Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it
« Ottobre 2020 »
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

ARCHIVIO NOTIZIE

Mercoledì, 18 Dicembre 2019  Asterio Tubaldi  Stampa  1376 

vivere senza auto è possibile?

vivere senza auto è possibile?

Sabato 21 dicembre all’Auditorium del Campus L'Infinito di Recanati

Un tema molto dibattuto e difficile da “governare” non solo per i cambiamenti di più paradigmi, sia culturali sia economici, che hanno dominato la scena negli ultimi decenni della storia italiana, ma anche per il ripensamento a cui obbligano in termini di organizzazione delle città e delle infrastrutture, fino a investire la vita di ogni singola persona: vivere senza auto è possibile?

Ce lo domandiamo e cerchiamo qualche spunto di riflessione insieme a Linda Maggiori, nostra concittadina, blogger e ambientalista convinta, e Marco Scarponi, anch’egli nostro conterraneo, promotore della Fondazione “Michele Scarponi”, nata al fine di promuovere la sicurezza stradale e la tutela degli utenti più deboli della strada.

Linda Maggiori porterà la sua testimonianza di famiglia con tre bimbi piccoli, che vive senza auto e a rifiuti quasi azzerati: citando Nanni Salio, del centro Studi Sereno Regis, dice: ‘Troppe automobili, troppo cemento, troppe case, troppi rifiuti, troppo cibo, troppi prodotti usa e getta non creano un mondo migliore, ma ci impediscono di avere relazioni più armoniose e distese tra noi e con gli altri esseri viventi’. Alla fine, dunque, invece di arricchirci ci impoveriscono. “Ecco allora la scelta della semplicità volontaria”, continua. “E anche se, come tutte le famiglie abbiamo i nostri momenti di stanchezza, conflitto e crisi, di base abbiamo quella consapevolezza dell'immenso miracolo che ci è capitato e che ci circonda, che dobbiamo tutelare”.

In piena consonanza, aprendo la pagina web della Fondazione Michele Scarponi, si legge:

Michele è con noi ogni volta che...

  • mettiamo il piede a terra per aspettare chi non ce la fa
  • salviamo una piazza dalle automobili
  • rispettiamo i limiti di velocità
  • accompagniamo i nostri figli a scuola a piedi
  • saliamo in bicicletta e rincorriamo la nostra libertà
  • rispettiamo i ciclisti
  • lasciamo liberi i posti riservati ai disabili
  • realizziamo delle aree ciclabili
  • rallentiamo per strada ringraziando i pedoni che attraversano

 

Sono provocazioni che incoraggiano comportamenti improntati all’attenzione verso i più piccoli e i più deboli, alla consapevolezza del valore della vita e della salute, all’invito a rispettare spazi e velocità diverse, alla collaborazione e alla solidarietà tra tutti i diversi appartenenti alle comunità.

Linda Maggiori è autrice di vari libri: Anita e Nico di Tempo dal Delta del Po alle Foreste Casentinesi  e Anita e Nico dalle Foreste Casentinesi alla Vena del Gesso, di Tempo al Libro Editore, Salviamo il Mare di Giaconi Editore, Impatto Zero, Vademecum per famiglie a rifiuti zero di Dissensi edizioni e Occidoria e i Territori Ribelli. Storia Fantasy sulle ingiustizie Nord Sud del mondo di Dissensi edizioni.  È inoltre blogger di famiglie-rifiutizero e di famigliesenzauto.  Collabora come giornalista con AAMTerranuova e con il  mensile Fiab BC.

Marco Scarponi, fratello di Michele, noto e amato ciclista di Filottrano che ha perso la vita in un tragico incidente su strada durante un allenamento, ha dato vita alla Fondazione e si spende sui temi della sicurezza stradale. Il docufilm “Gambe” tratta il tema della violenza stradale e quindi della sicurezza stradale, mettendo al centro la persona, soprattutto l’utente fragile, come la persona con disabilità, i bambini e le bambine, i pedoni e i ciclisti. Parla dei “ciclismi”, da quello sportivo, amatoriale o professionista, a quello di chi usa la bici per andare scuola, per fare la spesa o viaggiare, e si rivolge anche ai giornalisti che hanno il compito di comunicare con “tatto” e correttezza le tragiche notizie di incidenti stradali e di narrare la memoria, con attenzione sia agli scomparsi sia alle loro famiglie e comunità. Nel film compaiono molte immagini di tutti gli eventi che si sono succeduti dopo la morte di Michele, fino ad arrivare alla nascita della Fondazione a lui dedicata.

Il pomeriggio del 21 dicembre prossimo, presso l’Auditorium del Campus L'Infinito di Recanati, sarà un momento di riflessioni profonde e di scambio di idee, ma anche di emozioni forti e di richiamo ai valori che proprio il Natale dovrebbe portare con sé: attenzione alle persone, alla sostenibilità ambientale, alle scelte di vita consapevoli, alla politica orientata al ben-essere comune.

L’ingresso è libero e la cittadinanza tutta è invitata a partecipare: famiglie, sportivi, giornalisti, polizia locale e stradale.


7 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  30/12/2019 19:07  Andrea

    C'erano solo i soliti 4 gatti ...... cmq la vorrei vedere utilizzare la bici nelle nostre zone ..........

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 1  28/12/2019 13:56  Remolabarca

    Greta bis!! Ah ah ah... Poverina.

    Svezzati poi dicci...!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    1  0   Rimuovi


  • 2  21/12/2019 15:19  Anonimo595

    Questa come Greta? Sì, come il "birillo verde". una furbastra.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  0   Rimuovi


  • 3  20/12/2019 17:45  Anonimo446

    Ecco un altra Greta......

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    2  1   Rimuovi


  • 4  19/12/2019 12:48  Goffredo Natalucci

    Ecco, il mondo fantastico che tanti "allucinati" sognano. Tutti inconsapevoli della realtà, delle scuole per i figli che non sono dietro l'angolo, della farmacia che non c'è in ogni paese, del lavoro che non sta propriamente "in fondo al corso", del negozio di alimentari che ha tirato giù la saracinesca dieci anni fa, dell'ufficio postale che è aperto due volte a settimana, dei servizi sanitari sempre più distanti.
    Basta con le illusioni da Disneyland. La vita è un'altra cosa.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  2   Rimuovi


  • 5  19/12/2019 11:15  Anonimo veneziano

    Concordo pienamente con anonimo 731 , spesso si esagera con l'uso scriteriato dell'auto ,ma in tanti casi non si puo' farne a meno ,purtroppo è la triste realtà!!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    6  1   Rimuovi


  • 6  19/12/2019 01:36  Anonimo731

    Scusate ma io che abito a Recanati e lavoro a Jesi facendo i turni, tenuto conto che non ci sono mezzi pubblici che fanno questo percorso, cosa faccio, vado a lavorare a piedi o in bicicletta anche quando smonto alle 23.00?
    Vivere senza auto, oggi, non è possibile anche se è vero che molti si sentono padroni della strada e non hanno rispetto di nessuno.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    7  0   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
ascolta la rassegna stampa dei quotidiani locali di oggi
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
24
02
2020
Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Nutrita partecipazione per il secondo appuntamento della rassegna

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür