Stampa questa pagina

Domenica, 19 Maggio 2019 21:45  Asterio Tubaldi  703 

I Commercianti: sì al programma di Simonacci, sì ad una Recanati viva sempre

I Commercianti: sì al programma di Simonacci, sì ad una Recanati viva sempre

Ascoltare tutti. Incontrare tutti. Confrontarsi.

È questo ciò che sta facendo il candidato Sindaco Simone Simonacci. Perché ben vengano le attività social, i video per raccontare il programma, gli appuntamenti condivisi su facebook, ma nulla può sostituire le strette di mano, gli scambi di opinione, la raccolta di idee da chi è protagonista di quel determinato settore.

Così dopo Coldiretti per il primario e il Centro Nazionale di Studi Leopardiani per la cultura, è stata la volta dei commercianti del centro storico e degli ambulanti che partecipano al consueto mercato del sabato.

Che Recanati abbia davvero bisogno di un rilancio i commercianti lo hanno sempre sostenuto e le modalità suggerite dal programma di Simonacci rispondono in pieno alle esigenze se non quando anticipano quelli che potevano essere dei desiderata.

Lo fa attraverso una viabilità rinnovata e che non penalizza nessun quartiere; attraverso una gestione diretta dei parcheggi auto e bus che portano in centro; a una regolarizzazione della ZTL; a una calendarizzazione di tutte quelle iniziative e quegli eventi che possono creare maggiore occasioni per dedicarsi allo shopping, vivere in toto il centro storico.

D’altro canto i commercianti hanno accolto con entusiasmo l’idea di poter fruire di corsi di formazione dedicati al loro settore dove imparare a gestire i social network per farsi trovare e raccontarsi, imparare a fare marketing, allestire vetrine accattivanti.

Con il referente per gli ambulanti si è parlato invece della necessità di razionalizzare la collocazione delle diverse attività in base al settore merceologico di riferimento in modo da creare una sorta di centro commerciale naturale dove ogni sabato si possono acquistare capi di abbigliamento, tipicità, frutta e verdura fresca, scarpe e così via.

Ancora una volta, ciò che emerge dagli incontri che via via tracciano il percorso che porterà alle elezioni del 26 maggio è che Recanati ha un bisogno forte e condiviso di risposte concrete, di un nuovo modo di gestire le priorità, di vivere la città. Che non è solo bella ma piena di risorse che vanno valorizzate e trasformate in benessere diffuso e collettivo.

 Recanati, lì 19 maggio 2019.

opinioni a confronto

14 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!