Stampa questa pagina

Sabato, 04 Maggio 2019 21:39  Asterio Tubaldi  624 

INDIVIDUATI DALLA POLIZIA DI STATO GLI AUTORI DELLO SCIPPO DI UN ROLEX AVVENUTO IN PIENO CENTRO A CIVITANOVA MARCHE

INDIVIDUATI DALLA POLIZIA DI STATO GLI AUTORI DELLO SCIPPO DI UN ROLEX AVVENUTO IN PIENO CENTRO A CIVITANOVA MARCHE

Probabilmente la vittima era stata “puntata” dai malviventi che dopo aver notato il suo orologio l’avevano seguita aspettando il momento propizio per agire; ed infatti, appena ravvisate le condizioni migliori, uno degli autori, in particolare la donna, di nazionalità rumena, aveva avvicinato la vittima riuscendo a portare a termine l’azione criminosa.         

Due cittadini rumeni,  un uomo 25 enne ed una donna 29 enne,  il 21 marzo scorso distogliendo l’attenzione di un uomo anziano ed indifeso, in Piazza XX Settembre a Civitanova Marche, dopo essersi avvicinati ed aver manifestato atteggiamenti dolci ed affettuosi al fine di trarre in inganno la vittima, utilizzando la tecnica dell’avambraccio, con una mossa fulminea scippavano dal polso dell’uomo, un orologio marca Rolex che l’anziano indossava al polso per poi dileguarsi subito dopo su un auto condotta dal complice.

Nonostante l’intervento repentino di alcuni cittadini per bloccare l’autrice dello scippo, questa riusciva a svincolarsi grazie anche al suo complice che iniziava peraltro una colluttazione on dei cittadini che erano intervenuti a difesa della vittima, conquistando la fuga e quindi l’impunità.

L’orologio veniva recuperato e restituito al proprietario, mentre l’autovettura Ford Focus utilizzata dai due malviventi, veniva posta in sequestrato.

Iniziava immediatamente una serrata attività di indagine per individuare gli autori dello scippo da parte dei Poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Civitanova Marche e dopo pedinamenti, testimonianze e molteplici accertamenti posti in essere in tutta l’area di Civitanova Marche, i due venivano finalmente individuati e denunciati all’Autorità Giudiziaria quali responsabili del reato di cui all’art. 628 del Codice Penale.