Stampa questa pagina

Giovedì, 27 Febbraio 2020 09:31  Asterio Tubaldi  684 

Montefano: Lotta obbligatoria contro la processionaria del pino

Montefano: Lotta obbligatoria contro la processionaria del pino

IL SINDACO

Data la stagionalità con cui ricorre l’inizio del ciclo il ciclo biologico del lepidottero “processionaria del pino” (Taumatocampa pityocampa); Dato atto che la lotta contro la processionaria del pino è obbligatoria su tutto il territorio nazionale, poiché costituisce una minaccia per la produzione o la sopravvivenza di alcune specie arboree e può costituire un rischio per la salute delle persone e degli animali; Vista la nota del Servizio Fitosanitario Regionale in cui si segnala la presenza endemica del lepidottero nel territorio della regione Marche e la segnalazione della scheda informativa Ssull’organismo e della scheda tecnica che illustra le tecniche e le modalità per il controllo dell’insetto; Rilevatoche nelle forme larvali questi insetti possono avere effetti sanitari negativi sulle persone che risiedono o frequentano le aree interessate da tale infestazione, in quanto i peli dorsali sono fortemente urticanti e pericolosi al contatto, sia cutaneo siacon le mucose degli occhi e delle vie respiratorie, soprattutto in soggetti particolarmente sensibili;

Dato atto che l’Amministrazione comunale provvede all’esecuzione degli interventi di lotta relativamente alle aree pubbliche e che, affinché detti provvedimenti possano avere efficacia, sono necessari interventi anche sulle aree private, a cura e spese dei proprietari;

ORDINAA tutti i proprietari di aree verdi e agli amministratori di condominio che abbiano in gestione aree verdi private sul territorio comunale, dove insistono alberature appartenenti alla famiglia Pinaceae, tipologia vegetale ospitante l’insetto in questione, di effettuare, entro 30 (trenta) giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza, tutte le opportune verifiche ed ispezioni sugli alberi a dimora nelle loro proprietà, al fine di accertare la presenza dei nidi della processionaria del pino. Nel caso si riscontrasse la presenza dei nidi della processionaria, si dovrà immediatamente intervenire con la rimozione e la distruzione degli stessi, e con l’attivazione della profilassi, secondo quanto prescritto dal D.M. 30/10/2007. I nidi di processionaria ed i rami che li ospitano debbono essere raccolti e distrutti. È fatto assoluto divieto di conferire i nidi di processionaria ed i rami che li ospitano nelle variefrazioni dei rifiuti urbani.Le spese per gli interventi suddetti sono a totale carico dei proprietari interessati.

AVVERTE Che ogni inadempienza rispetto alle prescrizioni contenute nella presente ordinanza comportal’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da € 500,00 a € 3.000,00 prevista dal comma 23 dell’art. 54 del D. lgs. n. 214 del 19/08/2005.

Il Sindaco Dott.ssa Angela Barbieri