Stampa questa pagina

Sabato, 21 Dicembre 2019  redazione sport  311 

Villa Musone, il bilancio di fine anno con il responsabile del settore giovanile Davide Finocchi

Villa Musone, il bilancio di fine anno con il responsabile del settore giovanile Davide Finocchi

Il vivaio giallo blu è in continua crescita  

Il Villa Musone continua a crescere con il proprio settore giovanile. Il vivaio dei gialloblu, da sempre fiore all'occhiello della società, è in grande fermento visto che le squadre giovanili sono tutte nel vivo dei rispettivi campionati. Proprio per chiudere l'anno tracciamo un bilancio con il responsabile tecnico del settore giovanile Davide Finocchi, che evidenzia gli aspetti positivi ma anche alcune problematiche, di tipo esterno, che stanno condizionando gli allenamenti settimanali.

Ciao Davide, partiamo con una panoramica dei diversi gruppi. Gli Allievi ed i Giovanissimi hanno concluso la prima fase, come sono andati?

"Direi bene: i Giovanissimi, tutti sotto età visto che ci sono quasi tutti 2006, hanno fatto molto bene, arrivando secondi nel girone e per un soffio non sono arrivati alla fase regionale. Tuttavia nessuno se lo aspettava ed hanno fatto un bellissimo campionato e ci aspettiamo di fare bene anche nella fase provinciale. E' un gruppo su cui puntiamo molto sia per la qualità sia per il numero di atleti. Per gli Allievi ci aspettavamo qualcosina in più, purtroppo siamo partiti male nelle prime partite e non siamo riusciti a raddrizzare la situazione. Comunque siamo fiduciosi di fare bene anche nella seconda fase."

Invece per quanto riguarda l'attività di base com'è l'andamento?

"L'Attività di base va molto bene visto che copriamo tutte le categorie, ma soprattutto durante la settimana c'è molta partecipazione. Gli atleti sono in crescita grazie al lavoro costante che svolgono con i loro tecnici e sono sempre presenti in campo. Nonostante l'inverno vengono sempre ad allenarsi e questo è un aspetto importante. Anche i più piccoli sono in crescita, dove abbiamo aumentato anche i numeri, e contiamo di portare avanti un lavoro certosino in queste fasce d'età".

Facciamo anche una parentesi sulla Juniores anche se non è seguita direttamente da te.

"Si diciamo che settimanalmente per completare il gruppo alcuni ragazzi degli Allievi si allenano con loro, quindi conosco un pò la situazione. La Juniores sta facendo molto bene e c'è da riconoscere il lavoro difficile del mister perchè quando hai una Juniores, con tanti ragazzi impegnati pure in prima squadra, a volte devi allenarti con un organico ridotto non è facile. Quindi è da fare un plauso al mister Pierpaolo Paoloni per il lavoro che sta portando avanti".

C'è un aspetto negativo però da evidenziare che non dipende dal Villa Musone ma che sta condizionando l'attività dei ragazzi.

"Esatto. Dal 2 Novembre scorso si è bruciata una torre faro del campo di Via Turati ed ad oggi ancora non è stata riparata. Pertanto questo è un grosso disagio per la nostra attività settimanale, visto che possiamo usare solo 3/4 di campo, e per l'attività federale perchè non possiamo svolgere le partite in notturna. Considerando che in questo periodo già alle 16.30 è buio, significa che non possiamo far giocare le partite alle nostre squadre giovanili nel nostro campo. Pertanto ogni volta bisogna chiedere dei favori ad altre società per avere un campo disponibile e questo non è più tollerabile, visto che questo arreca un disagio alla programmazione di tutta la nostra attività. Onestamente pensavo che il Comune di Recanati avrebbe provveduto a risolvere in tempi brevi la questione, invece mi sbagliavo. Non mi aspettavo un trattamento del genere visto che abbiamo più di 200 tesserati".

A breve partirà il "6° Torneo Giovani Speranze - Città di Recanati" da quest'anno anche Memorial Gianluca Carotti.

"Il fatto che ci fosse un memorial dedicato a Gianluca era un impegno che ci eravamo presi tutti noi, con in testa il presidente, subito dopo la disgrazia accaduta lo scorso Marzo. Abbiamo iscritte 27 squadre e dalla prossima settimana si inizia con il calcio giocato. Abbiamo società blasonate che militano tra i Pro come Fano e Fermana e tante

altre società importanti. Siamo contenti e consapevoli dello sforzo che richiede ma ormai siamo rodati e siamo pronti a partire".