Stampa questa pagina

Domenica, 08 Settembre 2019 12:44  Asterio Tubaldi  2786 

Vi sembra chiaro questo cartello stradale?

Vi sembra chiaro questo cartello stradale?

Questo è il cartello, posto su più punti del centro storico e non solo, con il quale si faceva divieto alle auto, pena rimozione forzata, di posteggiare la sera di venerdì scorso dove era in programma la gara di mountain bike. Questo cartello ha fatto piangere molti automobilisti perché sono state molte, infatti, le auto che il carro attrezzi ha rimosso dall’aree di sosta non consentite per la concomitanza dell’evento sportivo. La rabbia dei malcapitati automobilisti non sta tutta nelle 146 euro che hanno dovuto sborsare per ritirare la propria autovettura, ma perché si sono sentiti in qualche modo vittime di una cartellonistica stradale ingannevole o, comunque, poco chiara. Sul cartello c’è scritto sotto il simbolo del divieto di sosta: “ore 19-fine evento”. Molti hanno interpretato che le ore 19 era l’orario previsto per la fine dell’evento. Invece, il significato era del tutto opposto: il divieto partiva alle 19 e finiva al termine della manifestazione in un orario, quindi, del tutto labile e non definito. Ma come fa un cittadino, magari non recanatese, a sapere quando l’evento è finito e potrà di nuovo tranquillamente sostare? Forse se la dizione del cartello fosse stata “divieto di sosta dalle ore 19 sino a fine evento” l’informazione sarebbe stata certamente meno sibillina, anche se rimane la domanda lecita: ma quando l’evento potrà dirsi terminato? D’altra parte bisognerebbe anche che ci si abituasse a collocare i cartelli, pur provvisori, in maniera regolare cioè ad un’altezza dal suolo che sia visibile all’automobilista invece che a 30 cm facilmente oscurabili da auto in sosta o da pedoni.

opinioni a confronto

24 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!