Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Ottobre 2020 »
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

ARCHIVIO NOTIZIE

Lunedì, 09 Dicembre 2019 18:35  Asterio Tubaldi  Stampa  465 

FORTE CALO DELLA NATALITA’ NELLE MARCHE

FORTE CALO DELLA NATALITA’ NELLE MARCHE

Decremento delle nascite a partire dalla crisi economica del 2008.

Regione con un tasso di fecondità particolarmente basso, dove le famiglie allontanano sempre più l’esperienza riproduttiva e che deve cominciare a fare i conti con un problema di ricambio generazionale. Sono questi i risultati salienti della ricerca, nata da un progetto del Forum delle associazioni familiari delle Marche, finanziato dal Consiglio regionale, e condotta dal Centro interdisciplinare di ricerche e studi su famiglie, infanzia e adolescenza (CIRSFIA) e dal Dipartimento di Economia, Società, Politica (DESP) dell’Università di Urbino. L’indagine, che poggia su analisi di dati statistici, interviste con i referenti di Ambito sociale e genitori, oltre che su focus group, è stata presentata a Palazzo delle Marche, nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del Presidente del Consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo, dal Presidente del Forum delle Associazioni Familiari Marche, Paolo Perticaroli, e dal Presidente del Forum per la provincia di Pesaro e Urbino, Gianluigi Storti. E’ toccato a due rappresentanti dell’Università di Urbino, il professor Guido Maggioni, responsabile del coordinamento scientifico del progetto, e la dottoressa Isabella Quadrelli che ha condotto il lavoro di ricerca, le cui rilevazioni sono tuttora in corso, esporre il quadro della situazione. “Il Consiglio regionale è da sempre in prima linea per sostenenere le politiche a favore della famiglia, in particolare i servizi per la prima infanzia che, nelle Marche, sono di ottimo livello – ha affermato il Presidente Mastrovincenzo – occorre agevolare sempre più l’accesso a questi servizi e, nel contempo, serve agire nei confronti del settore privato per migliorare le politiche di conciliazione dei tempi vita-lavoro”.

“Da questa ricerca – ha affermato Paolo Perticaroli, ricordando la conferenza regionale sulla famiglia in programma a inizio 2020 a Senigallia - ci auguriamo di ottenere una buona base di partenza per poter formulare valide proposte che siano da stimolo alle politiche per la famiglia”.

Il professor Maggioni, entrando nel cuore della ricerca, ha imputato il crollo delle nascite, special modo nelle Marche, ad una situazione di disagio e incertezza. “La cesura tra trend positivo e negativo – ha affermato - è rappresentata dalla crisi del 2008, con un 30% in meno di figli nati tra il 2012 e il 2018”.

opinioni a confronto

4 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  11/12/2019 13:24  Anonimo362

    Potevo dare la stessa risposta senza scomodare università e professori vari....
    Oggi in famiglia è obbligatorio lavorare in due. Per fare un secondo figlio dovrei avere una persona a disposizione che lo vada a prendere all'asilo e che lo tenga fino all'arrivo dei genitori dal lavoro, poi quando inizierà la scuola ci saranno da fare i compiti....per non parlare delle attività extrascolastiche.
    Una famiglia come la mia, moglie marito e figlia è costretta a fermarsi a 1 per ovvi motivi.
    Vorrei chiedere all'università e a tutte le varie mastranze elencate nell'articolo se hanno una risposta

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  0   Rimuovi


  • 1  10/12/2019 13:51  Anonimo240

    Occorre lavoro per tutti.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    3  1   Rimuovi


  • 2  10/12/2019 03:48  Anonimo815

    ben vengano studi seri sui fenomeni che interessano questa società. Ma io non sento parlare abbastanza di un fatto che mi sembra palese e di importanza fondamentale. I figli li fanno le donne e sono l'atto più autolesionistico che possano compiere. Si precludono ogni libertà personale, ogni possibilità di carriera, addirittura la possibilità di continuare a lavorare se già hanno un lavoro o di trovarlo se ancora non lo hanno. E poi i figli portano anche per legge il cognome del padre, roba da matti.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  3   Rimuovi


  • 3  09/12/2019 20:38  Anonimo805

    Occorre una seria politica di sostegno economico per chi fa i figli. In sostanza scuola materna GRATIS per tutti.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    4  1   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
24
02
2020
Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Nutrita partecipazione per il secondo appuntamento della rassegna

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür