Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Febbraio 2019 »
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

ARCHIVIO NOTIZIE

concerto auditorium 2
20
02
2019
VIDEONEWS
Nuova sede per l'AIDO Recanati

Nuova sede per l'AIDO Recanati

Intervista alla presidente Piera Marconi

20
02
2019
AUDIONEWS
Nuove sedi per il Belcanto Italiano ® Duo

Nuove sedi per il Belcanto Italiano ® Duo

Pillole Gigliane

19
02
2019
AUDIONEWS
Minestrò al Bacio...Kinder & Ferrero

Minestrò al Bacio...Kinder & Ferrero

Arrivederci e grazie!

Martedì, 08 Gennaio 2019  Nikla Cingolani  Stampa  160 

Pillole Gigliane

Pillole Gigliane

Beniamino Gigli in Argentina

Appuntamento con l'Arte 7 gennaio 2019 - in questa puntata, dopo l'ascolto del brano "E lucean le stelle" dalla voce di Beniamino Gigli, Pierluca Trucchia ci racconta l'esperienza del tenore in Argentina nel 1919 con la compagnia di Bonetti. L'impresario voleva debuttare con l'opera "Gianni Schicchi", parte del Trittico pucciniano con "Suor Angelica" e "Tabarro",  diretta dal maestro Tullio Serafin. Gigli non si trovò d'accordo con tale decisione poichè il tenore, in questa opera, canta una sola romanza. Gigli voleva presentare Tosca. La controversia ritardò di 15 giorni la messa in scena dell'opera e i giornali, invece di capire le ragioni di tale ritardo, misero in dubbio le capacità del nostro tenore.

Trucchia segue con alcune considerazioni tratte dal diario di Gigli dove si mette in luce la rivalità con compagnia di Walter Mocchi e la visita al fratello Egidio, emigrato poco prima in Argentina. Beniamino vi rimase fino al 12 ottobre e non potè essere vicino alla moglie quando il 14 giugno nacque il figlio Enzo, padre di Beniamino Gigli jr.

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo