Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Sabato, 19 Ottobre 2019 22:04  Asterio Tubaldi  Stampa  1133 

NO ALLE LUMINARIE FAVOLOSE

NO ALLE LUMINARIE FAVOLOSE

nota di Enrico Fabraccio

Dopo 5 anni dal suo primo montaggio, nel natale 2019 torneranno nel corso persiani le famose luminarie "favolose" che rappresentano il testo della poesia de "l'infinito", 

Al di là che con il Natale e le sue iniziative, non ha nulla a che fare, è la sua realizzazione pacchiana che mi preoccupa. Il colore ghiaccio e le lettere in grassetto che le rendono  anonime non hanno nessuna relazione con la vera poesia. La novità e il voler bene a Recanati ha oscurato un po' nel tempo la verità della poca eleganza di queste luminarie in tanti animi di cittadini recanatesi, ma oggi un'amministrazione che si sta rendendo famosa per l'unica frase "non ci sono i soldi!" per nulla e che taglia fondi alle cooperative del verde, abbandonando i parchi e tagliando lo stipendio alle persone in difficoltà, spendere 30.000 euro per certe iniziative non mi sembra tanto onorevole. Mi auguro che altri politici recanatesi possano dire la verità ed esporsi per evitare di accomunare la tradizione recanatese alle tradizioni popolari dell'entroterra di un sud italia lontano che con la città della poesia non c'entra davvero nulla. 

 

ENRICO FABRACCIO - LISTA #RECANATINELMONDO 

 

opinioni a confronto

18 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  21/10/2019 21:59  Anonimo910

    COME MAI RADIOERRE NON DA LA NOTIZIA DELL'INTERVENTO DI FIORDOMO ALLA LEOPOLDA?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  3   Rimuovi


  • 1  21/10/2019 20:05  Anonimo939

    Qualcuno che dice che il Babbo natale di spiritualità non ha nulla, dovrebbe studiare e documentarsi di più sulla storia di Babbo natale, da chi fu inventato in origine:

    https://www.focus.it/cultura/storia/come-nata-la-leggenda-di-babbo-natale

    Fa parte a tutti gli effetti della fede cristiana, non è una divinità celtica come questo qualcuno vorrebbe far credere.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  2   Rimuovi


  • 2  21/10/2019 17:32  Anonimo941

    Si parla della poca eleganza di versi poetici e li si vorrebbe sostituire con babbi natale(che di spiritualità non hanno nulla) e palle colorate per "distinguersi". Definire Leopardi una persecuzione paranoica per Recanati è sputare nel piatto in cui si mangia da sempre dato che i turisti a Recanati ci vengono perchè collegano la città al poeta altrimenti saremmo nell'anonimato totale, quello sì deprimente! Ingrati!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  1   Rimuovi


  • 3  21/10/2019 16:56  Anonimo282

    Il 25 dicembre non è una festa religiosa, o almeno non solo. Per i pagani era la festa del sol invictus, ricordiamo "sole che sorgi libero e giocondo, sul colle nostro i tuoi cavalli doma, tu non vedrai nessuna cosa al mondo maggior di Roma". Studiamo gente, studiamo e non solo i pur bellissimi versi di Leopardi......

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  4   Rimuovi


  • 4  21/10/2019 12:42  Eta Beta

    COMPLIMENTI AI NOSTRI AMMINISTRATORI! LUMINARIE A COSTO ZERO NEL RIPETTO DI TUTTE LE RELIGIONI.
    Sono tantissimi gli amministratori pubblici in Italia che dicono di essere senza soldi. La lagna è sempre la stessa, non ci sono mai soldi, soprattutto per fare le cose più utili e assennate. Poi come per magia, come per incanto ecco apparire delle spese inconcepibili, inqualificabili, incredibili. Le liste degli sprechi delle amministrazioni pubbliche sono infinite, quindi niente di nuovo sotto il sole ma ogni volta ci si chiede come si possa giustificare tali comportamenti.

    Il Natale è poi l’apoteosi dello spreco da ogni punto di vista, tanto che, qualora fosse festeggiato senza spesa alcuna, ci farebbe risparmiare una quantità enorme di denaro sia dal punto di vista pubblico che privato. Prendiamo come esempio le luminarie di Natale, dove ogni comune spende cifre pazzesche che possono arrivare a oltre centomila euro per Comuni di medie dimensioni. Ogni anno le luminarie sono più complesse e ci sono addirittura Comuni che fanno a gara fra di loro per chi ha le luminarie più spettacolari.

    Non oso immaginare quanto costino per le metropoli. Poi ci sono le città che fanno pure intervenire dei professionisti del settore e allora non sono più luminarie normali ma “luci d’artista”, con ulteriore esborso di soldi.

    Quindi nell’ordine abbiamo: le spese per pagare le luminarie, il personale che le installa e le smonta e l’energia elettrica per alimentarle, con tanto di conseguente inquinamento dovuto alla produzione dell’elettricità. Ci sarebbe poi l’inquinamento luminoso di cui purtroppo non interessa granché a nessuno.

    Ma non basta, per essere un Comune che si rispetti, bisogna avere anche un (più o meno) gigantesco albero di Natale nella piazza o nelle piazze principali, addobbato e illuminato come alla festa del santo patrono, con ovviamente ulteriore spreco energetico e monetario. E per favore non si dica che si utilizzano luci a led che consumano poco, perché anche il poco moltiplicato per tanto, è troppo.

    Tutto questo in periodo di crisi, con i cambiamenti climatici che imperversano e con gli italiani che “fanno fatica ad arrivare alla fine del mese”. Se ci fossero italiani alla disperazione, vedendo che il Comune, invece di spendere assennatamente i soldi, li butta nelle luminarie di Natale, protesterebbero sonoramente. Invece nulla, niente, lo spreco unisce tutti insieme appassionatamente, ricchi e presunti poveri.

    Ci si chiede: ma prima dell’avvento delle luminarie, il Natale non si festeggiava? Ed è poi per caso prescritto dal medico che per festeggiare qualcosa bisogna per forza spendere soldi? A quanto pare sì, perché la modernità è sempre più sinonimo di assurdità.

    Non sarebbe possibile invece investire quei soldi diversamente? Per esempio facendo della seria formazione per cittadini, studenti, tecnici e dipendenti comunali sul risparmio energetico? Così a Natale si festeggerebbe un altrettanto bel risparmio di soldi per il Comune, che potrebbe finalmente dimostrare ai cittadini che amministrare virtuosamente e a favore della collettività è possibile. Ma sono pensieri da sogno; quale amministratore rischierebbe l’elezione per non aver festeggiato il Natale nella maniera solita, cioè sprecando?

    Eppure come sarebbe bello trovare modi diversi e originali di festeggiare senza sprecare. Basterebbe ritornare alla saggezza popolare dove con poco ma con molta inventiva, fantasia, capacità e vera tradizione si festeggiava allegramente senza dover spendere fiumi di soldi o illuminando a giorno le strade cittadine. Ma allora eravamo arretrati, oggi siamo modernissimi e quindi ci possiamo permettere ogni spreco fino all’ultimo watt, dopo di ché, si salvi chi può.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  3   Rimuovi


  • 5  21/10/2019 12:31  Anonimo958

    Uh!Goffredo,tu sì che te ne intendi! Sai la sicumèra è sempre un pò ridicola

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  0   Rimuovi


  • 6  21/10/2019 10:24  Bellorofonte

    @Ano...236, hai ragione e scrivi: "Non ci risulta che tu abbia fatto studi di design.architettura o altro. Sei solo un comune cittadino , non hai voce in capitolo. Infatti il Favoloso che per 10 anni ha guidato Recanati veniva da: "cronista di partite di calcio di squadre locali", vedi Montelupone, Montecosaro, Recanatese, ecc. ecc. ecc. Un solo neurone non può dialogare con nessun'altro, che peccato. Anche tu sei un comune cittadino, allora che parli a fare? Quali competenze hai? Boh!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  6   Rimuovi


  • 7  21/10/2019 09:42  Anna Maria Dalla Casapiccola

    Molti a Recanati criticano le luminarie leopardiane! Io preferirei stelline o semplicemente fili luminosi a pioggia,allegri, banali, ma di buon gusto.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  3   Rimuovi


  • 8  20/10/2019 22:37  Anonimo veneziano

    Le luminarie natalizie sono una tradizione laica, messa in atto da tutti i Paesi della Terra, che non hanno niente a che fare con il significato della ricorrenza religiosa.
    Vogliono esprimere gioia e allegria e ognuno le interpreta secondo le proprie credenze e la propria sensibilità.
    Le luminarie con i versi dell'Infinito sono diventate "favolose" solo dopo il favoloso film su Giacomo Leopardi.
    Prima di allora nessuno si era mai accorto di quanto emozionanti fossero quei versi né aveva pensato di usarli in quel modo osceno che, considerata la loro colorazione, comunica solo una sensazione di immensa tristezza.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  3   Rimuovi


  • 9  20/10/2019 21:43  Anonimo833

    Piuttosto che mettere quelle tristi luminarie controverse della discordia, senza colori senza giochi di luci, che niente hanno a che fare con il Natale, ma con Leopardi il nobile conte depresso del 700, che a Recanati sta diventando una vera e propria persecuzione paranoica per gli abitanti, data questa situazione creata e voluta da amministratori locali, si farebbe meglio a non mettere per niente nessuna luminaria, ci si fa più bella figura.
    Visto e considerato che da qualche commento di compagno proletario s'impone di rispettare le usanze delle altre religioni, dato lo stato laico, infatti se compagni proletari sono atei cosa festeggiano a fare il Natale loro?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  6   Rimuovi


  • 10  20/10/2019 18:07  Digalloppo

    A me che del Natale non frega nulla, piacciono tantissimo.Ricorda che siamo in uno stato laico, purtroppo infettato dalle religioni. Quelle luminarie sono per tutti, le stelle comete per i creduloni.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  18   Rimuovi


  • 11  20/10/2019 17:05  Anonimo222

    Purtroppo Enrico spara sempre numeri a casaccio.
    Nella conferenza stampa l'Assessore Soccio ha detto che le luminarie sull'infinito sono finanziate con i fondi della Regione per il Bicentenario, quindi il Comune non spende 30.000 euro bensì zero.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  9   Rimuovi


  • 12  20/10/2019 12:16  Anonimo236

    E chi saresti tu per dire no a quelle bellissime luminarie? Non ci risulta che tu abbia fatto studi di design.architettura o altro. Sei solo un comune cittadino , non hai voce in capitolo. Pensa piuttosto a candidarti ......fra 10 anni.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  12   Rimuovi


  • 13  20/10/2019 08:42  Goffredo Natalucci

    Il "signore" è allergico al sud Italia, nonostante un cognome che invece riporta proprio al sud Italia. Testimone di un provincialismo duro da sconfiggere, capace di boicottare qualsiasi iniziativa e lasciando di fatto immobile ogni realtà. Essere "città della poesia" significa avere apertura e sensibilità tali da riuscire ad abbandonare vecchie abitudini e cancellare polverosi pregiudizi. Una scelta di cultura, estranea alla politichetta da mercato del sabato.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    5  11   Rimuovi


  • 14  20/10/2019 06:43  Anonimo321

    Adesso fa pure il critico letterario e artistico!
    È proprio un ragazzo dalle mille risorse sto Fabbraccio!
    Quando era in consiglio comunale non si è mai preocupato delle luminarie di piazza!
    Cambia hobby Enrico!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  9   Rimuovi


  • 15  20/10/2019 02:18  Anonimo598

    Aggiungiamo che il solito "non ci sono soldi" lo hanno detto anche per negare il denato per consolidare il Castello di Montefiore, spesa prevista centomila euro, cioè tre anni di luminarie inutili.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    8  3   Rimuovi


  • 16  20/10/2019 00:03  Anonimo514

    Ma chi sei? A che titolo parli? Chi rappresenti?
    I cittadini ti hanno sonoramente bocciato!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  10   Rimuovi


  • 17  19/10/2019 23:23  Anonimo964

    Il ruggito dello scoiattolo praticamente aria fritta!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  8   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
07
12
2019
A Montecassiano, “Aspettando il Natale si accende la piazza”

A Montecassiano, “Aspettando il Natale si accende la piazza”

Domani appuntamenti per grandi e bambini. Alle 10.30 l’arrivo di Babbo Natale, nel pomeriggio l’accensione delle luminarie

 

09
12
2019
RECANATI-JESI, GRANDE PROVA DI VOLONTA’ DEI LEOPARDIANI

RECANATI-JESI, GRANDE PROVA DI VOLONTA’ DEI LEOPARDIANI

Cuccoli si infortuna, Armento, Raponi, Ottaviani e Larizza trainano la rimonta

08
12
2019
Poker di Pera e la Recanatese ritrova la vittoria, 4 a 3 al Porto Sant'Elpidio

Poker di Pera e la Recanatese ritrova la vittoria, 4 a 3 al Porto Sant'Elpidio

Dopo quattro turni i giallo rossi ritrovano i tre punti, gara pirotecnica al Tubaldi

07
12
2019
Recanatese, il punto a metà stagione del settore giovanile

Recanatese, il punto a metà stagione del settore giovanile

Intervista al responsabile Thomas Zani

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür