Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Settembre 2019 »
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

ARCHIVIO NOTIZIE

Rubrica a cura di Gabriele Accattoli
RADIO STAFF PALINSESTO PUBBLICITA'

Mercoledì, 10 Luglio 2019  Asterio Tubaldi  Stampa  632 

RECANATI – SUBIACO IN BICICLETTA

RECANATI – SUBIACO IN BICICLETTA

Ancora una grande avventura, di sport, d’amicizia e di spiritualità. Di quelle che segnano la memoria per la vita. La bici davvero riesce a coniugare dimensioni tanto diverse. Da Recanati a Subiaco in un giorno, pedalando in ottima compagnia.

Ritrovo alle prime luci dell’alba: preghiera del ciclista e benedizione ai pellegrini. Poi la partenza. Si raggiunge Visso ancora nell’aria limpida del mattino e di lì la lunga cavalcata della Valnerina fino alla cascata delle Marmore. Si sale per entrare nella Valle Reatina, ricca di memorie francescane (come il Santuario di Greccio). Pranzo alle porte di Rieti, dopo 174 km. Quindi infiliamo la selvaggia Valle del Turano, passiamo il lago, attraversiamo la Tiburtina e risaliamo l’Aniene – ulteriori 80 km – fino al paese di Subiaco, ormai in vista del Monastero di S. Scolastica. Ma la nostra meta è ancora più in alto, al Sacro Speco, il suggestivo eremo abbarbicato alla rupe che racchiude come scrigno prezioso quella grotta dove tutto ha avuto inizio. Là San Benedetto visse la sua prima esperienza monastica, nascosto come seme nella terra, ma da quel seme scaturì poi tutto ciò che noi oggi chiamiamo civiltà. I suoi discepoli furono uomini che, pur cercando solo Dio fuggendo dal mondo, con la loro opera concreta resero il mondo più bello. Affrontate le rampe che ci conducono al Sacro Speco, non sappiamo se sia più la stanchezza o l’emozione d’assaporare almeno un frammento di quel silenzio, di quelle solitudini mistiche nella luce della sera.

Cena e pernotto alla Foresteria del Monastero. La mattina seguente un bel giro – immancabilmente in bici – tra i magnifici Monti Simbruini, per paesi ricchi di storia e arte, come Jenne, Trevi nel Lazio, Filettino, Arcinazzo. Intanto sopraggiungevano i familiari in pullman per visitare il Santuario. Pranzo insieme in Foresteria e S. Messa in Monastero, con saluto grato di don Frediano, già sacerdote della diocesi di Macerata e a Cristo Redentore di Recanati, ora monaco benedettino a Subiaco.

Come risuoneranno ancora dolci agli occhi e al cuore le immagini, le impressioni, i volti e le atmosfere vissute in questi due giorni! Un immenso grazie al meticoloso organizzatore Giuseppe Montenovo, all’Associazione Ciclistica Recanatese, a tutta l’assistenza tecnica (Bonifazi Gino, D’Amico Sergio, Eugeni Silvano, Palmieri Virna).

Antinori Lauro, Beccacece Nardino, Passarini Roberto, Formiconi Giordano, Francinella Gabriele, Manuale Maurizio, Montironi Mario, Ortenzi Nazzareno, Scoccia Ivano, Bartolini Luigi, Camilletti Tommaso, Brandoni Maurizio, De Carolis Luigi, Flamini Valter, Sopranzetti Luciano, Cittadini Carlo, Massaccesi Francesco, Chiusaroli Giordano, Bugiolacchi Gabriele, Mobili Giuseppe, Vecchi Samuele, Jachetta Renzo, Ortenzi Gabriele, Monti Renzo, Cingolani Mario, Coppari Fabio, Stacchiotti Mario, Frogioni Sergio, Carloni Giuseppe, Giusti Nicola, Marconi Alfredo, Prenna Massimiliano, Carpini Roberto, Maraviglia Alessandro, Vorbeni Mario (classe 1940), Bonvecchi Matteo.  

Matteo Bonvecchi

 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür