Stampa questa pagina

Venerdì, 13 Dicembre 2019 22:12  Asterio Tubaldi  424 

SEQUESTRATI, PRESSO UN ESERCIZIO COMMERCIALE DELLA PROVINCIA, OLTRE 35.000 ARTICOLI NON CONFORMI ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA PRODOTTI.

SEQUESTRATI, PRESSO UN ESERCIZIO COMMERCIALE DELLA PROVINCIA, OLTRE 35.000 ARTICOLI NON CONFORMI ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA PRODOTTI.

 

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Macerata, hanno eseguito un controllo presso un esercizio commerciale della provincia, per condurre accertamenti a tutela della normativa sulla sicurezza prodotti, attività, questa, volta alla tutela della salute dei consumatori e degli operatori economici che operano nel rispetto delle regole.

Attraverso il costante controllo economico del territorio, le fiamme gialle hanno appurato che presso l’esercizio commerciale venivano detenuti prodotti, destinati alla vendita, privi delle indicazioni minimali da riportare in etichetta imposte dalla normativa in materia di sicurezza dei prodotti.

All’atto dell’accesso, sono stati infatti rinvenute diverse migliaia di giocattoli e accessori da cucina, per un totale complessivo di oltre 35.000 articoli, non conformi all’attuale normativa e, pertanto, potenzialmente pericolosi e dannosi per la salute umana.

Conseguentemente si è proceduto al sequestro amministrativo degli articoli irregolari. Il responsabile dell’azienda, cui sono state comminate sanzioni amministrative da un minimo di euro 2.016 ad un massimo di euro 35.823, è stato segnalato alla locale Camera di Commercio per l’adozione dei provvedimenti di competenza.

Un giocattolo non conforme alla marcatura CE, ovvero al possesso dei requisiti essenziali che devono essere rispettati dai produttori, espone il bambino ad una serie di rischi, anche gravi, come ad esempio: rischio chimico, legato alla possibile presenza di sostanze nocive che possono essere assorbite per contatto, ingestione o inalazione; rischio di soffocamento, per la presenza di piccole parti che possono staccarsi; rischio di strangolamento, per la presenza di lacci e stringhe; rischio di ustione o scossa elettrica per i giocattoli che usano batterie o materiali infiammabili; ecc.

In tal senso, verranno svolti ulteriori accertamenti sia per scongiurare la presenza di sostanze nocive per la salute sia per eventuali profili di irregolarità da un punto di vista fiscale.

Il ruolo della Guardia di Finanza in questo delicato settore è, quindi, quello di tutelare sia la salute dei consumatori che il corretto funzionamento dei mercati, con strategie che puntano sempre più al rafforzamento dell’azione di contrasto al commercio illegale e/o irregolare.