Radio Erre notizie locali Recanati
Ascolta la webradio di Radio Erre
notiziemultimediali.it

Venerdì, 02 Agosto 2013 21:59  Anna Rita Marconi  Stampa  1609 

Grazie a Silvio Berlusconi, pubblicato lo Zibaldone del Leopardi in inglese

Grazie a Silvio Berlusconi, pubblicato lo Zibaldone del Leopardi in inglese

È stata finanziata da Berlusconi con 100mila euro, ma tutti si dimenticano di dirlo. Del resto, il poeta non è un'olgettina...
di
Ha ragione Pietro Citati, scrivendo, ieri sul Corriere della Sera, che «mancava alla cultura di ogni paese una figura essenziale: Leopardi». Mancava soprattutto lo Zibaldone in lingua inglese, un'opera fondamentale del pensiero occidentale che adesso, dopo cinque anni di duro lavoro, esce finalmente negli Stati Uniti e in Inghilterra. Citati i nomi di chi ha reso possibile un simile progetto li cita uno per uno: il professor Franco D'Intino, Michel Caesar, il Centro Studi Leopardiani, il ministero degli Esteri, l'editore americano Farrar, Straus and Giroux. Che insieme sono una massa di ipocriti, salvo Citati, forse solo disinformato, perché la vera storia è un'altra, talmente emblematica del malcostume italiano che Leopardi l'avrebbe citata come modello negativo nel suo discorso sui costumi degli italiani.
Ve la racconto io, anche perché c'entro in prima persona. A maggio 2007 fui contattato proprio dal professor Franco D'Intino, stava portando avanti la traduzione dello Zibaldone e aveva bisogno di soldi. Gli chiesi quanti soldi, rispose centomila euro. Non glieli dava né il ministero degli Esteri, né il Centro Studi Leopardiani, e quest'ultimo anzi, aveva pressoché bloccato tutto il lavoro. Non glieli dava neppure la Farrar, Straus and Giroux, anzi Jonathan Galassi pretendeva non solo che fosse pagata la traduzione ma perfino le spese di stampa. Stavano andando avanti con le collette online, spiccioli. A quest'ora sarebbero ancora a pagina dieci.
All'epoca facevo solo lo scrittore, e non scrivevo in esclusiva su nessun giornale, però mi venne un'idea e la proposi a D'Intino: perché non facciamo una campagna per chiedere a un imprenditore, un De Benedetti, un Montezemolo, un Armani, di finanziare proprio questa colossale impresa di prestigio culturale internazionale? Girai l'idea all'Espresso, dal quale proprio in quei giorni avevo ricevuto una proposta di collaborazione. Ma dopo settimane di riunioni risposero no, per Daniela Hamaui non era «abbastanza pop», testuali parole. D'Intino sempre più depresso, io gli dissi di non perdere le speranze, qualcosa mi sarei inventato.
Quindi provai con Libero, diretto da Vittorio Feltri, parlandone con il capocultura Alessandro Gnocchi, e mi dettero subito carta bianca: fai quanti pezzi vuoi, è una cosa troppo importante, se vuoi andiamo avanti anche per un mese. Alla faccia della destra ignorante, pensai. Tra parentesi nacque in quel momento la mia collaborazione in esclusiva con Libero e poi con il Giornale, con la stessa carta bianca.
Non fu una campagna lunga, durò appena un appello, in cui esposi la situazione. Non passarono due giorni e con mia grande sorpresa mi telefonò Gianni Letta, e non da Palazzo Chigi bensì da Recanati, dove era andato per verificare il progetto. Mi informò che Silvio Berlusconi era intenzionato a finanziare la traduzione dello Zibaldone, senza se e senza ma. «Quanti soldi servono?». «Centomila euro». «Bene». Trascorsero altri tre giorni e Letta mi richiamò, chiedendomi su quale conto dovesse far pervenire il bonifico di Berlusconi, e al contempo D'Intino mi pregò di non mandare il denaro al Centro Studi Recanati, sarebbe finito chissà dove. Detti quindi a Letta il numero di conto del Leopardi Centre, raccomandandomi di tenere fuori il Centro Studi di Recanati, e dopo una settimana arrivò il bonifico di Silvio Berlusconi a D'Intino, i centomila euro richiesti.
Tutto l'italico, vomitevole schifo ha inizio da quel momento. Neppure il tempo di festeggiare e D'Intino mi telefonò in lacrime: il Centro Studi Recanati, e perfino l'Università La Sapienza, lo stavano isolando perché aveva accettato i soldi di Berlusconi. Obiettai che era assurdo, ma lui continuava a frignare, la sua carriera rischiava di finire. Addirittura? Allora, a malincuore per Leopardi, gli consigliai di non prenderli. Invece i soldi se li tenne, e l'équipe si mise al lavoro. Tuttavia il nome di Berlusconi continuò a non comparire nel sito del Leopardi Centre, neppure a distanza di anni, solo una vaga dicitura: finanziamenti privati. Richiamai D'Intino per avere spiegazioni. Per mio principio, Berlusconi aveva finanziato a fondo perduto e senza nessuna richiesta o clausola, gli bastava andassero avanti. La risposta di D'Intino fu surreale: avevano perso la password. Sebbene il sito continuasse a essere aggiornato.
Ora finalmente esce lo Zibaldone, e salta fuori che proprio chi ha ostacolato l'impresa se ne prende il merito e viene citato da Citati. Il sottoscritto, tra l'altro, non è stato neppure informato della pubblicazione, immagino neppure Berlusconi. Non essendo Giacomo un'olgettina non interessa a nessuno, non sarà abbastanza pop. Anzi, le olgettine sono un modello etico di gratitudine e lealtà in un'Italia di ingrati approfittatori. Di certo se Leopardi fosse vivo sputerebbe in faccia a tutti.
opinioni a confronto

11 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!

  • 0  08/08/2013 21:34  Anonimo

    Be silvio e' stato sempre un grande intellettuale e amante della cul..tura le sue cene a milano e6 a roma sono state sempre frequentate da grossi nomi della cultura italiana mora minetti fede ecc..

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  1   Rimuovi


  • 1  06/08/2013 16:40  Anonimo

    Accettare o non accettare? Da Satana non si dovrebbe...perché Berlusconi è Satana, non ci sono dubbi (ironia!!!). Siamo arrivati all'assurdo, al ridicolo, all'inverosimile... "Lui" deve per forza aver fatto solo cose ignobili, cattive, false e via così... Peccati ne avrà certamente, come tutti d'altronde... I suoi sono in piazza, quelli degli altri misconosciuti e/o nascosti. Resta anche da vedere, con verità, se i meriti siano inferiori...considerando le aziende e la quantità di persone cui ha dato un lavoro, le sue indubbie qualità di leader e anche, sì, le diverse cose buone fatte in politica (ricordo come esempio l'innalzamento a 1 milione di lire per le pensioni sociali e minime). Ma l'invidia è una brutta bestia per chi imposta un programma politico sull'odio per l'avversario anziché fare proposte alternative concrete... Ma..e l'invidia... Da rileggere in proposito certi pensieri di Giacomo Leopardi!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 2  05/08/2013 16:24  Anonimo

    I soliti disperati tentativi di convincere e cercare di convertire gli altri ad
    essere per forza antiberlusconisti, ma il mondo è bello perché è vario, siamo tutti
    esseri umani e non automi, il costringere tutti a pensare allo stesso modo
    fa parte dei regimi totalitari, non dei paesi democratici.
    Quello che fanno i giudici bisognerà accettare certamente ma non è sempre
    sacrosanto e non è vangelo, di errori giudiziari la storia italiana ne è costellata.
    E se un domani Berlusconi venisse riconosciuto non colpevole per i suoi reati?
    Il magistrato può sbagliare come qualsiasi altro professionista, e non paga mai
    i suoi errori come lo fa qualsiasi altro professionista.
    Non per essere seguace di Berlusconi che non mi interessa affatto, appare però
    del tutto subdolo il comportamento di certi magistrati, che hanno iniziato
    ad interessarsi di Berlusconi con avvisi di garanzia solo dopo aver creato un partito
    con il quale è riuscito a battere politicamente quel partito antagonista più forte
    politicamente fino a quel momento. Qualcuno per favore saprebbe spiegarmi
    perché codesti magistrati non si sono mai interessati quando egli era a capo
    della Fininvest o Mediaset come si chiama ora, ovvero quando compiva tali reati?

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 3  04/08/2013 10:08  paolo magagnini

    Qualcuno, per favore, vuol spiegarmi perchè, tutto in Italia debba ridursi ad una partita di pallone, dove non si guardano le cose come stanno, ma si fa sempre e soltanto il tifo? La politica è, o dovrebbe essere, un'altra cosa e MOLTO più elevata. Se questa notizia è vera bene, non ho nessunissima difficoltà ad inchinarmi di fronte a cotanta sensibilità da parte di Berlusconi Silvio. Ma cosa cavolo c'entra tutto ciò, col fatto che sia stato condannato per frode fiscale e, probabilmente, altre ne arriveranno? O vogliamo sposare sul serio la tesi, che se un giudizio è a ns sfavore, allora è viziato da malafede, o che, se riceve dieci milioni di voti dagli italiani, allora è innocente o non giudicabile dallo Stato, ma semmai, da dio onnipotente in persona? Smettiamo di indossare casacche di appartenenza e giudichiamo le cose con onestà ed obbiettività. Solo allora abbiamo anche il diritto di sbagliare nei giudizi. Nella cultura del resto del mondo (quello moderno ed occidentale), un personaggio come S.B. sarebbe finito da molto tempo. Qui da noi no! (certo, dimenticavo, a causa di una giustizia corrotta e politicizzata). Se poi ha fatto anche opere belle e nobili (e son certo non solo questa), allora grazie Silvio! Grazie, grazie, grazie. Ma sempre un pregiudicato rimane. Avrei preferito avesse detto: "è vero, in altri periodi della mia vita ho frodato il fisco. Chi di noi, nella possibilità di farlo, non lo ha mai fatto?"... ps: proprio per la mia "non appartenenza" il mio voto andrà sempre, a chi dimostra di meritarlo, e non a chi, va contro qualcun'altro o risponde ad una fede che ormai non ha più ragione di esistere. grazie

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 4  03/08/2013 17:30  Anonimo

    Cari nemici giurati di Berlusconi, non vi aspettate che un
    Berlusconi in galera o agli arresti sia un grosso affare per voi, in quanto politicamente lo ha rafforzato, andatevi a vedere i sondaggi e noterete un PDL in forte crescita.
    Ora tutti i suoi elettori e sostenitori faranno quadrato intorno al suo leader e porteranno avanti le sue battaglie.
    I giudici con le loro tesi accuastorie e segreti istruttori non hanno dimostrato nulla.
    Un Berlusconi in galera sarà peggio per voi di un Berlusconi a piede libero, aveva ragione Renzi era meglio batterlo politicamente
    Chi vivrà vedrà.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 5  03/08/2013 13:17  Anonimo11

    non avrebbero dovuto accettare soldi da parte di un delinquente abituale!
    E ricordatevi che Pertini..rifiuto' di venire a Recanati perché citta' di un parlamentare massone.. proprio come il pregiudicato B. TESSERA N° 1816.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 6  03/08/2013 12:34  F. Baiocco

    E' una minima parte di quanto ha frodato al fisco! Piccolissimo risarcimento per gli italiani impoveriti a causa del suo catastrofico modo di governare in tutti questi anni.
    F. Baiocco

    E la prima volta che accedo al sito! Non comprendo perché vengano pubblicati e quindi resi degni di nota commenti anonimi!!!!!!

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 7  03/08/2013 12:27  Anonimo

    Io non credo alla colpevolezza di Berlusconi, credo invece
    che ci siano evidenti tentativi di destabilizzare l'avversario politico e la democrazia italiana.
    Mi chiedo come mai dopo il 1994 anno in cui entrò in politica,
    da li in avanti fino ad oggi, ebbe un susseguirsi di avvisi di garanzia senza precedenti come nessun altro, e come mai prima di quell'anno da imprenditore non ne ebbe mai nemmeno uno, i magistrati non si occuparono mai di lui?
    Ci sono molte cose che non tornano in questa lunga vicenda.........

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 8  03/08/2013 09:37  Anonimo

    Ho sempre votato centro sinistra ma dopo questa notizia sulla sensibilità nei confronti della cultura da parte di Silvio Berlusconi farei fatica a gestire i sensi di colpa se alle prossime elezioni non dovessi votare per il centro destra.

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 9  03/08/2013 00:04  Anonimo

    Almeno ha fatto un buon uso del profitto da reato (frode fiscale).

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


  • 10  02/08/2013 22:46  Anonimo

    e lo so purtroppo è cosi................

    SONO FAVOREVOLE!SONO CONTRARIO!

    0  0   Rimuovi


 Esprimi la tua opinione




Gentile utente, ai sensi della normativa denominata "EU Cookie Law" ti informiamo che questo sito utilizza Cookie al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
servizio necrologi a cura di Radio Erre per la citta di Recanati e province Macerata, Ancona
iscriviti all anewsletter di Radio Erre
24
02
2020
Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Dorinda di Prossimo incanta a Versus

Nutrita partecipazione per il secondo appuntamento della rassegna

02
03
2020
Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Il calcio marchigiano riparte il prossimo fine settimana, stop prolungato soltanto nel pesarese

Si riprende dalla giornata sospesa nell'ultimo week end dall'Eccellenza in giu'

01
03
2020
Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Gli ex pungono e la Recanatese esce sconfitta dal Della Vittoria, il derby va al Tolentino 3 a 1

Non basta il gol di Pezzotti ai giallo rossi che scivolano a meno 7 dalla vetta

28
02
2020
Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

Tolentino - Recanatese si gioca regolarmente, contrordine della Lega

In serie D girone F nessuna gara rinviata, giallo rossi di scena al Della Vittoria alle 14,30

Online apotheek | Onlineapotek för erektil dysfunktion | Spediscono le pillole del Cialis legalmente | Comment économiser de l'argent | Viagra-Pillen an Ihrer Tür