Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Novembre 2019 »
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

ARCHIVIO NOTIZIE

Venerdì, 08 Novembre 2019 20:57  Asterio Tubaldi  Stampa  661 

il male peggiore possibile

il male peggiore possibile

nota del Questore Antonio Piegnataro di Macerata

Il mio plauso innanzi tutto al Sindaco Ciarrapica che è il primo in Italia a revocare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività relativa a 2 esercizi commerciali di Cannabis Light.

Oggi, ancora una volta, la nostra azione operativa grazie ad un’Amministrazione Comunale che si identifica e si riconosce nella Polizia di Stato e nella magistratura, tenta di tutelare la vita delle giovani generazioni sollecitando una reazione per evitare che la vita dei nostri ragazzi venga avvelenata e distrutta dalle sostanze stupefacenti.

Il mio pensiero va alle famiglie che per il pudore, “che chiuse nelle loro quattro mura domestiche, soffrono vedendo i propri figli votati all’autodistruzione a causa della tossicodipendenza.

Occorre che la società civile reagisca per sconfiggere il male del secolo ormai sfociato in ogni paese come emergenza Nazionale. 

Pertanto vorrei ricordare le parole del Capo della Polizia il Male Peggiore Possibile che attanaglia la nostra società moderna è l’indifferenza delle comunità, che è la negazione dello spirito umano, è il “girarsi dall’altra parte, e il non fare le scelte di campo che siamo chiamati a fare, dove stare con chi stare”.

In quel momento, in quella scelta di “indifferenza”, in quel voltarsi dall’altra parte, una parte di noi muore e muore anche tutta la società.

Da sottolineare che Paesi nei quali è stato liberalizzato l’uso delle droghe leggere, oggi denunciano “una Emergenza Nazionale” per la crescita esponenziale del numero di persone che fanno uso di droghe, in particolare eroina, cocaina, che hanno prodotto una gioventù malata, intossicata dall’uso smisurato e fuori controllo di ogni sostanza stupefacente.

Siamo in un paese dove i giudici come GRATTERI, FALCONE, BORSELLINO ed il Capo della Polizia, insigni studiosi, tutte le università mondiali dicono non esistono droghe leggere la cannabis fa male e produce danni severi e irreversibili al cervello specie se consumata in età adolescenziale

Premesso che la libertà di espressione è un principio che nessuno può limitare o ostacolare, mi chiedo con quale esperienza professionale o personale possano alcune figure pubbliche ed insigni opinionisti esprimersi in maniera così decisa riguardo alla liberalizzazione delle droghe erroneamente definite leggere?

Io inviterei tutte queste persone, che prima di esprimere opinioni e giudizi basati su convinzioni puramente personali, senza supporto scientifico, e di esperienze professionali maturate sul campo da ciascun magistrato o poliziotto, sarebbe meglio per loro avvicinarsi e ascoltare le tribolazioni dei ragazzi delle comunità terapeutiche, conoscere i loro percorsi nel dolore, vivere i drammi delle famiglie che vedono i figli percorrere strade che conducono inesorabilmente all’auto distruzione.

Invito loro a parlare con le famiglie che hanno all’interno della propria casa un figlio che fa uso di droghe leggere.

Invito queste persone a parlare con i primari dei reparti di pediatria di tutti gli ospedali italiani.

Invito tutte queste persone a recarsi a San Patrignano presso le comunità Incontro o qualsiasi altra comunità per parlare con i ragazzi, ascoltando come sono arrivati all’uso della cocaina e dell’eroina: il novantotto per cento tramite la cannabis.

Tutte queste persone dovrebbero informarsi seriamente sul tema e se lo facessero, pochi rimarrebbero dalla parte di chi è propenso alla legalizzazione dell’uso della cannabis.

Vorrei ricordare le parole di Papa Francesco: “la droga non si vince con la droga, la droga è un male e con il male non ci possono essere cedimenti o compromessi”.

La legalizzazione delle cosiddette droghe leggere non hanno prodotto gli effetti che si erano prefissati.

Un’attenzione particolare rivolgo ai mezzi di comunicazione che a volte diffondono delle notizie in modo tale da dare la convinzione ai giovani che la cosiddetta “canna” sia una sostanza inoffensiva.

Noi, come Polizia di Stato e come tutte le altre forze di Polizia, saremo sempre gli “angeli” dei ragazzi al fine di tutelare la loro vita e la loro salute e saremo sempre vicini alle famiglie per evitare che cadano nel tunnel della disperazione e della tribolazione con i figli che finiscono nel baratro dell’auto distruzione.

In tale contesto vorrei inviare un messaggio a chi, negli ultimi giorni, si è espresso sulla stampa ed in alcune trasmissioni televisive a favore della liberalizzazione della cannabis. Chiedo a loro su quali basi fondano le proprie affermazioni contrariamente a quello che hanno detto il FALCONE, BORSELLINO, Nicola GRATTERI, Papa Francesco, Papa Wojtila, le più prestigiose università del mondo, illustri scienziati e studiosi, i ragazzi di San Patrignano e di tutte le altre comunità dove dicono che oltre il novanta per cento di quelli che sono diventati tossicodipendenti hanno iniziato con la marjuana.

Mi chiedo:

Questi famosi opinionisti.

Sono magistrati? Sono magistrati che conoscono come Nicola GRATTERI e Giovanni GIORGIO le dinamiche del problema droga!

Sono poliziotti? Che conoscono sul campo il problema droga?

Non sono mai, come i poliziotti

  • scesi nell’arena;
  • non hanno mai respirato la polvere dell’arena;
  • non hanno mai odorato il sangue di tanti ragazzi morti per la tossicodipendenza

Quindi invito questi opinionisti e personaggi che prima di continuare ad esprimere opinioni o giudizi, basati su convinzioni puramente personali, dovrebbero avvicinarsi ed ascoltare le tribolazioni dei ragazzi delle comunità terapeutiche, conoscere i loro percorsi sul dolore, vivere i drammi delle loro famiglie che vedono i propri figli percorrere strade che conducono inesorabilmente all’autodistruzione.

Invito tutte queste persone che vogliono la liberalizzazione a recarsi, proprio a San Patrignano o alla comunità Incontro per capire le sofferenze di questi ragazzi. Se lo facessero credo che davvero cambierebbero la loro opinione ed il loro giudizio sulla liberalizzazione della cannabis.

opinioni a confronto

6 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  10/11/2019 04:10  Anonimo540

    Per rispetto della lingua italiana invito la Questura a far riguardare le note che manda alla stampa da qualcuno che conosca un poco la grammatica e la sintassi.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  5   Rimuovi


  • 1  10/11/2019 03:32  Anonimo634

    per anonimo 977. La generazione deprimente cara signora sarà la sua se proprio vogliamo andare a fondo. Sarà quella che lascia a questi ragazzi un debito pubblico degno del quarto mondo, che li costringe a emigrare per trovare un lavoro minimamente dignitoso dopo aver studiato seriamente e tra mille sacrifici, che non permette loro di avere un minimo di sicurezza economica e di creare legami stabili, che non supporta minimamente la procreazione e la vita che nasce ma paga pensioni principesche anche in assenza di contribuzioni adeguate, mentre altri che hanno lavorato una vita sono alla fame. Se lei è una madre.....

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  4   Rimuovi


  • 2  09/11/2019 17:35  Anonimo814

    Non si tratta di stabilire se la droga sia un bene o un male, su questo tutti concordiamo che vada combattuta. La strategia della repressione poliziesca mi sembra la peggiore possibile.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  3   Rimuovi


  • 3  09/11/2019 10:46  Anonimo554

    Bravo Sig. Questore sono pienamente d'accordo con lei. Finalmente qualcuno delle Istituzioni che parla chiaro senza tanti giri di parole.
    Spero vivamente che, non solo le istituzioni preposte, ma anche la società civile, assuma un atteggiamento più responsabile e deciso nei confronti del problema.
    Lo dico da genitore FORTUNATO che non ha avuto problemi con i suoi due figli.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  2   Rimuovi


  • 4  09/11/2019 00:49  Anonimo248

    BRAVISSIMO QUESTORE!!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  2   Rimuovi


  • 5  08/11/2019 22:55  Anonimo977

    Una volta il male del secolo era il cancro....ora anche la droga e...uccide ancora di piu' e con una differenza peggiore. Il male del cancro non puoi combatterlo e non dipende da te ma la droga uccide i giovani d'oggi che la conoscono , la usano e sanno quello che fanno!!!!! TUTTI LORO sanno quello che fanno sia MiNORENNI che MAGGIORENNI. Ma fanno parte di una generazione deprimente, piena di bulli e delinquenti. Non rispettano loro stessi, gli altri e il dono della vita che hanno ricevuto. Non hanno piu' fede, non hanno valori, non hanno ragione per vivere perche' non sanno vivere....hanno tutto, sono viziati e non conoscono i sacrifici della vita!!!.I genitori di oggi poi non esistono....

    Chi parla e' una MADRE

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  2   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
12
11
2019
Recanati: a lezione di Costituzione

Recanati: a lezione di Costituzione

Nota dell'Amministrazione Comunale di Recanati

07
11
2019
Medicina e nascita: le buone pratiche. Incontro a Recanati

Medicina e nascita: le buone pratiche. Incontro a Recanati

martedì 12/11/2019 alle ore 21.15 presso il Salone del Popolo in Corso Persiani

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür