Stampa questa pagina

Giovedì, 14 Marzo 2019 09:47  Asterio Tubaldi  1102 

Recanati: ritrovato un quadro rubato al mercatino dell'antiquariato

Recanati: ritrovato un quadro rubato al mercatino dell'antiquariato

Domenica scorsa nell’area di parcheggio dei mezzi degli espositori i Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche, diretta dal Magg. Enzo Marinelli e del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Ancona, diretto dal Ten. Col. Carmelo Grasso, mentre stavo svolgendo un normale servizio, a carattere preventivo, di controllo al mercatino dell’antiquariato di Recanati, che si svolge ogni prima domenica del Mese nella Piazza Giacomo Leopardi e nelle vie adiacenti, hanno notato, occultata tra la siepe, un bustone di plastica dal cui angolo strappato fuorusciva la cornice di un quadro.

Insospettiti dal rinvenimento, i Carabinieri hanno verificato che all’interno vi era un dipinto avvolto da un giornale. Sono stati, quindi, svolti gli accertamenti preliminari per capire chi ne fosse il proprietario mentre la foto del quadro è stata subito inviata al Nucleo TPC di Ancona per accertarne la provenienza legale. Visto che nessuno ne rivendicava il possesso, il quadro, raffigurante il “Battesimo di Gesù”, è stato recuperato e depositato presso il caveau degli uffici del TPC in attesa dell’esito dalla Banca Dati dei Beni Cultura Illecitamente sottratti del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.

Da qui è venuto fuori che il dipinto olio su tela cm 86X65 , secolo XVII Autore Ignoto ambito Abruzzese, era stato rubato, insieme ad altri beni, dall’interno della Chiesa di San Gennaro, sita in Campli (TE) frazione Collicelli il 13 giugno del 2011. I 29 abitanti della Frazione, appresa la notizia del ritrovamento del quadro che ha un discreto valore economico ma per lo più affettivo/religioso, sono stati contentissimi e spettano con ansia che il quadro sia loro restituito.

Sono in corso le indagini per identificare colui che tentava di porre in vendita il quadro risultato rubato e che hanno tentato di nascondere per timore dei controlli in corso.

Durante i controlli a Recanati presso alcuni rivenditori si è provveduto anche a sequestrare d’iniziativa dei reperti di natura Paleontologica.