Stampa questa pagina

Lunedì, 11 Marzo 2019 14:43  Asterio Tubaldi  320 

CATTURATO  ITALIANO SOSPETTATO DELLA RAPINA A MANO ARMATA AI DANNI DELLA GIOIELLERIA GARULLI

CATTURATO ITALIANO SOSPETTATO DELLA RAPINA A MANO ARMATA AI DANNI DELLA GIOIELLERIA GARULLI

La Polizia di Stato durante la notte ha tratto in arresto F. E., classe 1978, residente in questa provincia. Il cittadino italiano è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina per un peso complessivo di 39 grammi.

In particolare gli operatori della Squadra Mobile diretta dalla D.ssa Maria Raffaella ABBATE, a seguito di una complessa ed articolata attività di indagine sviluppatasi nelle ventiquattro ore successive la rapina a mano armata perpetrata presso la gioielleria GARULLI sita in questo Corso Cairoli procedevano, senza soluzione di continuità, alla visione dei sistemi di videosorveglianza dell’esercizio commerciale nonché dei negozi limitrofi, del sistema di videosorveglianza comunale ed alla escussione di numerosi testimoni presenti nelle ore in cui era avvenuto il fatto.

In particolare le ricerche della polizia giudiziaria si concentravano su un giovane italiano, di circa 40 anni, residente in questa provincia il quale, fortemente indiziato della rapina a mano armata veniva sottoposto ad una perquisizione domiciliare volta a ricercare l’arma utilizzata per commettere il delitto.

Durante l’atto veniva rinvenuta sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di 40 grammi circa, strumenti di pesatura e materiale per il confezionamento. Sinergico e proficuo risultava anche il contributo fornito da personale dell’Arma dei Carabinieri. Inoltre venivano rinvenuti elementi probatori riconducibili al reato perpetrato in data 9 Marzo 2019 che debitamente sequestrati venivano sottoposti al vaglio dell’Autorità Giudiziaria Procedente.

Relativamente il reato di rapina sono in corso ulteriori attività di indagine delegate dall’A.G. volte a suffragare l’ipotesi delittuosa e ad acquisire gli ulteriori riscontri probatori a carico dell’arrestato. Ulteriori dettagli verranno comunicati durante il prosieguo dell’attività investigativa e nel corso della conferenza stampa che verrà convocata dopo l’udienza di convalida.

opinioni a confronto

1 commento