Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Lunedì, 08 Luglio 2019 08:34  Asterio Tubaldi  Stampa  342 

Al Mattei di Recanati SCORBOT III gioca a scacchi

Al Mattei di Recanati SCORBOT III gioca a scacchi

Era il 10 febbraio 1996 quando Deep Blue, il computer appositamente progettato dall’IBM, sfidò a Filadelfia l’allora campione del mondo di scacchi Garry Kasparov. Da allora la competizione tra intelligenza umana e quella artificiale è diventata sempre più agguerrita.

In poco più di venti anni i motori scacchistici, software informatici appositamente sviluppati per il “nobil gioco”, sono diventati imbattibili anche per i super-campioni di scacchi che viceversa se ne servono per i loro allenamenti.

Solo nel 2010 Konstantin Kosteniuk, padre della campionessa mondiale di scacchi Alexandra Kosteniuk, ha realizzato un braccio robotico in grado di spostare da sé i propri pezzi, fornendo ai computer quella "manualità" che ancora mancava loro.

Un desiderio molto antico, quello di giocare contro un automa, visto che già nel 1770 fu realizzato il primo e più celebre automa in grado di giocare a scacchi, denominato “il Turco”. Il nobile ungherese, Wolfgang von Kempelen, incaricato dall'Imperatrice Maria Teresa d'Austria, per allietare le noiose serata di corte, ha presentato un “manichino meccanico” vestito in abiti orientali e con un turbante in testa, seduto dietro una scrivania chiusa da tre sportelli e due cassetti in fondo". Ma tutto ciò si rivelò un’autentica truffa: dopo che, all’inizio di ogni partita l’inventore apriva gli sportelli ad uno ad uno, mostrando agli spettatori un complesso di ingranaggi, rotelle, fili di ogni genere, veramente impressionante, con abile mossa, un uomo di piccola statura si collocava al suo interno e veniva istruito per far muovere i pezzi.

Giorgio Zoppi da Castelfidardo, studente appena diplomato all’ITIS Mattei di Recanati, con il massimo del voti (100/100 e lode), ha presentato alla commissione non la truffa del Turco, bensì il robot Scorbot III in dotazione al laboratorio, programmato per giocare a scacchi.

Una scacchiera con piano in plexiglass trasparente dotata di 64 sensori di Hall per individuare le posizioni dei pezzi, una strip di led RGB ad indirizzamento singolo per segnalare visivamente le ultime mosse giocate e quelle possibili dei pezzi mossi, un PC con interfaccia utente per la proiezione della partita e una scheda Arduino Mega per la gestione degli input e output sono gli ingredienti di questo straordinario progetto.

Solo per dare un’idea del capolavoro portato a termine, elenchiamo le criticità affrontate e risolte da Giorgio: interfacciamento e comunicazione tra i sistemi a microprocessore, lettura dei movimenti effettuati dai pezzi, sistema di presa dei pezzi con altezze e forme differenti ma soprattutto, e questo è stupefacente, interpolazione dei movimenti degli assi del robot per evitare collisioni durante la collocazione e la rimozione dei pezzi.

Per risolvere quest’ultima problematica Giorgio ha dovuto calcolare complesse relazioni trigonometriche e programmarle nel proprio software. Da tener presente che i robot industriali posseggono nel firmware queste funzioni già implementate.

Tutto ciò ebbe inizio nel febbraio di questo anno quando, dopo aver stupito i ragazzi in visita a Scuola Aperta, facendo giocare Scorbot III a Tris, il suo insegnante gli lancia la sfida: “Ce la fai a farlo giocare a scacchi? Se ci riesci finiamo sui giornali!”.

Beh, Giorgio ha vinto la sfida.

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
rinnovar2-sponsor silver
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
07
11
2019
Medicina e nascita: le buone pratiche. Incontro a Recanati

Medicina e nascita: le buone pratiche. Incontro a Recanati

martedì 12/11/2019 alle ore 21.15 presso il Salone del Popolo in Corso Persiani

06
11
2019
LA STORIA DEL DESIGN IN EFFETTO LUCE – 100 ANNI DI BAUHAUS

LA STORIA DEL DESIGN IN EFFETTO LUCE – 100 ANNI DI BAUHAUS

L'evento è stato organizzato da ADI (Associazione design industriale) Marche Abruzzo Molise in collaborazione con Effetto Luce e iGuzzini, nel contesto di una serie di incontri tra le aziende del territorio e i protagonisti della cultura del progetto.

 

06
11
2019
I DIRITTI DI DOMANI

I DIRITTI DI DOMANI

L’evento si terrà nel pomeriggio di Giovedì alle ore 17:30 al Quarto di Circolo PD Ancona in Largo Massimo Troisi

11
11
2019
Grande successo per la scuola di Ving Tsun Kung Fu di Porto Recanati

Grande successo per la scuola di Ving Tsun Kung Fu di Porto Recanati

Philipp Bayer, ora leggenda vivente del Kung Fu, è stato accolto con grande consenso il 01-02-03 Novembre, per lo stage nella scuola di Porto Recanati.

11
11
2019
La Rinnova 2 Recanati ferma la corsa del Montemarciano

La Rinnova 2 Recanati ferma la corsa del Montemarciano

Il sodalizio di Stefano Ottaviani ha la meglio in casa su uno degli avversari più temuti del campionato

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür