Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Venerdì, 19 Aprile 2019 21:48  Asterio Tubaldi  Stampa  732 

Che fine hanno fatto le opere del pittore Lorenzo Gigli stimate 750 milioni di vecchie lire?

Che fine hanno fatto le opere del pittore Lorenzo Gigli stimate 750 milioni di vecchie lire?

Un ingente patrimonio un tempo in esposizione al Museo di Arte Contemporanea e dei Pittori dell’Emigrazione, inaugurato nell’aprile del 2001 a Recanati nei locali del Chiostro di Sant’Agostino e che oggi ospitano l’ex scuola Gigli. Lorenzo Gigli è un pittore recanatese vissuto e morto a Buenos Aires. La figlia Adelaide, scomparsa il 14 ottobre del 2010, aveva donato al Comune le opere realizzate dal padre, valutate allora in 750 milioni di lire, perché andassero ad integrare ed arricchire la collezione civica già esistente. Ma di quei quadri, importanti e preziosi, non si ha più notizie e sicuramente saranno più o meno depositati in un qualche magazzino comunale dove dormono accatastati insieme ad altri numerosi quadri di grandi pittori recanatesi come Peruzzi, Politi, Simboli, Patrizi o Frapiccini. E’ una questione di spazio per poter esporre tutto il grande patrimonio artistico della città, o ci sono altre ragioni?  

La storia dei quadri di Gigli risale al 1998 quando Il Comune prese atto con una delibera di consiglio comunale in data 30 settembre 1998 della donazione di ben 14 opere d’arte eseguite da Lorenzo Gigli, definito il  “pittore dei due mondi”, che la figlia provvide anche a trasportarle dall’Argentina in Italia, accollandosi una spese non indifferente.  Nella stessa delibera il Comune a fronte di questo importante patrimonio culturale artistico di cui veniva in possesso si impegnava nei confronti di Adelaide Gigli di concederle l’uso gratuito a vita dell’abitazione posta all’interno del Chiostro di Sant’Agostino, condonando ogni canone pregresso non versato e in più si impegnava a versarle una rendita vitalizia di un milione di vecchie lire ogni due mesi. Adelaide poi scomparse come dicevamo nel 2010 dopo aver trascorso gli ultimi anni della sua vita all’interno della casa di riposo.

Nello stesso anno della sua morte il vecchio museo degli artisti dell’immigrazione venne smantellato e molte opere restituite ai loro legittimi proprietari. Al suo posto venne collocata la scuola elementare Gigli. Ma quelle opere di Lorenzo Gigli acquistate per l’ingente somma di 750 milioni di vecchie lire che fine hanno fatto?

opinioni a confronto

7 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  24/04/2019 15:05  Anonimo191

    Anonimo 912 e il messaggio per la morte della signora Biagetti? Perché non si parla più delle sue donazioni al comune?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 1  22/04/2019 22:31  Anonimo912

    Trascrivo il messaggiio del Comune di Recanati per la morte di Adelaide:

    "L’Amministrazione Comunale esprime tutto il proprio cordoglio per la scomparsa di Adelaide Gigli, figlia del grande pittore italo-agentino Lorenzo Gigli. Ancora vivo nella memoria di tutti i recanatesi è il grande gesto di generosità con il quale Adelaide donò al Comune delle preziosissime opere realizzate dal padre che sono andate ad integrare ed arricchire la collezione civica già esistente."

    A fronte della donazione delle opere del padre Adelaide Gigli, già avanti negli anni e malandata in salute, ottenne l'uso gratuito di un piccolo appartamento sito nel Chiostro di Sant'Agostino ed un vitalizio.
    Se le opere donate sono state sopravvalutate, questo non ha inciso nella trattativa, perché si è trattato di una donazione e non di una vendita.
    Quando si scrive un articolo è necessario essere "c h i a r i" , altrimenti tutta l'informazione rischia di essere fraintesa e mal recepita.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  1   Rimuovi


  • 2  22/04/2019 19:12  Anonimo375 cittadino

    Ecco! in queste "vicende strane" le opposizioni devono controllare energicamente con caparbietà!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  2   Rimuovi


  • 3  21/04/2019 12:07  Anonimo575

    L’articolo non è chiaro. Prima si parla di donazione di 14 opere al Comune (delibera 30 settembre 1998), poi di acquisto “per l’ingente somma di 750 milioni di vecchie lire”. Allora, 'ste opere sono state donate o sono state comprate? Inoltre da chi sono state valutate? 750milioni diviso 14 è uguale a circa 53.571.000 lire pari a 27.667 euro. Senza nulla togliere a Gigli ma un valutazione del genere fatta nel ‘98 sembra alquanto gonfiata quando nel 2012 un suo quadro a olio Padre con figlio, cm 125x72 veniva valutato dai 5 ai 8.000 euro. Ha subito una grossa svalutazione oppure l’hanno sopravalutato prima?
    Speriamo che le persone di competenza, assessorato alla cultura e associazione spazio cultura (che ha organizzato la mostra nel 2001 nel complesso di Sant’Agostino) e Sistema Museo, l’attuale gestore del museo civico, diano una risposta.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  0   Rimuovi


  • 4  20/04/2019 11:19  E

    E quelle di Biagetti?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  0   Rimuovi


  • 5  20/04/2019 09:16  Anonim

    Mi pare giusto che chi di dovere risponda a questi interrogativi7358

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  0   Rimuovi


  • 6  20/04/2019 08:13  Anonimo821

    La questione va messa subito nelle mani dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale. Vedrete che qualcosa scoprono...

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  1   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
17
08
2019
Composti i gironi del calcio marchigiano, il Loreto nel girone B della Promozione assieme al Porto Recanati

Composti i gironi del calcio marchigiano, il Loreto nel girone B della Promozione assieme al Porto Recanati

Villa Musone con le anconetane della Prima categoria, Csi confermato nel girone E della Seconda Categoria

17
08
2019
Il Villa Musone si apre al calcio femminile

Il Villa Musone si apre al calcio femminile

L'invito della società giallo blu a bambine e ragazze

16
08
2019
Parla mister Giampaolo della Recanatese, domenica il test con la Fermana

Parla mister Giampaolo della Recanatese, domenica il test con la Fermana

Un girone F dove si gioca a calcio e dove si potranno vedere delle belle partite

Da pochi giorni sono stati diramati i gironi ed i calendari della Serie D, la Recanatese è inserita nel Girone F insieme alle altre marchigiane Jesina,
Matelica, Sangiustese, Montegiorgio, Tolentino e Porto Sant’Elpidio.

Il 25 agosto i leopardiani affronteranno il primo impegno ufficiale della stagione contro il Montegiorgio in Coppa Italia. Dopo un mese di lavoro ed i
primi test abbiamo intervistato mister Giampaolo.

Dopo quasi un mese di preparazione la situazione del gruppo è quella che si aspettava?

“Abbiamo iniziato questo ritiro con un’idea di gioco completamente nuova, c’è bisogno di tempo per assimilare quello che stiamo proponendo, le gambe ancora
non girano ma per il momento è giusto che sia così. Le priorità della preparazione erano quelle di non avere infortuni e di mettere benzina sulle gambe,
priorità che sono state rispettate. Ora bisogna cercare di mettere in campo quello abbiamo proposto durante queste prime settimane di allenamento”. 

Cosa ne pensa della composizione del girone F? 

“Sulla composizione del giorone F posso dire che è sicuramente un bel girone, dove si gioca a calcio e dove si potranno vedere delle belle partite. Il
fatto che non sia stato inserito il Foggia ha soddisfatto un po tutti”.

Quali sono, secondo lei, le squadre potenziali protagoniste?

“Le squadre che si sono rinforzare di più, che saranno protagoniste e lotteranno per vincere il campionato penso possano essere il Matelica, il Pineto,
il Cambobasso, la Vastese”.

La Recanatese potrà ambire alla lotta al vertice?

“La Recanatese è stata costruita per raggiungere i play-off. La stagione scorsa è stata molto postiva, cerchiamo di proseguire il percorso cercando di
alzare l’asticella, bisogna vedere tutto poi quando inizieranno le partite che contano”.

Ricordiamo l’appuntamento per domenica 18 agosto alle ore 18,00 per l’allenamento congiunto Recanatese-Fermana.

 

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür