni?

Bimbo non vede la mamma a causa delle istituzioni?

Una storia kafkiana desta forti sospetti di conflitti d’interesse

Ancona . Circa 3 anni fa una mamma marchigiana abbandonata dalla famiglia d’origine e dal

proprio compagno si è ritrovata in mezzo alla strada con un bambino piccolo. Sono

intervenuti i Carabinieri e i Servizi Sociali. In prima battuta, la mamma è stata felice dell’aiuto

ricevuto, accettando la collocazione in una comunità mamma-bambino. Ignorava che non

sarebbe stato possibile possibile garantire il diritto del bambino alla vita familiare, e che la

sua disperazione sarebbe aumentata. Ma soprattutto non poteva immaginare che questa

disperazione - normalissima reazione umana in tali circostanze - sarebbe stata interpretata

come malattia mentale e usata per portarle via il figlio.

“La cosa non ci sorprende” - commenta il portavoce del CCDU (Comitato dei Cittadini per i

Diritti Umani - un ente di denuncia degli abusi psichiatrici) - “sono sempre più frequenti i casi

in cui un normalissimo sentimento umano viene etichettato come patologico da questi

sedicenti esperti. I cosiddetti disturbi mentali non sono altro che un elenco di comportamenti

e di pensieri: riclassificarli come malattie comporta margini di arbitrarietà e soggettività così

ampi da esulare completamente dall’ambito scientifico.”

Ma tant’è: pur in assenza di maltrattamenti o altri gravi abusi nei confronti del bambino,

questi presunti disturbi mentali sono sufficienti per giustificare l’allontanamento (verrebbe

quasi da chiamarlo “rapimento”) del bambino e il suo affidamento etero-familiare. Alla

mamma veniva concesso di vedere il bambino in incontri protetti di poche ore al mese senza

nessuna intimità - verrebbe da definirlo un regime da carcere duro.

La mamma, disperata, pubblica un video su Internet per lamentarsi del trattamento ricevuto -

una reazione magari fuori luogo ma, date le circostanze, umanamente comprensibile. Invece

no: il comportamento della mamma sarebbe pericolosissimo in quanto lesivo della privacy

del bimbo e così, nella migliore tradizione psichiatrica, si ricorre alla coercizione e al ricatto,

sospendendo gli incontri. Il bambino sparisce e, da quel momento in poi, la mamma non

sapeva neppure dove e con chi fosse.

Il Tribunale, interpellato dall’avvocato Francesco Miraglia, difensore della mamma, ha

ravvisato un’incompatibilità tra la mamma e i Servizi Sociali, e nel settembre del 2017 (sic)

ha incaricato un altro Servizio Sociale di intraprendere il percorso di genitorialità con la

mamma. Il nuovo servizio sociale, però, non sa dove si trovi il bambino, e solo pochi giorni fa

(un anno e due mesi dopo) l’avvocato è riuscito a scoprirlo.

L’assurdità di questa storia farebbe impallidire Franz Kafka, ma forse c’è una spiegazione a

tutto questo: un bambino ospite di una casa-famiglia rende a quest’ultima diverse centinaia

di euro al giorno, quando alla mamma sarebbe bastato molto meno per uscire dalla sua

condizione iniziale di difficoltà, e c’è chi sospetta addirittura che si tratti di un caso di

adozione mascherata.

CCDU Onlus

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
23
05
2019
“Me lo leggi?” A Porto Recanati letture animate per i più piccoli

“Me lo leggi?” A Porto Recanati letture animate per i più piccoli

Appuntamento per domenica 26 maggio a partire dalle 17.00.

20
05
2019
IL MAR DA LUNGI: SECONDO EVENTO DI CLIMBING URBANO AL PARCO DEI TORRIONI DI RECANATI E RACCOLTA FONDI

IL MAR DA LUNGI: SECONDO EVENTO DI CLIMBING URBANO AL PARCO DEI TORRIONI DI RECANATI E RACCOLTA FONDI

 

Sabato 1 giugno, torna l’assalto ai Torrioni con la seconda “arrampicata” organizzata dall’Associazione Whats Art in zona San Francesco

22
05
2019
Paolo Bravi è tornato, doppio successo per l'atleta di Recanati

Paolo Bravi è tornato, doppio successo per l'atleta di Recanati

Grottini Team Recanati sul podio alla Nove Colli di 202 km a Cesenatico 

22
05
2019
Si dividono le strade tra il Cs Loreto e mister Pesaresi

Si dividono le strade tra il Cs Loreto e mister Pesaresi

Confermato l'attaccante Spagna

21
05
2019
Massimiliano Trozzi nuovo ds del Villa Musone

Massimiliano Trozzi nuovo ds del Villa Musone

L'ex direttore sportivo del Camerano subentra a Vincenzo Masi che lascia l'incarico per motivi personali dopo quattro stagioni

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür